Messa a Disposizione

Messa a disposizione online: tipologie e vantaggi

messa-a-disposizione-online

Lavorare a scuola è il sogno di molti: le graduatorie, i Concorsi Scuola… esistono tante diverse possibilità per inserirsi come docente nelle scuole. Un buon punto di partenza sono le supplenze, che possono realizzarsi in due diverse modalità: l’iscrizione in graduatoria da un lato e, dall’altro, la MAD. Quest’ultima è una delle vie più battute, perché consente di bypassare le trafile burocratiche scolastiche per candidarsi spontaneamente nelle scuole come docenti o personale ATA. L’invio della messa a disposizione online, poi, rende il tutto estremamente più facile e veloce! 

Scopriamo insieme le diverse tipologie di MAD e i vantaggi del loro invio attraverso una piattaforma online come quella di Docenti.it!

Che cos’è una domanda scuola MAD

La domanda di messa a disposizione permette di lavorare nel mondo della scuola come supplente. Si tratta di una buona opportunità per chi deve ancora iscriversi in graduatoria: essa permette infatti di far conoscere la propria disponibilità a lavorare come supplente nelle scuole attraverso una semplice domanda informale, che può essere recapitata presso le segreterie scolastiche. 

Sono proprio le segreterie, attraverso i Dirigenti Scolastici, a chiamare in servizio i candidati tramite MAD quando gli Istituti si trovano a corto di docenti. Nel caso in cui le graduatorie non siano sufficienti a coprire i buchi dei posti vacanti (e credici, succede molto spesso di quel che si crede), le domande scuola sono il piano B per eccellenza.

In realtà, poi, la MAD non è prerogativa assoluta degli insegnanti: è infatti possibile candidarsi con una messa a disposizione anche se si vuole ricoprire un incarico come Personale ATA. Esistono infatti diverse tipologie di domanda di messa a disposizione, ognuna con specifiche peculiarità!

mad-online

Le tipologie di MAD supplenze e chi può inviarle

Diciamo subito una cosa importante: trattandosi di una domanda informale, per candidarsi con una MAD non è necessario essere in possesso dell’abilitazione all’insegnamento. In generale, tutti coloro che possiedono un titolo minimo per accedere all’insegnamento possono presentare una messa a disposizione. Ovviamente, dipende a quale tipologia di MAD sono interessati: in totale sono 4 le domande scuola che è possibile inviare negli istituti:

  • MAD classica, per l’insegnamento di una delle materie delle classi di concorso;
  • MAD recuperi estivi, per insegnare nei corsi di recupero dei debiti;
  • MAD per sostegno, per fare l’insegnante di sostegno;
  • MAD ATA, per lavorare come personale tecnico amministrativo.

Scendendo poi nei titoli particolari richiesti per ogni MAD, scopriremo che:

  • Chi possiede un Diploma tecnico o professionale può presentare la domanda di MAD come personale ATA o come docente ITP;
  • Chi è in possesso di una Laurea triennale può inviare la MAD come personale ATA;
  • Chi ha una Laurea magistrale può candidarsi per la MAD classica, recuperi estivi e personale ATA);
  • Chiunque possiede il titolo di abilitazione sul sostegno, può inviare una MAD per sostegno.

 

Tuttavia, esistono delle eccezioni. Il primo riguarda proprio le domande di messa a disposizione sul sostegno: poiché in Italia c’è una mancanza cronica di docenti di sostegno, molto spesso le segreterie considerano anche le domande da parte di chi non possiede la relativa specializzazione. E non è il solo caso. 

Può capitare infatti che anche chi non possiede il titolo pieno che dà accesso alle classi di concorso possa fare il supplente. Si tratta dei laureati triennali, che da regolamento potrebbero candidarsi con le MAD solo per il servizio di Personale ATA, ma che, nella realtà, a volte sono convocati anche per una supplenza come docenti.  

Perché conviene inviare una messa a disposizione online

Come si procede con l’invio MAD scuole

Tra i sistemi più utilizzati ci sono la PEC, la consegna brevi manu e la raccomandata con ricevuta di ritorno. Tutti questi sistemi, però, hanno in comune una cosa: la loro dispendiosità. Per inviare una domanda a scuola è infatti necessario scegliere gli istituti, reperire i loro contatti, redigere lettere o e-mail o, addirittura, recarsi di persona istituto per istituto. Insomma: un’attività lunga, che sottrae tempo ed energie, e che potrebbe anche non dare i risultati sperati. Come fare allora? 

Ad oggi il sistema più efficace per candidarsi come supplente è senza dubbio l’invio della messa a disposizione online

Inviare una messa a disposizione online consente di consegnare a più istituti scolastici e ordini di scuola la propria domanda. Grazie al servizio di Docenti.it, inoltre, tutto questo avviene in modo simultaneo, con un vantaggio indiscutibile per i futuri supplenti. Inviare MAD scuole online consente di risparmiare molto tempo perché evita al candidato molte attività come la consegna a mano della MAD, l’invio di molteplici lettere o e-mail. A questo pensa a tutto Docenti.it!

Ovviamente non si tratta dell’unico vantaggio. L’invio simultaneo a più istituti permette di avere anche maggiori opportunità di essere contattati per una supplenza: più scuole riceveranno la domanda, più sono le chance di ottenere una convocazione! 

Inoltre, il servizio di messa a disposizione online di Docenti.it permette di tenere traccia di tutti i dati. Non a caso, i consulenti specializzati, dopo la consegna, si occupano sempre di redigere un report dettagliato di tutti gli istituti che hanno ricevuto la MAD. Così i supplenti possono essere certi che il loro invio sia andato a buon fine. 

L’invio MAD online con Docenti.it

Abbiamo illustrato i principali vantaggi dell’inviare una messa a disposizione online con Docenti.it, ma in realtà le opportunità… non finiscono qui!

Chi decide di affidarsi al servizio di Docenti.it sa di potersi affidare a qualcosa di più di un sistema di recapito automatizzato di una candidatura MAD. I nostri consulenti sono infatti a disposizione per revisionare e preparare una messa a disposizione completa e corretta in ogni dettaglio: un lavoro da vero esperto, che permetterà al futuro supplente di correggere gli eventuali errori e rendere ancora più competitivo il suo profilo. Un buon modo per battere la concorrenza, no?

In più, le domande scuola inviate tramite Docenti.it saranno inserite sempre gratuitamente all’interno dell’”Elenco Nazionale Supplenti”, l’unico strumento che gli istituti di ogni ordine e grado utilizzano per gestire le candidature!

Invia subito la tua messa a disposizione online con Docenti.it!


Invia ora la tua MAD online
author-avatar

Scritto da Simona Fornace

Essere di supporto agli aspiranti docenti di tutta Italia è una delle soddisfazioni più grandi della mia attività con Docenti.it. Aiutare un insegnante ad inviare la sua MAD significa aumentare la sua possibilità di esaudire il proprio sogno di insegnare. Precisione, puntualità e affidabilità sono alla base di ogni messa a disposizione.

Altri articoli che possono interessarti