Leggi tutto “Concorso scuola con laurea triennale, si può?”

" />

docenti.it

Concorso scuola con laurea triennale, si può?

concorso-insegnanti

L’autunno si avvicina e sono tanti i laureati che si domandano se sarà per loro possibile accedere al Concorso Scuola con una laurea triennale.

Cosa dice il MIUR a riguardo? Lo scopriremo con il nostro articolo dedicato.

 

Concorsi Scuola 2020: i requisiti

L’appuntamento con i Concorsi Scuola 2020 interessa diversi aspiranti docenti. I requisiti richiesti variano in base al grado e al tipo di posto (comune o di sostegno). La domanda è: tra questi requisiti è previsto anche il possesso della laurea triennale?

Concorso Straordinario Scuola Secondaria

Partiamo dal concorso straordinario per l’immissione in ruolo di docenti nella scuola secondaria: i requisiti richiesti annoverano:
–  tre annualità di servizio svolte tra l’anno scolastico 2008/2009 e il 2019/2020 su posto comune o di sostegno (anche non consecutive);
– un anno di servizio nella specifica classe di concorso o nella tipologia di posto per la quale si concorre;
– possedere, per il posto comune, il titolo di studio coerente con la Classe di Concorso richiesta e, per il sostegno, la specializzazione per il relativo grado;
– per i posti ITP è richiesto il possesso di un Diploma con accesso a una Classe di Concorso.



Il titolo di studio richiesto può essere quindi una laurea triennale? A darci la risposta è l’art. 5 comma 1 lettera a) del decreto legislativo 13 aprile 2017, n.59, in cui viene specificato che il titolo di studio deve essere “laurea magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso”. No Laurea triennale, quindi.

Concorso Ordinario Infanzia e Primaria

Anche il Concorso Ordinario per Infanzia e Primaria, su posto comune e di sostegno, non prevede tra requisiti la Laurea Triennale. Sono infatti richiesti:
– Laurea in Scienze della formazione primaria;
– In alternativa, il Diploma Magistrale con valore di abilitazione e diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali, o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia (sono validi solo quelli conseguiti entro l’anno scolastico 2001/2002);
– Per i posti di sostegno il possesso, oltre ad uno dei titoli precedenti, del titolo di specializzazione sul sostegno per il grado specifico.

Concorso Ordinario Secondaria

Infine, anche il Concorso Ordinario per la Scuola Secondaria richiede, laddove il candidato non sia già in possesso della specifica abilitazione per la sua classe di concorso:
– Laurea (magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso);
– 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche;
– In alternativa a Laurea + 24 CFU, l’abilitazione per un’altra classe di concorso o altro grado di istruzione, purché in possesso del titolo di accesso alla classe di concorso.

 

Per i posti di insegnante tecnico-pratico (ITP) il requisito richiesto sino al 2024/25 è il diploma di accesso alla classe della scuola secondaria superiore. Anche in questo concorso, inoltre, viene confermato per gli aspiranti docenti di sostegno il possesso del relativo titolo di specializzazione. 

 

Ancora una volta, quindi, non si menziona la partecipazione al Concorso con la Laurea Triennale.

concorso-docenti

Concorsi scuola con la laurea triennale: la risposta è no

Ad ulteriore conferma, l’apposita scheda resa pubblica sul sito del MIUR mette in chiaro quali sono i titoli di accesso all’insegnamento. Consultando le tabelle relative ai diversi gradi di istituto, si noterà come tra questi non compaia affatto la Laurea Triennale:

 SCUOLA DELL’INFANZIA E PRIMARIA

  • Laurea in Scienze della formazione primaria (titolo abilitante all’insegnamento – art. 6, Legge 169/2008) (titolo abilitante all’insegnamento);
  • Diploma Magistrale o Diploma di Liceo Socio-Psico-Pedagogico o Diploma sperimentale a indirizzo linguistico conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002 (DM 10 marzo 1997) (titolo abilitante all’insegnamento).

SCUOLA SECONDARIA DI I E II GRADO   

  • Laurea di Vecchio Ordinamento, Laurea Specialistica o Magistrale di Nuovo Ordinamento, Diploma accademico di II livello, Diploma di Conservatorio o di Accademia di Belle Arti Vecchio Ordinamento DPR 19/2016 e DM 259/2017
  • Diploma di scuola superiore (per gli insegnamenti tecnico-pratici) DPR 19/2016 e DM 259/2017

L’unica eccezione è rappresentata dalla Laurea Triennale in Scienze dell’educazione L-19: essa è infatti valida per ricoprire il ruolo di personale educativo nei convitti e negli educandati

concorso-scuola-docenti

Come insegnare con Laurea Triennale?

Eccezioni a parte, è chiaro che la Laurea Triennale non è sufficiente per l’abilitazione all’insegnamento e, di conseguenza, non permette l’iscrizione ai Concorsi Scuola 2020. Tuttavia, non bisogna accantonare del tutto la possibilità di insegnare con una Laurea Triennale

 

Qualsiasi laureato può infatti inviare negli Istituti la propria MAD, la domanda di Messa a Disposizione per candidarsi come supplente nelle scuole. Trattandosi di un’istanza di tipo informale, può essere inviata da chiunque voglia lavorare come insegnante o personale amministrativo, tecnico e ausiliario (ATA) in qualsiasi Istituto d’Italia. In caso di necessità, i Dirigenti Scolastici possono infatti appellarsi alle MAD per assegnare incarichi di supplenza, e potrebbero decidere di farlo chiamando come supplenti anche coloro che non hanno ottenuto il titolo pieno.

Scopri come insegnare con una laurea triennale: inizia compilando con noi la tua MAD! 


Invia ora la tua MAD Online