Messa a Disposizione

Supplenza senza graduatorie? Con le supplenze MAD si può!

Buone notizie sul fronte supplenze MAD scuola.

Vorresti insegnare, ma non sei ancora iscritto nelle graduatorie docenti e non puoi quindi essere chiamato per ricoprire delle supplenze delle scuole.

E invece ti sbagli!

Se non sei inserito in GPS e GI, puoi infatti fare delle supplenze MAD, ovvero ottenere degli incarichi grazie alla messa a disposizione.

Scopri come con Docenti.it!

Supplenze MAD: come ottenere incarichi di supplenza

MAD è acronimo di Messa a Disposizione, una domanda sotto forma di documento scritto che gli aspiranti docenti come te possono inviare nelle scuole per ottenere incarichi di supplenza.

La MAD è un’istanza informale e somiglia molto a un accordo tra privati.

Esattamente come si inviano curriculum nelle aziende, un docente può preparare una candidatura da presentare spontaneamente nelle scuole, senza dover passare per graduatorie o concorsi scuola.

Se il dirigente Scolastico ne ha bisogno, può decidere di chiamare in servizio un candidato tramite MAD.

Questo succede nel caso in cui un istituto non riesca a trovare un docente per le cattedre vacanti tramite le graduatorie docenti: queste infatti esauriscono quasi subito, quindi a quel punto l’unica possibilità per reperire personale docente è sfogliare le domande di Messa a Disposizione ricevute dalle segreterie.

Messa a Disposizione: di quali tipi sono

Per fare delle supplenze MAD, il primo passo è scegliere quale tipo di domanda preparare tra:

  • LA MAD CLASSICA: per tutti gli aspiranti docenti;
  • MAD SOSTEGNO: specifiche per incarichi su sostegno;
  • La MAD PERSONALE ATA: la messa a disposizione per incarichi ATA;
  • E la MAD RECUPERI ESTIVI: la domanda per i recuperi estivi.

Come compilarla

In secondo luogo, bisogna redigere una candidatura completa di:

  • Titoli di studio validi per l’accesso all’insegnamento;
  • Indicazione delle classi di concorso a cui si ha accesso;
  • Eventuali titoli extra (master, certificazioni, 24 CFU);
  • Dati anagrafici e contatto.

Una volta preparata la domanda, si procede con la sua consegna presso le segreterie scolastiche.

E qui viene il bello delle MAD.
Infatti, le domande di Messa a Disposizione non hanno limiti di consegna e possono essere inviate anche a più istituti contemporaneamente in qualsiasi provincia d’Italia.

Il che vuol dire che il lavoro di ricerca può rivelarsi anche piuttosto lungo: devi infatti cercare gli indirizzi di tutte le scuole, perché dovrai consegnare una messa a disposizione per ciascun istituto in cui vuoi candidarti.

Puoi inoltre scegliere se consegnare la domanda MAD con una raccomandata, una e-mail o una PEC, oppure portarla di persona.

Una volta scelta la modalità e consegnata la candidatura, non dovrai far altro che aspettare l’eventuale convocazione!

supplenze mad

I vantaggi di una supplenza

Le domande di messa a disposizione sono uno strumento ottimo sia per chi non è iscritto in graduatoria sia per chi lo è.

Infatti, anche gli insegnanti regolarmente inseriti nelle GPS e nelle graduatorie d’istituto possono fare delle supplenze MAD.

La Messa a Disposizione porta infatti a dei vantaggi per entrambe le categorie di insegnanti.

Per prima cosa, le supplenze MAD permettono di ottenere un primo stipendio, oltre che a maturare piano piano sempre più esperienza con le dinamiche di classe e di insegnamento.

Quanti punti è possibile ottenere con le supplenze

In secondo luogo, il servizio prestato tramite MAD consente di accumulare punti spendibili nelle graduatorie docenti.

Quando sarà il momento, infatti, potrai iscriverti alle nuove graduatorie e farti valutare il curriculum in base alle tabelle di valutazione titoli del MIUR.

Le supplenze MAD possono far ottenere fino a 12 punti, nelle seguenti modalità:

  • 1 punto ogni 15 giorni di contratto;
  • 0,5 punti ogni 15 giorni di contratto per la cattedra in una materia non appartenente alla propria classe di concorso.

Il che permetterà di scalare le graduatorie e migliorare le opportunità di raggiungere le prime posizioni!

I consigli di Docenti.it per la Messa a Disposizione

Ora che sai che puoi ricoprire delle supplenze anche senza graduatoria, non ti resta che preparare subito la tua domanda e inviarla per ottenere i tuoi incarichi a scuola.

Grazie al servizio dedicato di Docenti.it, puoi ricorrere all’aiuto di un vero consulente che ti aiuterà a redigere la tua MAD facilmente, velocemente e senza errori.

Una volta validata dal nostro team, la invieremo noi negli Istituti attraverso un software validato da anni di esperienza.
Tu dovrai scegliere solo le scuole in base al grado di istituto e alla provincia di tuo interesse e penseremo a tutto noi.

E tutto a partire dal piccolo prezzo di 19€ e con soli pochi click!

Il nostro sistema, inoltre, traccerà la consegna della tua MAD, di cui ti condivideremo un report dettagliato.

Così avrai la certezza degli istituti che hanno ricevuto la tua candidatura. In più, la tua MAD sarà caricata gratuitamente sulla piattaforma “Elenco Nazionale Supplenti”, l’unico strumento che gli istituti di ogni ordine e grado utilizzano per gestire le domande scuola.

E ti sembra poco?

Godi di tutti i vantaggi della messa a disposizione con Docenti.it!

author-avatar

Scritto da Simona Fornace

Essere di supporto agli aspiranti docenti di tutta Italia è una delle soddisfazioni più grandi della mia attività con Docenti.it. Aiutare un insegnante ad inviare la sua MAD significa aumentare la sua possibilità di esaudire il proprio sogno di insegnare. Precisione, puntualità e affidabilità sono alla base di ogni messa a disposizione.

Altri articoli che possono interessarti