Formazione

Come diventare insegnante più in fretta con il metodo Docenti.it

Come diventare insegnante?

Una domanda a cui spesso non si trova risposta.
Però, una cosa è certa: diventare professore è il sogno di molti, ma sul come diventare insegnante non esistono certezze, ma solo dubbi e caos.

Ma niente paura, perché Docenti.it ha lavorato negli ultimi mesi a un nuovo servizio capace di trovare il filo di Arianna in questo labirinto di informazioni confuse su come fare per insegnare!

Come diventare insegnante: tutti gli step

Le persone che hanno il sogno di diventare insegnante spesso non hanno molto ben chiaro l’iter per realizzare questo desiderio.

I docenti, infatti, devono affrontare una serie di step che spesso non sono spiegati bene neanche dalle istituzioni, che invece dovrebbero essere l’unico punto di riferimento.

Allora ci si affida al parere dei colleghi per cercare di capire concretamente come diventare insegnante.

Sveliamo in parte l’arcano raccontando come si diventa docenti con le regole attualmente in vigore.

Cosa deve possedere un docente

Innanzitutto, un docente deve possedere un titolo di studio che dia accesso ad almeno una classe di concorso.

Una classe di concorso non è altro che un codice che identifica una materia di insegnamento in specifici ordini e gradi di istituto.

Per essere davvero sicuri di poter insegnare una materia, bisogna anche valutare il proprio piano di studi per verificare di avere tutti i CFU in specifici settori scientifici disciplinari (SSD) richiesti dalla classe di concorso a cui si vuole accedere.

Fatto ciò, siamo neanche a metà dell’opera.

I docenti della scuola secondaria di I e II grado, infatti, devono anche conseguire i 24 CFU per l’insegnamento, che sono un requisito obbligatorio per insegnare alle superiori o alle medie.

Ma al netto di questo, con tutte queste credenziali, un docente può “solo” dedicarsi a delle supplenze, iscrivendosi in graduatorie oppure inviando le domande MAD.

Le supplenze. e i punteggi

Mentre effettua le supplenze, un insegnante accumula punti, che possono essere ulteriormente aumentati con master e corsi di perfezionamento, certificazioni linguistiche e informatiche.

Ma a cosa servono questi punti?

I punti sono utili sia per scalare le posizioni in graduatoria (attraverso cui si ottengono le convocazioni per le supplenze) sia per partecipare ai concorsi scuola.

E finalmente arriviamo al punto su come diventare insegnante.

Soltanto vincendo un concorso scuola un docente diventa insegnante a tutti gli effetti: ottiene così il tanto agognato ruolo, che porta a un contratto di tempo indeterminato nella scuola.

come diventare insegnante

Come diventare insegnante è diventato “un sogno impossibile”

La strada per diventare docente è lunga e insidiosa. Siamo stati bravi a riassumerla in pochi paragrafi, ma la verità è che dal momento della laurea all’ottenimento del ruolo passano in media 5 o 7 anni.

E questo non è certo colpa del povero insegnante, ma di un sistema intricato che non rilascia informazioni chiare, e che anzi cambia le regole in gioco ad ogni giro di boa del governo.

Una volta si otteneva l’abilitazione all’insegnamento con corsi specifici, che ora non esistono più, salvo per i TFA sostegno per avere la specializzazione sul sostegno.

Un altro esempio? I concorsi scuola banditi nel 2020 ancora non hanno dato esito, anche per i rallentamenti dovuti all’emergenza Covid.

Insomma: c’è confusione.
Molta confusione e poca chiarezza, aggiungiamo noi.

In una situazione simile, il docente non ha punti di riferimento, e magari si affida ai consigli di qualche amico collega che ce l’ha fatta; e qui si creano altri problemi, perché il percorso che va bene per un insegnante non è detto che sia giusto per un altro.

Così molti si ritrovano a frequentare corsi inutili, che non apportano nessun beneficio. Altri, invece, si iscrivono in graduatorie per una provincia super gettonata o per una classe di concorso con molta concorrenza, e finiscono per non essere chiamati mai per una supplenza.

Ecco perché, in questo marasma di regole che mutano e informazioni mancanti, noi di Docenti.it abbiamo deciso di mettere ordine e di lanciare un innovativo servizio per aiutare gli insegnanti a realizzare il loro sogno.

E trovare finalmente risposta alla domanda “Ma come posso diventare insegnante?”.

InCattedra: il primo servizio che ti aiuta a diventare insegnante

Si chiama InCattedra ed è il primo servizio che offre consigli specifici e personalizzati su come diventare professore dimezzando i tempi medi.

Il nostro servizio si fonda sull’idea che possiamo identificare il percorso più adatto alla tua preparazione e alle tue aspirazioni.

Ad esempio, confrontiamo il tuo titolo di studio con i servizi che hai svolto, calcoliamo il tuo punteggio, lo mettiamo a confronto con quello di altri candidati e analizziamo le diverse possibilità di inserimento in graduatoria.

Grazie a queste informazioni specifiche e al software sviluppato dagli informatici di Docenti.it scoprirai quali sono le graduatorie dove hai più possibilità di trovare un incarico a lungo termine.

Lo stesso dicasi per i percorsi formativi, per le certificazioni e addirittura per i canali alternativi, per esempio puntare a una nuova classe di concorso grazie ai master integrativi di CFU, oppure concentrarti su una carriera come docente di sostegno.

Le azioni da intraprendere potranno essere definite solo nel momento in cui i nostri consulenti ti conosceranno meglio e avranno valutato attentamente tutti i dettagli per studiare il percorso su misura più adatto a te.

E scoprirai come diventare insegnante più velocemente!

Scopri tutto quello che possiamo fare per te con InCattedra, il nuovo servizio di Docenti.it!


Scopri il nostro nuovo servizio
author-avatar

Scritto da Roberta Lucarelli

Un argomento complesso come le graduatorie merita di essere spiegato in modo esaustivo. Il mio obiettivo è avere sempre una visione chiara del tema “graduatorie”. Penso che gli aspiranti docenti che ogni anno si impegnano per raggiungere il proprio sogno sia quello di avere delle risposte il più possibile puntuali e aggiornate.

Altri articoli che possono interessarti