Normativa

COME DIVENTARE PERSONALE ATA: BANDO, REQUISITI E PUNTEGGIO

Vuoi entrare nel mondo della scuola come personale ATA?

Sì, ma in che modo è possibile farlo?
Quali requisiti è necessario avere?
Come mi devo muovere per andare nella giusta direzione?

In questo articolo affronteremo tutte queste domande.
Ma daremo anche qualche dettaglio in più sul bando che verrà pubblicato prossimamente.
Infatti, il 30 settembre verrà pubblicato il bando personale ATA 2017 con scadenza il 30 ottobre.

L’attesa quindi sta finalmente per terminare. Infatti, le graduatorie ATA vengono aperte ogni tre anni, data la loro validità triennale.

Questo significa che queste comprenderanno il triennio 2017/2020.

Cosa fa il personale ATA?

Cominciamo subito con il dire che il personale ausiliario nelle scuole può assolvere diversi compiti.

Infatti, a seconda della posizione, assolve alle funzioni:

  • Amministrative;
  • Contabili;
  • Gestionali;
  • Strumentali;
  • Operative;
  • Di sorveglianza, connesse all’attività delle istituzioni scolastiche.

Ma il personale ausiliario non fa tutto questo da solo.
Infatti, collabora a stretto contatto con il Dirigente Scolastico e con il personale docente.

Diventare personale ATA: ecco come presentare domanda

Il prossimo concorso personale ATA, come abbiamo detto sopra, ci sarà a fine settembre.

La domanda personale ATA 2017 deve essere presentata in formato cartaceo e quindi consegnata di persona presso la scuola scelta.

Prima di tutto, deve essere scelta la provincia di riferimento dove si intendere fare supplenza.

I candidati che non hanno mai presentato domanda dovranno compilare il modello D1 per essere inseriti in graduatoria, mentre per chi è intenzionato a confermare la sua presenza in graduatoria dovrà compilare il modello D2.

Quale iter seguire?

Ed ecco il secondo step!
Dopo aver compilato la domanda personale ATA 2017, dovrete agire in uno di questi modi:

  • Consegnando a mano il cartaceo;
  • Oppure, inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno;
  • Oppure ancora inviare la domanda tramite PEC.

Nel caso in cui decidiate di recarvi in loco, riceverete dall’ufficio scolastico una ricevuta.

Ciascun candidato può presentare domanda per una sola provincia, scegliendo tra trenta scuole.

I requisiti

Per quanto riguarda i requisiti per diventare ATA, dipende dalla posizione che si vuole ricoprire.
Qui nel dettaglio vi indichiamo il titolo di studio che viene richiesto:

  • Collaboratore scolastico (CS): diploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale, diploma di maestro d’arte, diploma di scuola magistrale per l’infanzia, qualsiasi diploma di maturità, attestati e/o diplomi di qualifica professionale, entrambi di durata triennale, rilasciati o riconosciuti dalle Regioni.
  • Collaboratore scolastico addetto all’azienda agraria (CR), solo negli istituti agrari: diploma di qualifica professionale di : operatore agrituristico, operatore agro industriale e operatore agro ambientale.
  • Assistente Amministrativo (AA): diploma di maturità.
  • Assistente Tecnico (AT): solo nelle scuole secondarie di II grado il diploma di maturità che dia accesso a una o più aree di laboratorio secondo la tabella di corrispondenza titoli di studio/laboratori che verrà allegata al bando personale ATA 2017.
  • Cuoco (CU): solo nei convitti/educandati occorre il diploma di qualifica professionale di Operatore dei servizi di ristorazione, settore cucina.
  • Infermiere (IF): solo nei convitti/educandati occorre la Laurea in scienze infermieristiche o altro titolo ritenuto valido dalla vigente normativa per l’esercizio della professione di infermiere.
  • Guardarobiere (GU): solo nei convitti/educandati viene richiesto il diploma di qualifica professionale di Operatore della moda.
  • Direttore dei servizi generali ed amministrativi (DSGA): in tutte le scuole viene richiesto la Laurea del vecchio ordinamento ovvero specialistica/magistrale in giurisprudenza, in scienze politiche sociali e amministrative, in economia e commercio o titoli equipollenti.
Personale ATA

Come diventare personale ATA: ecco come entrare a tempo indeterminato

Per il personale ATA abbiamo due graduatorie a livello provinciale:

  • Le graduatorie provinciali permanenti, dove si accede al concorso per soli titoli. La selezione viene bandita ogni anno per ciascun profilo professionale ed è riservato a coloro che hanno prestato servizio per 24 mesi, anche non continuativo per il profilo per il quale si concorre. Queste graduatorie vengono utilizzate per incarichi a tempo indeterminato. L’inserimento in queste graduatorie comporta l’iscrizione nelle graduatorie di circolo e d’Istituto di prima fascia;
  • Le graduatorie e gli elenchi provinciali ad esaurimento: sono utilizzate per supplenze annuali o temporanee. Il loro inserimento comporta l’iscrizione anche nelle graduatorie di seconda fascia.

Per i DSGA le assunzioni a tempo indeterminato avvengono tramite le graduatorie prodotte da appositi concorsi ordinari. Le medesime graduatorie possono essere utilizzate per il conferimento di incarichi a tempo determinato.

Personale ATA terza fascia e punteggio

Per chi presenta per la prima volta la domanda personale ATA, risulterà iscritto in terza fascia.

Ovviamente, maggiore sarà il punteggio e più possibilità si avranno di essere chiamati dalle scuole scelte; per aumentare il proprio punteggio in breve tempo, vi consigliamo di conseguire le nostre certificazioni online EIPASS 7 Moduli User, che corrisponderebbe alla patente europea, dove si acquisiranno le competenze digitali richieste.

Termina qui la nostra guida su come diventare personale ATA, per gli ulteriori dettagli vi invitiamo a visitare la sezione ad hoc del Miur.

Photo credit: Pixabay e Pexels.

Altri articoli che possono interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *