News

Tutto quello che devi sapere sulle Graduatorie Personale ATA

personale-ata

Quali sono le figure professionali che fanno parte del personale ATA? E, soprattutto, come si può aspirare a ricoprire questi ruoli nelle scuole? Dai requisiti alle graduatorie personale ATA, dai prossimi concorsi fino alle domande di messa a disposizione: tutte le informazioni che cerchi a cura di Docenti.it!

Che cos’è il personale ATA

Il personale ATA è il personale non docente che lavora nelle scuole con ruoli amministrativi, tecnici o ausiliari. “ATA” è infatti la sigla di Amministrativo, Tecnico e Ausiliario. Si tratta quindi di personale non docente che collabora con i dirigenti scolastici e gli insegnanti, occupandosi di diverse attività in base al profilo professionale di riferimento.

Il personale ATA comprende diversi ruoli e mansioni. Per l’accesso ad ogni profilo professionale è ovviamente richiesto il possesso di specifici requisiti e titoli di studio:

Collaboratori scolastici

• diploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale;

• diploma di maestro d’arte;

• diploma di scuola magistrale per l’infanzia;

• diploma di maturità;

• attestati e/o diplomi di qualifica professionale, della durata di 3 anni, rilasciati o riconosciuti dalle Regioni.

• diploma di qualifica professionale di operatore agrituristico o operatore agro industriale o operatore agro ambientale (solo per CR – collaboratori scolastici addetti all’azienda agraria.

Assistenti Amministrativi e Tecnici

• diploma di maturità;
• per gli assistenti tecnici, diploma di maturità che dia accesso a una o più aree di laboratorio.

Cuochi (presso convitti ed educandati)

• diploma di qualifica professionale di Operatore dei servizi di ristorazione – settore cucina

Infermieri (presso convitti ed educandati)

• laurea in Scienze Infermieristiche o titoli validi per esercitare la professione di Infermiere.

Guardarobieri (presso convitti ed educandati)

• diploma di qualifica professionale di Operatore della moda.

Direttori dei servizi generali ed amministrativi (DSGA)

• laurea in Giurisprudenza oppure laurea in Scienze Politiche Sociali e Amministrative o Economia e Commercio, o titoli equipollenti.

Come si diventa ATA: graduatorie, concorsi e MAD ATA

Gli amministrativi, tecnici o ausiliari nelle scuole vengono assunti attraverso apposite graduatorie personale ATA

Le graduatorie sono elenchi di candidati disposti in ordine in base al merito, al diritto, all’anzianità e altri criteri: chi si posiziona in alto sarà il primo ad essere chiamato per un incarico, e così via scorrendo fino alle ultime posizioni. In particolare, l’inserimento nelle graduatorie personale ATA avviene con concorsi pubblici banditi periodicamente in base alle diverse tipologie di graduatoria.

Sono infatti 2 le tipologie di graduatorie ATA: quelle di circolo e d’istituto e quelle provinciali.

Graduatorie di circolo e d’istituto ATA

Queste graduatorie sono utilizzate per assumere personale a tempo determinato o per assegnare supplenze. Si suddividono in 3 fasce:

  • Graduatorie ATA prima fascia: comprende i candidati inseriti nelle graduatorie provinciali permanenti (le graduatorie 24 mesi da art 554 del D.lgs 297/1994).
  • Graduatorie ATA seconda fascia: comprende i candidati inseriti nelle graduatorie provinciali ad esaurimento di collaboratore scolastico, elenchi provinciali ad esaurimento di Assistente Amministrativo, Assistente Tecnico, Cuoco Infermiere, Guardarobiere (DM 75/2001), elenchi provinciali ad esaurimento di addetto alle aziende agrarie (DM 35/2004);
  • Graduatorie ATA terza fascia: sono presenti i candidati in possesso dei titoli di accesso ai profili professionali previsti dal Bando che viene emanato dal MIUR con cadenza triennale.  Non serve avere esperienza per accedervi.

