Concorso Scuola 2020, News

Graduatorie ad esaurimento (GaE): cosa sono?

aggiornamento-graduatorie

Per essere reclutati come docenti nelle scuole bisogna avere dei requisiti specifici.

Sulla base di questi requisiti esistono diverse “liste” che contengono i nominativi degli aspiranti insegnanti, posizionati sulla base dei loro titoli, delle competenze e delle esperienze maturate nelle scuole. Tra queste ci sono anche le graduatorie ad esaurimento (GaE), che si accompagnano dal 2020 alle nuove graduatorie provinciali (GPS) e d’istituto. Scopriamo insieme cosa sono le GaE, come funzionano e quando saranno aggiornate. 

 

Cosa sono le graduatorie a esaurimento

Le graduatorie ad esaurimento sono state istituite a partire dal 2006 per porre un freno al fenomeno del precariato scolastico. Infatti, fino a quel momento, per diventare docente si veniva inseriti in graduatorie permanenti che venivano continuamente aggiornate con titoli, esperienze e competenze.

 

L’introduzione delle GaE ha invece permesso di regolarizzare la situazione, grazie all’organizzazione per provincia e per classe di concorso con aggiornamento triennale delle liste. Le graduatorie a esaurimento includono oggi al loro interno i docenti con abilitazione all’insegnamento.

 

Esse erano ripartire fino a poco tempo fa in 4 distinte fasce, così suddivise:

  • Prima Fascia: per gli aspiranti insegnanti inclusi in 2 province con abilitazione o idoneità che abbiano effettuato 360 giorni di servizio entro il 13/05/96;
  • Seconda fascia: per gli aspiranti docenti con abilitazione o idoneità che abbiano effettuato 360 giorni di servizio entro il 25/05/1999;
  • Terza Fascia: per gli aspiranti in possesso di abilitazione o idoneità conseguito secondo la normativa introdotta dal DM del 06/04/1999
  • Quarta Fascia: istituita per tutti quei docenti che hanno conseguito l’abilitazione negli anni 2008/09, 2009/10 e 2010/11 partecipando a corsi biennali abilitanti, corsi di educazione musicale o corsi di laurea in scienze della formazione primaria.

graduatorie-ad-esaurimento

Come funzionano le GAE

Le graduatorie ad esaurimento sono utilizzate per l’assunzione a tempo indeterminato e il reclutamento dei docenti di ruolo fino a un massimo di 50% dei posti disponibili, nonché per le supplenze al 31 agosto e al 30 giugno. Tuttavia, secondo i recenti cambiamenti intervenuti con l’istituzione delle nuove GPS e graduatorie d’istituto, le GaE possono essere utilizzate anche per supplenze brevi, in quanto costituiscono la I fascia delle nuove graduatorie d’istituto 2020.

 

Vuoi conoscere il tuo posizionamento in graduatoria? Affidati al tool di Docenti!

GAE e nuove graduatorie provinciali e d’istituto

Per comprendere meglio come funzionano le graduatorie a esaurimento, bisogna capire in che modo si svolge l’intero meccanismo di assegnazione delle cattedre, prendendo in esame anche le nuove GPS e graduatorie d’istituto istituite nell’estate 2020.

 

Fino a poco tempo fa, le GaE erano affiancate alle sole graduatorie di istituto, suddivise in tre diverse fasce: la I, che includeva appunto le graduatorie ad esaurimento; la II con i docenti abilitati ma non inseriti nelle GaE; la III per gli insegnanti non abilitati. Per il 2020 era prevista la riapertura e l’aggiornamento delle MIUR graduatorie terza fascia, che ora sono state però sostituite da due diverse tipologie di graduatorie.

Le GPS: cosa sono 

Le nuove Graduatorie Provinciali Supplenze sono state istituite appositamente per le supplenze fino al 30 giugno o al 31 agosto. Esse hanno base provinciale e si suddividono in due sole fasce:

  • Prima fascia, a cui accede chi è in possesso della specializzazione per il relativo grado scolastico di riferimento o per il sostegno. L’inserimento è consentito anche a chi è già iscritto nelle attuali GaE. Un docente può infatti richiedere l’inserimento nelle GPS se desidera concorrere in una provincia diversa da quella per cui è inserito in GaE.
  • Seconda fascia, a cui accedono invece i docenti privi di titolo di abilitazione, con diversi requisiti a seconda del grado scolastico per cui vuole avanzare la sua iscrizione. Di fatto, è come se la terza fascia docenti fosse confluita nella seconda fascia delle graduatorie provinciali per le supplenze. Da notare, inoltre, che possono iscriversi in II fascia anche i docenti già iscritti in GaE per una classe di concorso per cui non si possiede l’abilitazione.

Le nuove graduatorie di istituto

Infine, ci sono le graduatorie d’istituto per eventuali supplenze residue e temporanee, fino al massimo ultimo giorno di scuola. Esse hanno sempre base provinciale, ma richiedono al candidato di segnalare solo 20 istituti verso i quali garantire la disponibilità. Anche queste sono suddivise in fasce e includono:

  • Prima fascia per gli insegnanti iscritti nelle GaE;
  • Seconda fascia per gli insegnanti non iscritti alle GaE ma in possesso di abilitazione all’insegnamento (quindi gli iscritti nella I fascia delle GPS);
  • Terza Fascia per gli insegnanti iscritti nella II fascia delle GPS.

gae

Come funzionano le nuove graduatorie

Una volta comprese le diverse MIUR graduatorie, il meccanismo di assegnazione delle cattedre risulta molto semplice. All’inizio di ogni anno scolastico avvengono le regolari operazioni di immissione in ruolo: è qui che si comprende se ci sono delle cattedre vacanti e, di conseguenza, vengono utilizzate le graduatorie ad esaurimento

 

In caso che le GaE non compensino i posti vacanti, i dirigenti delle amministrazioni scolastiche territoriali potranno appellarsi alle nuove graduatorie provinciali supplenze, scorrendo in primis la I fascia e poi la II.

 

Le Graduatorie di Istituto, invece, sono istituite specificamente per le supplenze temporanee che non è possibile prevedere prima dell’inizio dell’anno scolastico. La chiamata viene effettuata in questo caso dal dirigente scolastico scorrendo le graduatorie di istituto

 

A quale graduatoria puoi iscriverti nel 2020? Dopo aver verificato requisiti e titoli, valuta il tuo punteggio per sapere quante possibilità hai di diventare insegnante nel prossimo biennio!

Prossimo aggiornamento delle GAE

Il prossimo appuntamento per l’aggiornamento delle graduatorie a esaurimento è previsto per il 2022, in concomitanza con le altre graduatorie che, seppure inaugurate nel 2020, avranno validità biennale proprio per allinearsi alle GaE. In queste occasioni, ai docenti già inseriti, verrà data la possibilità di presentare nuovi titoli e servizi per aumentare il proprio punteggio.

 

Conosci già il tuo punteggio? Valutalo insieme a Docenti con il Tool sull’aggiornamento delle graduatorie!


Calcola il tuo punteggio in graduatoria

Altri articoli che possono interessarti