caricamento formazione docenti

Quando parliamo di Classi di Concorso intendiamo una classificazione delle discipline a cui può accedere il docente in base alla laurea che possiede (Magistrale, Specialistica, Vecchio Ordinamento, a ciclo unico) e all'eventuale titolo di abilitazione che ha conseguito.

Le classi di concorso sono dei veri e propri codici, stabiliti dal MIUR utilizzati per categorizzare in modo uniforme le materie e associarle ai titoli di studio.
In relazione al percorso di studi intrapreso, agli esami sostenuti e ai crediti formativi maturati, può variare sia la Classe di Concorso che il grado di istruzione di riferimento.

Per accedere a una delle Classi di Concorso è necessario avere il titolo di studio idoneo e aver conseguito un certo numero di crediti in determinate materie.
Vuoi insegnare negli Istituti di scuola infanzia e primaria o negli Istituti di scuola secondaria di I e II grado? Questa è la domanda fondamentale per verificare subito a quale grado di istruzione hai accesso con il tuo titolo di studio.

Titoli di accesso alle classi di concorso per la scuola dell'infanzia e primaria

- Laurea in Scienze della formazione primaria
- Diploma Magistrale
- Diploma di Liceo Socio-Psico-Pedagogico conseguito entro l'anno scolastico 2001-2002

Titoli di accesso alle classi di concorso per la scuola secondaria di I e II grado

- Laurea Vecchio Ordinamento
- Laurea Specialistica o Magistrale di Nuovo Ordinamento
- Diploma accademico di II livello
- Diploma di Conservatorio
- Titolo di Accademia di Belle Arti Vecchio Ordinamento
- Diploma di scuola superiore (per gli ITP, ovvero insegnanti tecnico-pratici)

Come già anticipato, le Classi di Concorso sono state stabilite dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della ricerca. Lo stesso MIUR ha fornito tre diverse tabelle per verificare se e quali titoli di studio diano accesso alle classi. Una tabella, denominata "Tabella A" è dedicata ai docenti con Laurea del nuovo ordinamento; la Tabella A1 è destinata ai docenti con Laurea del Vecchio Ordinamento, mentre la Tabella B è destinata ai docenti ITP (Insegnanti Tecnico Pratici).

Queste tabelle però non sono sempre facilmente consultabili. Ecco perché Docenti.it fornisce un tool gratuito per semplificare l'intero processo di verifica, soprattutto dopo l'ultima riforma che ha coinvolto le classi di concorso.

Riforma classi di concorso

Nel 2017, infatti, c'è stato un importante azione di accorpamento Classi di Concorso per razionalizzazione e snellire il processo di assegnazione delle cattedre. È stata implementata una riduzione delle classi in generale, da 168 a 114, e un'aggiunta di 11 nuove classi per far fronte alla nascita dei nuovi licei musicali e coreutici. Il tool di Docenti.it, ovviamente, è aggiornato con le nuove classi di concorso e può dare un risultato gratuito ed immediato a tutti gli aspiranti docenti che desiderano capire quali materie possono insegnare.

Quali sono le Classi di Concorso scuola a cui puoi accedere con la tua Laurea?

Scoprilo grazie a questa applicazione! Questo strumento, infatti, ti consente di controllare quali sono le Classi di Concorso miur relative al tuo titolo di studio. È semplice: seleziona il tuo grado di istruzione, la tipologia del titolo di studio e il gioco è fatto. Nel riquadro appariranno tutte le classi di concorso a cui potresti avere accesso.

Crediti formativi per Classi di Concorso

Attenzione però, perché la sola Laurea non è titolo sufficiente ad accedere alle Classi di Concorso. Ogni Classe di Concorso, infatti, richiede un certo numero di Crediti Formativi Universitari (CFU) in specifici settori disciplinari. Per essere sicuro di poter accedere ad una certa Classe di Concorso confronta il tuo Piano di Studi con la tabella A (personale docente con Laurea nuovo ordinamento), A1 (personale docente con Laurea Vecchio Ordinamento) e B (docenti ITP) del DPR 19/2016.

Se non lo fai incorri nel rischio di non poter aver accesso a una o più classi di concorso e di conseguenza ti precludi le possibilità di accedere all'insegnamento, di partecipare ai concorsi scuola. Ricorda che anche se ti manca un solo CFU, non sei in possesso della Classe di Concorso e necessiti un'integrazione del tuo piano degli studi.

Esempio Classi di Concorso

Se dovessi inserire nel calcolatore delle classi di concorso un titolo di laurea come LM-14 Filologia Moderna, otterrei come risultato un certo numero di classi di concorso: per esempio, A-11, A-12, A-13, A-22. Adesso, per ogni classe di concorso dovrei verificare di essere in possesso di tutti gli esami richiesti. Prendiamo l'A-13, ossia greco e latino nei licei. Se nel piano di studi non avessi un numero sufficiente di esami di greco e di latino, allora non potrei avere accesso a questa classe di concorso insegnamento e se volessi insegnare queste discipline dovrei integrare con corsi singoli.

Quindi presta molta attenzione al tuo piano di studi e alle tue Classi di Concorso.
Verificare le proprie Classi di Concorso non è mai stato così semplice e veloce: grazie al nostro sistema di valutazione potrai finalmente muovere i primi passi nel mondo della scuola in maniera sicura e agevole.