Graduatorie ed elenchi provinciali ATA


Le graduatorie provinciali ATA sono utilizzate per le assunzioni a tempo indeterminato e il conferimento di supplenze annuali e temporanee. Sono suddivise in 2 tipologie, così articolate:

  • Graduatorie provinciali permanenti: redatte in base ai bandi ATA pubblicati ogni anno dagli Uffici scolastici Regionali per ognuno dei profili professionali ATA. Servono per il conferimento di incarichi di lavoro permanenti. Comprendono i candidati che possiedono i titoli per accedere ai profili professionali che hanno già prestato servizio per 24 mesi, anche non continuativi. Chi è inserito in questi elenchi viene inserito anche in quelli di circolo e d’Istituto di prima fascia (graduatorie 24 mesi – art 554 del D.lgs 297/1994).
  • Graduatorie ed elenchi provinciali ad esaurimento: sono utilizzati per il conferimento di supplenze annuali e temporanee fino al termine delle attività didattiche. L’inserimento in queste graduatorie comporta anche l’inserimento nelle graduatorie di circolo e d’Istituto di seconda fascia.

Per quanto riguarda i Direttori dei servizi generali ed amministrativi (DSGA), sono previsti appositi bandi ordinari per assunzioni a tempo indeterminato. Le graduatorie DSGA redatte possono essere usate anche per l’affidamento di incarichi di lavoro temporanei. 

graduatorie-personale-ata

I bandi 2021: il Concorso 24 mesi e le graduatorie Personale ATA terza fascia

Come abbiamo visto, per lavorare come personale ATA nelle scuole occorre superare appositi concorsi. Per il 2021 sono attesi due nuovi bandi:

  • il bando per l’aggiornamento graduatorie 24 mesi;
  • il bando di concorso ATA terza fascia.

Per quanto riguarda il concorso graduatorie ATA 24 mesi, si tratta della procedura concorsuale per soli titoli per l’inserimento e l’aggiornamento delle graduatorie permanenti provinciali del personale Amministrativo, Tecnico ed Ausiliario della scuola che ha già maturato 24 mesi di servizio, finalizzata all’assegnazione delle supplenze ATA. Il bando verrà aperto dal MIUR nella primavera 2021. 

Il concorso per la graduatoria III fascia personale ATA è invece una selezione aperta anche a chi non ha mai lavorato nella scuola. Essa si rivolge sia a chi è già in graduatoria e vuole aggiornare il proprio punteggio sia a chi vuole inserirsi per la prima volta. Anche in questo caso il bando verrà aperto nel 2021.

MAD ATA per lavorare come supplente

Esiste però un altro modo per lavorare come ATA nelle scuole. Anche i collaboratori scolastici, gli amministrativi e gli altri profili ATA possono infatti candidarsi per ricoprire supplenze nelle scuole con la domanda di messa a disposizione (MAD).

La messa a disposizione è un’istanza di tipo informale che può essere inviata da chiunque voglia lavorare come personale amministrativo, tecnico e ausiliario. I Dirigenti Scolastici e le segreterie ricorrono molto spesso alle MAD per la nomina di supplenti, soprattutto quando le graduatorie personale ATA non fanno fronte alla disponibilità di posti vacanti nelle scuole. Non a caso, sono centinaia i candidati che, ogni anno, si appellano alle MAD per aspirare a un incarico di supplenza!

Grazie al servizio di invio di messa a disposizione ATA di Docenti.it, inviare una MAD è ancora più facile: l’aspirante supplente dovrà solo scegliere il tipo di domanda da inviare, compilarla con i principali dati e scegliere la provincia e gli istituti presso cui recapitare la candidatura. Alla revisione della domanda e all’invio ci pensa Docenti.it, grazie all’aiuto di consulenti specializzati e di un sistema automatizzato che ottimizza il processo di invio, facendo risparmiare tempo e fatica e portando a buon segno l’invio della domanda.

Se quindi vuoi lavorare come collaboratore scolastico ma non sei iscritto nelle graduatorie personale ATA, non ti resta che inviare ora la tua MAD con Docenti.it!


Invia la tua MAD online
author-avatar

Scritto da Roberta Lucarelli

Un argomento complesso come le graduatorie merita di essere spiegato in modo esaustivo. Il mio obiettivo è avere sempre una visione chiara del tema “graduatorie”. Penso che gli aspiranti docenti che ogni anno si impegnano per raggiungere il proprio sogno sia quello di avere delle risposte il più possibile puntuali e aggiornate.

Altri articoli che possono interessarti