Messa a Disposizione

Come si prepara una Messa a Disposizione? Chiedi a Docenti.it!

Le opportunità di una Messa a Disposizione per un aspirante supplente sono indiscutibili.

Eppure, molti docenti o ATA vedono rifiutate le loro candidature, molto spesso perché contengono errori o sono compilate male.

Per fortuna, gli specialisti di Docenti.it sono pronti a togliere qualsiasi dubbio riguardo la compilazione di una Messa a Disposizione.

Ecco come fare per avere più chance di convocazione!

Come si prepara una Messa a Disposizione: i tipi di MAD

Iniziamo col dire che esistono 4 diverse tipologie di MAD:

  1. La prima è la MAD classica per ricoprire un ruolo di supplenza come docente di una materia scolastica;
  2. Esiste poi la MAD sostegno, per lavorare come supplente assistendo studenti con difficoltà nell’apprendimento;
  3. Esistono le MAD ATA per lavorare come collaboratore scolastico o bidelli;
  4. Infine, le MAD per i corsi di recupero.

A seconda della tipologia che ti interessa, dovrai indicare dei dati particolari, dimostrando di avere i requisiti per candidarti con la MAD che hai scelto.

Vediamo ora quali informazioni deve includere la domanda di Messa a Disposizione.

Dati personali e di contatto

  • Cognome e nome;
  • Indirizzo di residenza;
  • Codice fiscale;
  • Indirizzo Email;
  • Telefono cellulare.

Titoli di studio e altri titoli culturali e professionali

  • Descrizione del titolo di studio in tuo possesso con votazione;
  • Classi di concorso a cui hai accesso, indispensabili per le MAD classiche e le MAD corsi di recupero;
  • Il titolo di specializzazione sul sostegno per la MAD sostegno;
  • Eventuale possesso dei 24 CFU.

Altri titoli necessari

  • Certificazioni informatiche;
  • Certificazioni linguistiche;
  • Master e Corsi di perfezionamento.

Cosa si allega alla Messa a Disposizione

Indicare dati anagrafici e titoli conseguiti non basta: per una domanda di Messa a Disposizione davvero esaustiva, bisogna anche allegare dei documenti che attestino quello che stai dichiarando.

Le informazioni possono essere arricchite anche da un CV formato europeo più la copia di tutte le certificazioni in tuo possesso, comprese eventuali pubblicazioni ed esperienze maturate a scuola come supplente (ancora meglio se nella stessa classe di concorso per cui intendi candidarti).

Attenzione però a non farti prendere la mano.

Da una parte è vero che la MAD deve riportare in modo esaustivo tutte le informazioni, ma presentare pagine e pagine di curriculum vitae potrebbe essere controproducente, perché le segreterie scolastiche spesso hanno poco tempo per controllare tutto.

La sintesi sarà sicuramente apprezzata!

messa a disposizione

Come e quando si consegna una MAD scuola

Dopo aver compilato la MAD sei solo a metà dell’opera. Infatti dovrai procedere con la cernita degli indirizzi delle scuole a cui vorrai destinare le tue domande MAD.

Hai diversi modi per farlo:

  • Fax;
  • Posta elettronica certificata (P.E.C.);
  • Raccomandata A. R.;
  • Email;
  • Di persona, presentandoti direttamente a scuola.

Quali sono i periodi favorevoli per l’invio MAD

Devi anche sapere che non esiste una regola certa per l’invio della MAD. Puoi inviarla in qualunque momento, anche se esistono dei periodi favorevoli.

Ovvero, periodi in cui è più probabile che la tua domanda colga nel segno. Ad esempio:

  • Prima che inizi l’anno scolastico: in particolare modo, ad agosto;
  • Dopo la pausa delle vacanze natalizie;
  • Qualche settimana prima della fine dell’anno scolastico.

La MAD messa a disposizione con Docenti.it

Come abbiamo visto, preparare e inviare una Messa a Disposizione scuola non è complicato, ma l’errore è sempre dietro l’angolo e anche una piccola imprecisione può comportare la preferenza di un altro candidato alla tua domanda.

Se vuoi essere sicuro di fare una compilazione e di una consegna della tua candidatura davvero a prova di segreteria, non ti resta che chiedere l’aiuto di Docenti.it.

Il nostro servizio online ti permette di scegliere la domanda MAD che fa al caso tuo e di compilarla senza errori, grazie all’assistenza del nostro team di specialisti.

In più, puoi scegliere la provincia e i gradi di Istituto presso cui inviare la tua MAD e provvederemo noi all’invio della Messa a Disposizione negli Istituti scelti.

Il nostro servizio può prevedere anche l’invio multiplo della tua MAD nei periodi caldi dell’anno, così potrai aumentare le opportunità di essere chiamato a fare il supplente.

Cosa succede dopo l’invio

A quel punto, dovrai aspettare la conferma dell’avvenuta consegna e riceverai un report dettagliato con il resoconto di tutte le scuole a cui è stata inviata la MAD messa a disposizione.

La tua candidatura, inoltre, verrà caricata sulla piattaforma Elenco Nazionale Supplenti: un portale sempre consultabile dalle scuole, sia pubbliche sia private, per cercare insegnanti e supplenti da inserire in classe.

Prepara ora la tua Messa a disposizione MAD insieme a Docenti.it!


Invia la tua MAD

Photo credit: Pexels.

author-avatar

Scritto da Simona Fornace

Essere di supporto agli aspiranti docenti di tutta Italia è una delle soddisfazioni più grandi della mia attività con Docenti.it. Aiutare un insegnante ad inviare la sua MAD significa aumentare la sua possibilità di esaudire il proprio sogno di insegnare. Precisione, puntualità e affidabilità sono alla base di ogni messa a disposizione.

Altri articoli che possono interessarti