Messa a Disposizione

Cosa allegare nella messa a disposizione?

mad

Insegnanti, laureati, ma anche aspiranti tali: si, la MAD è davvero uno strumento utilissimo per ottenere incarichi di supplenza!

E tutto anche se non sei iscritto in graduatoria. Scopri tutto quello che c’è da sapere nel 2020 per aspirare a una supplenza breve nelle scuole, dalle diverse tipologie di MAD ai requisiti, dai consigli su cosa scrivere e cosa allegare nella messa a disposizione!

 

Non 1 ma ben 4 MAD: scopri i requisiti

La Messa a Disposizione è un’istanza di tipo informale che può essere inviata da chiunque voglia lavorare come insegnante o personale amministrativo, tecnico e ausiliario (ATA). La domanda può essere inviata a tutti gli istituti, in qualsiasi provincia d’Italia: saranno proprio le segreterie scolastiche a valutare se ricorrere alle MAD per la nomina di supplenti, soprattutto nel caso in cui le graduatorie non rispondano alla necessità di posti vacanti nelle scuole. 

 

Non esiste un’unica domanda, ma diverse tipologie. In totale sono 4, a partire dalla MAD classica, inviata da tutti gli aspiranti insegnanti che aspirano a incarichi di supplenza per una data materia. Ci sono però anche le domande di messa a disposizione per il sostegno, così come le MAD recuperi estivi per il recupero dei debiti degli studenti. Infine, c’è la MAD ATA, utilizzata dagli aspiranti collaboratori scolastici, assistenti amministrativi, assistenti tecnici e bidelli.

 

Non tutti possono presentare indistintamente ogni tipo di domanda: sono infatti necessari titoli specifici per richiedere una supplenza nelle scuole. Ecco una semplice schematizzazione dei requisiti richiesti per l’invio di ogni tipologia di MAD.

 

Titolo di studio

Tipologia di MAD

Laurea Magistrale o Specialistica

MAD classica, MAD recuperi, MAD sostegno, MAD ATA

Specializzazione per il sostegno

MAD sostegno (ma il titolo di abilitazione non è obbligatorio)

Diploma Tecnico-Pratico

MAD ATA, MAD classica (solo per supplenze come ITP – Insegnanti Tecnico-Pratici)

Laurea Triennale

MAD ATA, MAD classica (con riserva e solo specificando sulla domanda che non si possiede il pieno titolo)

 

Hai tutti i requisiti per inviare una domanda di messa a disposizione? Scegli Docenti per la compilazione e l’invio facile della tua MAD per diventare supplente!

mad-online

I vantaggi della messa a disposizione

La MAD scuola è quindi un ottimo modo per incrementare le possibilità di essere contattati dagli istituti scolastici. I vantaggi si possono facilmente comprendere: 

  • Nessun vincolo o limite geografico imposto al candidato: mentre per le graduatorie provinciali e d’istituto è ora necessario indicare una sola provincia, le MAD possono essere inviate in tutta Italia (anche da chi è iscritto in graduatoria). L’unica eccezione è per le MAD sostegno, che possono essere inviate da parte dei docenti specializzati in un’unica provincia;
  • Possibilità di fare esperienza nel mondo scuola, maturando crediti utili a concorsi e inserimento in graduatoria: ogni 15 giorni di contratto, infatti, si matura 1 punto (solo ½ per una materia non inerente alla propria classe di concorso), fino a un massimo di 12 punti;
  • Si riceve uno stipendio in base ai giorni di incarico
  • Il vantaggio è anche per le scuole, che riescono a garantire la continuità didattica in caso di supplenze improvvise.

Domanda MAD: come prepararla

Ma come si compila una domanda di messa a disposizione? Dopo aver appurato quali titoli possiedi per la presentazione della tua richiesta presso gli uffici scolastici, devi occuparti infatti della corretta preparazione della stessa.

 

Le informazioni obbligatorie da riportare sono:

  • Dati anagrafici
  • Titoli di studio
  • Classi di concorso cui hai accesso con il tuo titolo 
  • Altri titoli di studio, culturali e professionali
  • Titoli di servizio 


La domanda va inviata singolarmente a ogni Dirigente Scolastico: quindi, se opti per un invio via lettera o e-mail, devi personalizzare ogni documento con l’intestazione dell’istituto.

 

Dubbi su come compilare la tua MAD? Chiariscili subito con Docenti!

Cosa allegare alla domanda di messa a disposizione

La domanda da sola non basta: una MAD che sappia distinguersi e fare la differenza deve essere completata con altri documenti allegati. 

 

Tra questi, ti permetterà di fare bella figura un buon curriculum in formato europeo. Su di esso puoi fare una summa non solo del tuo percorso di studi, ma anche degli incarichi lavorativi che hai svolto, dentro e fuori la scuola. 

 

In più, dovrai documentare le certificazioni che possiedi (ad esempio quelle linguistiche, o ancora quelle informatiche), allegando una copia degli attestati. Eventualmente, puoi anche allegare un prospetto delle tue pubblicazioni. Solo ricorda di non esagerare: è vero che una MAD deve essere esaustiva, ma devi essere in grado di sintetizzare la tua posizione in pochi documenti di valore

Come inviare la messa a disposizione

Dopo aver preparato la tua MAD, i documenti da allegare, dovrai solo scegliere la destinazione e il modo in cui inviarla. Tradizionalmente, i mezzi più utilizzati sono Fax, Posta elettronica certificata (PEC), Raccomandata A. R. oppure la consegna a mano.

 

Non esiste una regola precisa: quello che noi ti possiamo consigliare è di effettuare l’invio in periodi strategici dell’anno, come ad esempio la fine dell’estate, il periodo invernale a seguito delle vacanze di Natale, la fine dell’anno. 

messa-a-disposizione

E se non vuoi preoccuparti di redazione, consegna e invio della MAD… ci siamo qui noi!

Docenti da diversi anni offre infatti il servizio di messa a disposizione che, ogni anno, aiuta centinaia di aspiranti supplenti a ottenere incarichi nelle scuole. Come funziona?

 

Dopo aver inviato i primi dati, scelto la provincia e gli istituti presso i quali candidarti, verrai contattato entro 24 ore da un nostro consulente esperto con cui potrai revisionare la tua domanda. Dopo aver seguito i suoi suggerimenti, avrai in mano una MAD a prova di convocazione! In più, non dovrai occuparti neanche della spedizione, perché saremo sempre noi di Docenti a effettuare la consegna negli istituti che hai scelto, avendo cura di notificarti l’avvenuto invio con un report dettagliato.

 

Cosa aspetti a diventare supplente?

 

Affidati ora al servizio MAD di Docenti!


Invia immediatamente la tua MAD Online

Related Posts