Concorso Scuola 2020, News

Sai come trovare la tua classe di concorso?

dove-inviare-mad

Vuoi diventare insegnante e non sai cosa sono le classi di concorso? Beh, allora sei nel posto giusto.

Per diventare un docente, infatti, devi trovare la tua classe di concorso, ovvero la materia di insegnamento per cui hai tutti i requisiti. Le Classi di Concorso sono infatti i codici MIUR che indicano la corrispondenza tra i vari titoli di studio e una o più materie scolastiche. Trovare la tua classe di concorso non è così banale come sembra: per fortuna, la nostra guida ste by step ti aiuterà a capire il tuo futuro da insegnante!

Step 1: analizza il titolo di studio per trovare la tua classe di concorso

La prima cosa che devi fare per trovare le tue classi di concorso è partire dal tuo titolo di studio: in base al tipo di laurea che possiedi, infatti, puoi già sapere il grado di istruzione di riferimento. Ad esempio, i titoli di studio che danno accesso alle Classi di Concorso per la scuola dell’infanzia e primaria sono:

  • Laurea in Scienze della formazione primaria;
  • Diploma Magistrale;
  • Diploma di Liceo Socio-Psico-Pedagogico (conseguito entro il 2001).

Le Classi di Concorso per la scuola secondaria di I e II grado richiedono invece:

  • Laurea Vecchio Ordinamento;
  • Laurea Specialistica o Magistrale di Nuovo Ordinamento;
  • Diploma accademico di II livello;
  • Diploma di Conservatorio;
  • Titolo di Accademia di Belle Arti Vecchio Ordinamento;
  • Diploma di scuola superiore (per gli ITP, ovvero insegnanti tecnico-pratici).

Step 2: valuta il tuo piano studi

Oltre al grado di riferimento, il titolo di studio è utile anche per individuare la Classe di Concorso. E qui abbiamo la prima sorpresa: una Laurea o un Diploma possono aprire la strada anche a più insegnamenti. Facciamo un esempio: con una Laurea Specialistica in Ingegneria Chimica (LS-27) puoi accedere a ben 13 classi di concorso!

Tuttavia, per scegliere il giusto insegnamento non basta solo la Laurea. Per avere accesso davvero a una classe di concorso, infatti, devi possedere il giusto numero di CFU maturati durante il percorso universitario, master e corsi formativi per ricoprire l’insegnamento definito dalla Classe di Concorso. Per questo bisogna prendere in mano il proprio piano di studi e fare una valutazione dei crediti maturati.

In base agli esami sostenuti, ogni aspirante docente può calcolare i crediti formativi accumulati e compararli con le tabelle del MIUR per individuare la compatibilità con la Classe di Concorso. Ogni esame è infatti contraddistinto sia dai CFU sia da una sigla (il Settore Scientifico Disciplinare, detto anche SSD) che identifica l’ambito disciplinare. Quest’ultimo è utile proprio per capire i futuri insegnamenti che un docente può ricoprire.

Torniamo all’esempio di prima: un Laureato in Ingegneria Chimica ha accesso a 13 Classi. Se tra queste fosse interessato all’insegnamento di Matematica e Scienze (A-28), dovrebbe verificare di possedere tutti i CFU nei SSD richiesti. Per la compatibilità sono quindi richiesti 96 CFU nei settori MAT, FIS, CHIM, GEO, BIO, di cui almeno 12 in MAT/02, 12 in MAT/05, 12 in MAT/07, 12 in FIS, 12 in CHIM, 12 in GEO, 12 in BIO.

classe-di-concorso

Step 3: confronta il piano studi con le tabelle MIUR

Per conoscere i crediti in tuo possesso per accedere alle classi di insegnamento deVi fare quindi un’attenta valutazione del piano di studi. In più, dovrai confrontare i tuoi CFU con le tabelle messe a disposizione del MIUR in cui sono riportati nelle note tutti i requisiti di accesso. Un’operazione niente affatto facile!

La valutazione piano studi è resa complicata dal fatto che le tabelle non sono facili da consultare. A partire dal 2017 sono state infatti introdotte diverse novità, un po’ per semplificare l’assegnazione delle cattedre, un po’ per far fronte alla nascita dei nuovi licei musicali e coreutici. Il MIUR ha così ridotto delle classi di concorso, passate da 168 a 114, aggiungendone di nuove, ovvero Storia della musica (A-53), Strumento musicale negli istituti di istruzione secondaria di II grado (A-55), Tecnica della danza classica (A-57), Tecnica della danza contemporanea (A-58), Tecniche di accompagnamento alla danza (A-59), Tecnologie musicali (A-63), Teoria, analisi e composizione (A-64), Lingua italiana per discenti di lingua straniera (A-23), Scienze e tecnologie della calzatura e della moda (A-35), Scienze e tecnologia della logistica (A-36), Teoria e tecnica della comunicazione (A-65).

In più, non devi sottovalutare il fatto che le tabelle non sono uguali per tutti! Ne esistono di 3 tipi

  • Tabella A, specifica per i docenti con Laurea del nuovo ordinamento;
  • Tabella A1, riferita ai docenti con Laurea del vecchio ordinamento;
  • Tabella B, specifica per gli insegnanti ITP.

Il che rende più complicato per te fare tutti i giusti calcoli. Ma indovina un pò? Docenti.it può farlo al posto tuo!

Perché saltare tutti gli step… e affidarti a Docenti.it per trovare la tua classe di concorso

Per aiutarti meglio nella valutazione del tuo piano studi, Docenti.it mette a disposizione uno strumento aggiornato alle ultime tabelle MIUR che ti permetterà di trovare le tue Classi di Concorso insegnamento.

Farlo è molto facile: innanzitutto, mettiamo a disposizione un tool online per una prima analisi gratuita che ti fornirà la lista completa dei codici delle Classi di Concorso corrispondenti al tuo titolo di studio.

Se poi vorrai scendere nello specifico e saltare a piedi pari lo step 2 e lo step 3 della nostra guida, risparmiando tempo (e semplificandoti notevolmente la vita), potrai scegliere di affidarti a una valutazione professionale dei CFU del tuo piano studi, per avere un quadro certo delle materie che potrai insegnare negli Istituti. Così potrai dedicare tutto il tempo che vuoi alla tua formazione… mentre noi ti forniremo una panoramica dettagliata delle classi di concorso a cui hai accesso.

Non solo: in caso tu non abbia tutti i CFU per accedere a una classe di concorso, ti aiuteremo anche a trovare la soluzione giusta per rimediare e maturare i requisiti giusti per ottenere l’insegnamento della materia che desideri. Per farlo, mettiamo a disposizione una piattaforma di corsi online specifici per l’integrazione alle tue classi di concorso

Cosa aspetti ad affidarti a Docenti.it?


Preparati per il Concorso Scuola
author-avatar

Scritto da Marica Piva

“Se fallisci nel prepararti, ti stai preparando a fallire.” Penso che il successo del metodo di insegnamento stia nella volontà di ogni insegnante di aggiornarsi e formarsi continuamente. Completare la propria figura professionale, infatti, è un percorso di apprendimento continuo. Voglio aiutare i docenti ad affrontarlo con gli strumenti e la mentalità giusta.