Messa a Disposizione

Cosa allegare alla Messa a Disposizione

Cosa allegare alla Messa a Disposizione?
Come inviare la MAD nella forma più corretta, affinché venga presa in considerazione dalle scuole?

Se sei un insegnante o un neolaureato e vuoi dare una svolta alla tua carriera nel mondo della scuola, saprai che per inviare la domanda di messa a disposizione (MAD) sono necessari determinati requisiti.

Come inviare la Messa a Disposizione

Dopo aver scelto la tua destinazione (qui ti sveliamo i criteri per la scelta della città con maggiori possibilità di successo) non devi dar altro che inviare la tua Messa a Disposizione attraverso diversi mezzi:

  • Fax;
  • Posta elettronica certificata (P.E.C.);
  • Raccomandata A. R.;
  • A mano.

Una volta che hai scelto come trasmettere tua domanda di messa a disposizione, preoccupati di compilare il documento in modo corretto, completo e professionale.

Come scrivere la Domanda di Messa a Disposizione

Nella tua domanda di messa a disposizione
devi inserire le seguenti informazioni:

  • Titoli di accesso;
  • Altri titoli di studio, culturali e professionali;
  • Titoli di servizio e titoli di preferenza.

La domanda va inviata singolarmente a ogni Dirigente Scolastico.

Pertanto, se decidi di inviare la tua MAD via mail, è importante che il documento abbia determinati requisiti.

Deve essere:

  • Personalizzato per ciascuna scuola;
  • Deve avere un’intestazione;
  • Deve riportare eventuali sedi associate.

Cosa allegare alla Domanda di Messa a Disposizione

Come abbiamo scritto sopra, una MAD efficace deve riportare con precisione:

  • Dati anagrafici;
  • Titoli conseguiti;
  • Esperienze eventuali maturate a scuola;
  • La classe di concorso per cui intendi presentarti.

Le informazioni che fanno di te un candidato ideale per la posizione ambita vanno documentate allegando alla MAD un CV formato europeo più tutte le certificazioni in tuo possesso, comprese eventuali pubblicazioni.

Inutile dirti che più una MAD è corposa ed esaustiva, maggiori sono le possibilità di essere preso in considerazione dai Dirigenti degli istituti a cui questa è stata inviata.

Per maggiori informazioni relative alle MAD, consulta il nostro sito Docenti.it.

Photo credit: Pixabay.

Altri articoli che possono interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *