24 CFU

Materie 24 CFU: quali sono e come dare gli esami

materie-24cfu

I 24 CFU sono un requisito obbligatorio per gli insegnanti della scuola secondaria di I e II grado. Non servono solo come base teorica per insegnare: oggi sono richiesti esplicitamente per l’iscrizione nelle graduatorie docenti, per partecipare ai Concorsi, per iscriversi ai TFA. In che cosa consistono? Quali sono le materie dei 24 CFU e, soprattutto, come si possono conseguire? Scopriamolo insieme a Docenti.it

Le materie dei 24 CFU scuola

Dal 2017, per avere tutte le carte in regole per insegnare nella scuola secondaria, un docente deve possedere anche i 24 CFU MIUR. Gli aspiranti docenti sono stati quindi chiamati a integrare i crediti mancanti nelle materie  antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche.

I 24 CFU riguardano infatti settori scientifici disciplinari del campo dell’insegnamento e servono per fornire una buona base teorica a tutti gli insegnanti. Grazie al bagaglio culturale dei 24 crediti, i docenti potranno svolgere con maggiore consapevolezza la professione di insegnante nella secondaria, oltre a mettersi in pari con tutti i requisiti richiesti per partecipare a concorsi, TFA e graduatorie.

Le materie dei 24 CFU spaziano dalla pedagogia alla didattica dell’inclusione, dall’antropologia alle tecnologie didattiche. Qualche laureato di ambito umanistico, forse, ha già conseguito esami in queste discipline, ma per sapere se c’è vera corrispondenza bisogna assicurarsi di avere almeno 6 crediti per ciascuno dei seguenti settori scientifici disciplinari:

  • M-PED/01 Pedagogia generale e sociale – Ambito di pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione;
  • M-PSI/04 Psicologia dell’educazione – Ambito delle conoscenze in ambito psicologico;
  • M-DEA/01 Antropologia culturale – Ambito delle conoscenze in ambito antropologico;
  • M-PED/03 Metodologie e tecnologie didattiche – Ambito riguardante le metodologie e tecnologie didattiche generali.

Sia che si debba conseguire da zero questi 24 CFU, sia che si abbia già all’interno del proprio piano studi degli esami con queste materie, per ottenere la certificazione bisogna possedere almeno 6 CFU per ogni disciplina

Ma chi, di preciso, deve conseguire i 24 crediti per l’insegnamento?

Chi deve conseguire i 24 crediti MIUR

Come già detto, chi vuole insegnare nella secondaria deve obbligatoriamente mettere a curriculum le materie dei 24 CFU. Gli unici che non hanno questo obbligo sono solo i docenti già in possesso dell’abilitazione all’insegnamento o quelli che hanno almeno 36 mesi di servizio anche non continuativi a scuola. 

Tutti gli altri devono ottenere la certificazione dei 24 crediti: chi non ce li ha, non può essere ammesso nelle graduatorie, ai concorsi scuola o ai TFA per ottenere la specializzazione sul sostegno.

La sola altra categoria di “esclusi” dai 24 CFU sono gli ITP. Tuttavia, in futuro anche a loro sarà richiesto questo requisito. E aggiungiamo anche un altro fatto: benché non rientrassero tra i requisiti per iscriversi agli ultimi Concorsi Scuola, le prove, rimandate al 2021, verteranno anche per gli ITP nei campi delle materie dei 24 CFU. Per questo sarebbe bene che anche gli ITP si formassero nei settori scientifici disciplinari dei 24 crediti insegnamento

24-cfu

Come ottenere i 24 CFU concorso

Ci sono diversi modi per ottenere la certificazione dei 24 crediti per insegnare

Chi possiede già nel proprio piano studi le materie 24 CFU in ambito antropo-psico-pedagogico e nelle metodologie e tecnologie didattiche può richiedere il rilascio del certificato da parte della segreteria universitaria. Però è bene sapere che la semplice corrispondenza dei settori disciplinari non comporta il riconoscimento automatico dei 24 crediti per l’insegnamento: se materie e programma d’esame non coincidono, la segreteria universitaria non rilascerà nessun certificato. 

Se invece non si possiedono i 24 CFU, il loro rilascio può avvenire solo da parte di un’istituzione universitaria o di Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (AFAM). Queste istituzioni organizzano molti percorsi, anche per via telematica. I 24 CFU scuola possono essere infatti acquisiti anche online. 

Il percorso 24 CFU di Docenti.it

Senza dubbio, ottenere i 24 CFU online è la strada più comodo per il docente o l’aspirante tale. Chi ancora studia o chi già lavora, infatti, può godere dell’enorme vantaggio di organizzare lo studio delle materie dei 24 crediti in modo autonomo e personalizzato. O almeno, questo è quello che è possibile fare con Docenti.it! 

Il percorso 24 CFU MIUR di Docenti.it è sviluppato in modalità E-learning grazie alla collaborazione con eCampus, ente accreditato dal MIUR per il riconoscimento dei 24 crediti per l’insegnamento.

La nostra piattaforma online permette al docente di frequentare le lezioni quando e come vuole, semplicemente accedendo a un portale online 24 ore su 24, 7 giorni su 7, completo di materiale didattico, dispense e simulazioni di esame. Sarà inoltre a sua disposizione un tutor pronto a rispondere ad ogni dubbio anche attraverso chat, e-mail o Whatsapp.

Il percorso fornisce una panoramica completa su tutti e 4 i settori scientifici disciplinari dei 24 CFU MIUR (M-PED/01, M-PSI/04, M-DEA/01, M-PED/03) per una preparazione a 360° sulle conoscenze teoriche e le metodologie didattiche del docente della secondaria.

L’esame finale può essere svolto in una delle sedi sparse in tutta Italia.Il superamento dell’esame permette ovviamente il rilascio della certificazione dei 24 CFU. E, a questo punto, potrai realizzare il tuo sogno di insegnare! 

Consegui online i 24 crediti insegnamento: affidati al percorso completo di Docenti.it!


Consegui ora i 24 CFU
author-avatar

Scritto da Marica Piva

“Se fallisci nel prepararti, ti stai preparando a fallire.” Penso che il successo del metodo di insegnamento stia nella volontà di ogni insegnante di aggiornarsi e formarsi continuamente. Completare la propria figura professionale, infatti, è un percorso di apprendimento continuo. Voglio aiutare i docenti ad affrontarlo con gli strumenti e la mentalità giusta.

Altri articoli che possono interessarti