GPS Graduatorie: in caso di dichiarazioni mendaci cosa succede?

GPS Graduatorie: in caso di dichiarazioni mendaci cosa succede?
Condividi l'articolo

Quando si presenta la domanda per le GPS graduatorie è di fondamentale importanza ricontrollare che tutta la documentazione necessaria sia perfettamente corretta.

Infatti, le dichiarazioni mendaci sono punite.

Vediamo in che modo.

GPS graduatorie: attenzione quando si compila la domanda!

Alcuni Uffici Scolastici hanno preparato un elenco di precisazioni utili agli aspiranti docenti in procinto di effettuare la domanda per GPS graduatorie.

Questo probabilmente è accaduto perché, nelle segreterie, si sono accorti che molte domande presentavano errori seri tanto da portare conseguenze penali a chi li aveva commessi.

Ma che cosa bisogna fare quando si compila la domanda per le GPS graduatorie?
A che cosa è bene prestare attenzione?

Ecco tutti i suggerimenti utili:

  • prima di tutto, è bene attenersi alle normative e alle indicazioni ministeriali;
  • in caso di titolo conseguito all’estero e in fase di riconoscimento, l’inserimento nelle GPS graduatorie avverrà con riserva;
  • bisogna ricordarsi che i concorsi per titoli ed esami sono diversi dai concorsi straordinari;
  • per poter valutare l’attività di ricerca è necessario aver percepito degli assegni di ricerca;
  • i beneficiari di riserve devono indicare correttamente tutte le diverse tipologie.

In ogni caso, le indicazioni del Ministero dell’Istruzione per quanto riguarda la domanda delle GPS gaduatorie devono essere seguite nel dettaglio.

In particolar modo, non devono essere fornite informazioni non veritiere, perché saranno considerate dichiarazioni mendaci alle quali, potranno quindi seguire responsabilità penali.

La domanda per l’inserimento in graduatoria GPS è di per sé un’autocertificazione.

Dichiarazioni mendaci: cosa dice la legge

A tal proposito, citiamo l’articolo 7 comma 9 dell’ OM n. 112 del 6 maggio 2022:

Fatte salve le responsabilità di carattere penale, è escluso dalle graduatorie, per tutto il periodo della loro vigenza, l’aspirante di cui siano state accertate, nella compilazione del modulo di domanda, dichiarazioni mendaci

Inoltre è bene sapere che:

tutti gli Uffici Scolastici, in caso di dichiarazioni mendaci, sono tenuti a comunicare i nomi degli aspiranti e le loro domande alle autorità giudiziarie che dovranno accertare poi eventuali responsabilità penali.

Seguiranno aggiornamenti.

Leggi anche:

photo credit: Unsplash.

author-avatar

Francesca Renzetti

Mi occupo di copywriting dal 2007. Inizio il mio viaggio dal web per poi approdare a tutte le sfumature di questa professione: dalla realizzazione di testi per depliant o brochure, all’ideazione di campagne pubblicitarie, ai testi di radiocomunicati e articoli redazionali. In particolare scopro che mi piace comunicare l’anima di un Brand ed usare le parole per farlo vibrare nelle persone!