Formazione, News

Metodo Montessori: tutti i pro e i contro

metodo-montessori

È un metodo famoso, tra quelli di maggior successo nel mondo dell’educazione, tanto che diverse culture lo hanno adottato: si tratta del metodo Montessori, punto di riferimento per migliaia di insegnanti in tutto il mondo. Come funziona e, soprattutto, quali sono i suoi vantaggi? Esistono forse anche degli svantaggi nell’applicazione del metodo? Scoprilo con questo articolo su i pro e i contro del metodo Montessori

Che cos’è il metodo Montessori

Il metodo prende il nome dalla sua inventrice, la Dottoressa Maria Montessori, che sperimentò il suo approccio educativo prima con i bambini con problemi psichiatrici e, poi, con i bambini di qualsiasi età. 

Il metodo montessoriano si basa sull’autonomia del discente e segue un sistema di linee guida che rispetta i bisogni interiori, i tempi e i modi personali di apprendimento di un bambino. In questo sistema, l’adulto o l’insegnante intervengono solo come guida, ed è invece il bambino che impara a conoscere il mondo e ad apprendere attraverso le sue esperienze dirette e i suoi esperimenti. Può farlo da solo o in gruppo, con materiale di supporto e in un ambiente il più possibile “preparato”.

I principi del metodo di Maria Montessori

In particolare, il metodo educativo montessoriano si basa su alcuni principi guida, che sono:

  • Educare il bambino (o lo studente) all’indipendenza;
  • Dare sempre fiducia e mai impedire a un bambino di fare qualcosa;
  • Incentivare il bambino alla precisione con compiti scrupolosi;
  • Intervenire poco o quasi mai e guidare un bambino a migliorarsi da solo;
  • Mai forzare un bambino a fare qualcosa;
  • Educare al contatto con la natura e a prendersi cura degli esseri viventi;
  • Non parlar male di un bambino;
  • L’ambiente scolastico deve essere a misura di bambino (“ambiente preparato”);
  • Il ruolo dell’adulto è quello di accompagnare i bambini nel viaggio.
metodo-montessori

I pro del metodo Montessoriano

Adottare il metodo Montessori comporta sicuramente dei vantaggi, non solo per il bambino, ma anche per l’insegnante e il genitore. Si dice che la prassi montessoriana spinga gli studenti ad essere più disponibili e ricettivi e a diventare più responsabili. Ma al di là del risultato, i pro del metodo Montessori si possono riassumere nei seguenti punti.

  • Il percorso di apprendimento è unico e su misura di ogni bambino: gli insegnanti del metodo Montessori assecondano le naturali inclinazioni dello studente, capiscono i suoi bisogni e lo indirizzano sul modo migliore per sviluppare nuove capacità in modo autonomo e del tutto personalizzato;
  • L’apprendimento si basa sull’esperienza, anche trascorrendo molto tempo all’aperto ed effettuando giochi e progetti di gruppo che replicano contesti di vita reali, con il risultato che lo studente è davvero coinvolto e sviluppa, oltre alle nuove conoscenze, anche delle capacità relazionali e trasversali (le famose soft skills);
  • Il metodo di apprendimento è per tutti: il sistema di regole della Montessori favorisce l’inclusione, anche perché alcune attività si basano su gruppi misti con bambini di età diverse. Tra l’altro, benché il metodo sia molto diffuso nelle scuole materne, questo approccio si adatta bene anche agli studenti di età maggiore;

I contro del Metodo Montessori

Nonostante i notevoli vantaggi, alcuni studiosi sostengono che il metodo Montessori abbia anche degli svantaggi. Il primo è che si tratta di una vera filosofia di vita che non dovrebbe essere perseguita solo a scuola, ma anche a casa: persino i genitori, quindi, devono impegnarsi per seguire le linee guida alla base di questo approccio didattico, il che richiede impegno, attenzione e un po’ di preparazione.

Ma oltre a questo, alcuni esperti muovono diverse critiche nei confronti dell’approccio montessoriano in quanto non sarebbe adatto a favorire l’apprendimento di alcune materie, come per esempio la matematica, che con il suo meccanismo di regole ferree che difficilmente uno studente potrebbe padroneggiare con l’esperienza. In generale, questo metodo non sarebbe adatto a tutti i tipi di attività.

C’è chi poi riscontra che i bambini educati con il metodo Montessori abbiano più difficoltà a frequentare la scuola tradizionale. Il sistema scolastico infatti ha regole più rigide e prevede che, ad esempio, il bambino o lo studente stiano seduti al banco ad ascoltare: qualcosa di molto diverso dal modo libero e coinvolgente con cui il bambino impara a conoscere con il sistema montessoriano. 

E tu docente, cosa ne pensi? Sei pro o contro metodo Montessori?

author-avatar

Scritto da Roberta Lucarelli

Un argomento complesso come le graduatorie merita di essere spiegato in modo esaustivo. Il mio obiettivo è avere sempre una visione chiara del tema “graduatorie”. Penso che gli aspiranti docenti che ogni anno si impegnano per raggiungere il proprio sogno sia quello di avere delle risposte il più possibile puntuali e aggiornate.

Altri articoli che possono interessarti