Assegnazioni provvisorie docenti 2022: come e quando fare domanda
Condividi l'articolo

In questi giorni è possibile inviare domanda per le assegnazioni provvisorie docenti.

In questo articolo mostriamo tutto ciò che c’è da sapere a riguardo.

Assegnazioni provvisorie docenti: quando inviare domanda?

Si sono aperti i termini per inviare domanda di assegnazione provvisoria per l’a.s. 2022/23.

Ecco qui le date per presentare domanda:

  • docenti: dal 20 giugno 2022 al 4 luglio 2022
  • personale educativo e IRC: dal 20 giugno 2022 al 4 luglio 2022
  • personale ATA: dal 27 giugno all’11 luglio 2022

Ma chi può richiedere questo movimento?

E come si invia la domanda?

Chi può fare domanda?

L’assegnazione provvisoria può essere richiesta da tutti i docenti con contratto a tempo indeterminato di qualsiasi ordine e grado.

Per il 2022/2023 possono inviare domanda tutti coloro che rispettano i requisiti previsti dal CCNI 2019/2022.

Sono compresi anche docenti neo assunti 2020/21 e 2021/22, i DSGA neo-assunti, il personale ATA Internalizzato ex LSU a tempo pieno ex co.co.co.

Rimangono esclusi invece gli assunti dall’a.s. 2022/23.

La domanda può essere fatta solo se subentrano alcune motivazioni, quali:

  • ricongiungimento ai figli o agli affidati di minore età con provvedimento giudiziario
  • ricongiungimento al coniuge o alla parte dell’unione civile o al convivente, ivi compresi parenti o affini, purché la stabilità della convivenza risulti da certificazione anagrafica
  • gravi esigenze di salute del richiedente comprovate da idonea certificazione sanitaria
  • ricongiungimento al genitore

Come inviare domanda di assegnazione provvisoria?

I docenti devono presentare la richiesta di assegnazione provvisoria attraverso la piattaforma Istanze On Line.

Personale educativo, ATA e IRC devono invece inviare domanda in modalità cartacea seguendo il modello pubblicato sul sito web del Ministero nella sezione “mobilità”.

Elenchiamo qui tutti i moduli utili del Ministero:

Cosa indicare nella domanda?

L’assegnazione provvisoria può essere richiesta per una sola provincia.

Si possono indicare fino a venti scuole di preferenza per i docenti di Infanzia e Primaria, mentre quindici scuole per i docenti della Scuola Secondaria.

Le preferenze possono essere sia analitiche sia sintetiche.

In particolare, l’assegnazione provvisoria può essere richiesta per:

  • la Classe di Concorso/posto di titolarità;
  • una Classe di Concorso diversa rispetto a quella di titolarità (si deve possedere la relativa abilitazione);
  • un posto/Classe di Concorso di grado di istruzione diverso da quello di titolarità (si deve possedere la relativa abilitazione e si deve aver ottenuto la conferma nel ruolo di appartenenza);
  • i soli posti di sostegno, dai docenti titolari su sostegno ancora sottoposti al vincolo quinquennale su tale tipologia di posto;
  • posto comune e sostegno, dai docenti titolari su sostegno non più sottoposti al vincolo quinquennale;
  • le sole assegnazioni interprovinciali, anche per posti di sostegno dai docenti senza titolo di specializzazione (a condizione che stiano stiano per concludere i percorsi di specializzazione o, in subordine, abbiano prestato almeno un anno di servizio su posto di sostegno).

È doveroso un approfondimento per la richiesta di ricongiungimento.

Richiesta di ricongiungimento: come funziona

In caso di richiesta di assegnazione per ricongiungimento, la prima preferenza da esprimere nella domanda deve essere:

  • il comune di ricongiungimento (ossia quello in cui risiede la persona cui ci si intende ricongiungere) 
  • oppure, il distretto sub-comunale
  • oppure, una o più istituzioni scolastiche comprese nel distretto

Se però non sono disponibili delle scuole nel comune di ricongiungimento, bisogna indicare:

  • una scuola del comune viciniore
  • oppure, una scuola con sede di organico in altro comuneanche non viciniore, che abbia una sede/plesso nel comune di ricongiungimento

Precisiamo che l’indicazione del comune di ricongiungimento (o viciniore) è obbligatoria nel caso in cui si esprimano preferenze per altro comune.

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pexels.com

author-avatar

Veronica Conti

Classe 1998, è studentessa e insegnante di musica. Ha conseguito il Diploma di Violoncello nel 2018 e, due anni dopo, il Diploma Accademico di II Livello in Violoncello presso il Conservatorio di Cesena. Frequenta il terzo anno all'università di Urbino, Lingue e Culture Straniere profilo linguistico-aziendale, ed è tirocinante presso Docenti.it.