Messa a Disposizione

Con la domanda di Messa a Disposizione è possibile candidarsi nelle scuole paritarie?

Molti sono i dubbi di chi invia la domanda di Messa a Disposizione.

Uno di questi riguarda la possibilità di candidarsi anche nelle scuole paritarie con la MAD.

È possibile?

Lo vediamo in questo articolo.

Domanda di Messa a Disposizione: a cosa serve

Prima di avventurarci nella differenza tra scuola paritarie e private e analizzare in quale delle due è possibile candidarsi, vediamo che cos’è la domanda di Messa a Disposizione.

La Messa a Disposizione (MAD), è un curriculum, una candidatura spontanea che un singolo invia ad un ente pubblico. Con la MAD è possibile candidarsi per ottenere ruoli di supplenza per un breve o lungo periodo.

Sul fatto che con la MAD ci si possa candidare per lavorare in una scuola pubblica, non ci sono dubbi.

La domanda che molti docenti si pongono è: con la MAD ci si può candidare anche nelle scuole paritarie?

Scuole paritarie, scuole statali e private: quali sono le differenze

Prima di rispondere a questa domanda, vediamo la differenza tra scuole paritarie e scuole private.

Le scuole paritarie svolgono un servizio pubblico e sono inserite nel sistema nazionale di istruzione. Per gli alunni, la regolare frequenza della scuola paritaria costituisce assolvimento dell’obbligo di istruzione.

Ministero dell’Istruzione

Così leggiamo sul sito del Miur.

Ma vediamo ora come il Miur definisce le scuole non paritarie:

Le scuole non paritarie sono sempre di natura privata, e sono iscritte in elenchi regionali aggiornati ogni anno, reperibili sul sito internet dell’Ufficio scolastico regionale competente per territorio

Ministero dell’Istruzione

In sintesi: per scuole private si intendono scuole non amministrate dallo stato.

Mentre, per quanto riguarda le scuole statali, sappiamo che la loro gestione è affidata al Miur, che gestisce gli istituti scolastici mediante i Dirigenti Scolastici.

Ma qual è, allora, la differenza tra le scuole statali e quelle paritarie?

In realtà, le scuole paritarie e scuole statali sono molto simili. Anche le normative che le regolano sono simili, così come i programmi scolastici che docenti e alunni devono seguire.

La prima differenza tra le due sta nel fatto che le scuole paritarie sono affidate alla dirigenza del singolo istituto e non al Ministero (fondazioni, associazioni o società).

Le scuole paritarie possono avere un orientamento religioso, ma la formazione che erogano agli studenti è analoga a quella delle scuole statali.

La scuola paritaria è economicamente indipendente rispetto a quella statale: riceve solo dei piccoli sussidi da parte dello Stato, il resto deve reperirlo in maniera autonoma, attraverso il pagamento delle rette degli studenti che la frequentano.

Anche il reclutamento degli insegnanti avviene in maniera differente rispetto alle scuole pubbliche. In effetti, per quanto riguarda le scuole private, si sostiene che ci sia più selezione.

Questo perché un docente nelle paritarie viene selezionato anche sulla base del suo curriculum.

E qui arriviamo al nocciolo della questione.

domanda di messa a disposizione

Con la MAD ci si può candidare nelle scuole paritarie?

Con la MAD è possibile candidarsi principalmente nelle scuole pubbliche e nelle paritarie.
Nelle scuole private non si può.

Per quanto riguarda il candidarsi nelle scuole paritarie, occorre inviare la Mad alle caselle istituzionali delle scuole o consegnarla di persona, in caso ci si volesse candidare in maniera autonoma.

Anche riguardo il contenuto, la Messa a disposizione da inviare alle scuole paritarie non presenta differenze rispetto all’invio ad una scuola pubblica.

Tuttavia, inviando la tua MAD in maniera autonoma, avresti meno possibilità di essere convocato nelle scuole paritarie, rispetto a quelle pubbliche.

Invece, nel caso in cui si volesse inviare la MAD con una piattaforma, con Docenti.it godresti di questo vantaggio: la nostra piattaforma si avvale di una collaborazione esclusiva con gli enti Argo, Nuvola e Spaggiari.

Inoltre, inviando la MAD con Docenti.it, verresti inserito gratuitamente nell’Elenco Nazionale Supplenti, un portale consultato da più di 12mila istituti, sia pubblici che privati. Tra questi: anche scuole paritarie.

Grazie a questo, chi invia la MAD con la piattaforma di Docenti.it può essere convocato anche dalle scuole paritarie, in caso le scuole ne avessero la necessità.

Vuoi farti scappare questa occasione?

Invia la tua MAD online

Ecco alcuni articoli che potresti trovare interessanti:

Photo credit: Pexels.

Altri articoli che possono interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *