Normativa

FIT SCUOLA: COME FUNZIONA, IL PUNTO SUI 24 CFU E GLI ITP

Nel 2018 cambia il sistema di reclutamento per gli insegnanti col FIT scuola.

Il Decreto Ministeriale sulla formazione iniziale n. 616 del 10 agosto 2017, ha modificato così il sistema del concorso a cattedra per la scuola secondaria di I e II grado.

FIT scuola: cosa significa 

È un acronimo che sta per “Formazione Iniziale Tirocinio“.

I candidati che supereranno il concorso scuola affronteranno un percorso di formazione della durata triennale, che prevederà la graduale autonomia per la posizione di insegnante.

Sarà obbligatorio per diventare insegnanti.

Il tirocinio sarà die due tipi:

  • Diretto: svolto presso le istituzioni scolastiche accreditate dal Miur;
  • Indiretto: relativo all’attività di progettazione, discussione e riflessione valutativa sulle attività svolte durante il tirocinio diretto.

Previsto un compenso crescente, che partirà dal primo anno. I docenti verranno valutati durante il percorso e se la valutazione risulterà positiva verranno immessi in ruolo.

FIT Scuola: requisiti

Il requisito per il FIT scuola è l’essere risultati vincitori del concorso.

Per capire quindi il nuovo sistema di reclutamento, bisogna fare riferimento alla modalità telematica, quindi dovunque tu voglia e in qualsiasi momento.

Il costo del corso per conseguire i 24 CFU sarà proporzionale ai crediti da raggiungere, mentre per gli studenti che si stanno laureando non è previsto un costo aggiuntivo, perché saranno compresi negli esami aggiuntivi.

Per gli insegnanti tecnico pratici (I.T.P.) i 24 CFU non dovranno essere conseguiti, se non per i concorsi banditi successivamente all’a.s. 2024/25.

Quindi nel periodo compreso dal 2017/18 al 2024/25 sarà sufficiente il diploma.

Tuttavia, successivamente si dovrà essere in possesso non solo dei 24 CFU, ma anche della laurea o del diploma dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica di primo livello: oppure titolo equipollente o equiparato coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione della procedura concorsuale.

Ora, passiamo alle norme transitorie del concorso scuola.

Concorso scuola 2018 non abilitati e abilitati

Dopo il FIT scuola 2017, vi ricordiamo che i 24 CFU dovranno essere conseguiti dai docenti non abilitati e che non hanno svolto tre anni di servizio.

Infatti, per i docenti abilitati è prevista solo una prova orale seguita, quando ci sarà disponibilità di posti, da un anno di servizio con valutazione finale.

I partecipanti diverranno insegnanti di ruolo dopo una verifica “in classe”, per un intero anno scolastico, della loro capacità di insegnamento. L’assunzione in ruolo avverrà per scorrimento.

Per i docenti iscritti in III fascia e che hanno svolto almeno tre anni di servizio anche non continuativi, ma comunque svolti negli ultimi otto anni, dovranno sostenere solamente la prova scritta, il colloquio e due anni di FIT.

 Consegui i 24 CFU con Docenti.it.

La nostra piattaforma, in collaborazione con l’Università eCampus, presenta l’offerta formativa (Corsi Singoli di Insegnamento) finalizzata all’acquisizione dei 24 CFU in discipline antropo-psico-pedagogiche ed in metodologie e tecnologie didattiche.

Questo corso è valido come requisito di accesso al Concorso Nazionale per titoli ed esami.

I CFU potranno essere acquisiti sia in modalità frontale sia online.

Se vuoi saperne di più, clicca qui.

Photo credit: Pexels.

Altri articoli che possono interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *