Assunzioni 2022: cosa succede se il docente di ruolo riceve un’altra proposta
Condividi l'articolo

Finalmente tra gli argomenti dedicati alla scuola si inizia a parlare di assunzioni 2022.

Anche i docenti di ruolo potrebbero ricevere proposte, bisogna fare attenzione a come procedere.

Vediamo nel dettaglio.

Vediamo nel dettaglio i diversi casi in base al grado di istituto, le graduatorie di provenienza e all’anno di immissione in ruolo o assunzione, chi può partecipare a una nuova nomina.

Assunzioni 2022: chi tra i docenti di ruolo può partecipare

Possono partecipare alle assunzioni 2022 tutti i docenti di ruolo da GaE immessi in ruolo sino all’anno scolastico 2019/20, perché sono stati cancellati da tutte le altre GaE di inclusione e dalla I fascia delle graduatorie di istituto.

I docenti dalle graduatorie dei concorsi (assunti fino al 2019/20)

Possono partecipare tutti i docenti dalle graduatorie concorsi, da tutti i gradi di istruzione, assunti in ruolo dalle GM del concorso ordinario 2016 perché:

  • sono stati cancellati dalla relativa graduatoria di merito, dalle GaE e dalla I fascia delle graduatorie di istituto;
  • sono rimasti inclusi in eventuali altre GM e nelle GPS (se si sono inseriti).

I docenti di scuola dell’infanzia e primaria, assunti dalle GM del concorso straordinario 2018, perchè:

  • sono stati  cancellati da eventuali altre GM del medesimo concorso straordinario 2018, da GaE e graduatorie di istituto;
  • sono rimasti inclusi in eventuali altre GM e nelle GPS (se si sono inseriti).

Sono stati inoltre cancellati da:

  • graduatorie di merito (tutte quelle in cui erano inclusi);
  • graduatorie di istituto;
  • graduatorie ad esaurimento.

I docenti della scuola secondaria di primo e secondo gradoimmessi in ruolo dalle GM del concorso straordinario 2018, all’esito positivo del percorso annuale di formazione e prova.

Assunzioni 2022: docenti in ruolo dal 2020/21

Questi docenti sono cancellati da:

  • tutte le graduatorie finalizzate al contratto a tempo determinato e indeterminato, soltanto all’esito positivo del periodo di prova e quindi all’atto della conferma in ruolo;
  • GM di concorsi straordinari;
  • GM di concorsi ordinari relative alla stessa classe di concorso/posto di immissione in ruolo;
  • GaE;
  • GPS;
  • Graduatorie di istituto.

Però non sono cancellati dalle GM di concorsi ordinari relative a procedure diverse da quelle di assunzione.

Il docente di ruolo cosa deve rispondere a una nuova nomina?

L’Ufficio Scolastico Regionale Veneto a tale quesito risponde con le seguenti indicazioni:

Qualora tra gli aspiranti invitati ad esprimere le preferenze siano presenti docenti già in possesso di un contratto a tempo indeterminato, che intendano mantenere, essi dovranno comunque accedere alla procedura Polis e rinunciare espressamente all’eventuale proposta di individuazione riferita all’a.s. 2022/23.”

Si chiarisce a tal proposito che, se i docenti di cui sopra non esprimessero alcuna volontà rispetto alla procedura attualmente in corso e rientrassero nei numeri autorizzati alle assunzioni, sarebbero nominati d’ufficio, con successiva cancellazione dal ruolo già in possesso.

Sulla base di quanto sopra esposto, si evidenzia la necessità che tutti i docenti coinvolti nella procedura manifestino espressamente la propria volontà attraverso la compilazione dell’istanza on-line.

Ma in sintesi: se il docente risponde “No”, che cosa succede?

Rimane nel ruolo attuale e tale risposta non toglie nulla ai benefici del concorso.

Se risponde “Sì“:

in seguito dovrà partecipare alla seconda fase delle immissioni in ruolo, la selezione della sede tra quelle disponibili nella provincia assegnata.

Leggi anche:

Photo credit: freepick.com

author-avatar

Francesca Renzetti

Mi occupo di copywriting dal 2007. Inizio il mio viaggio dal web per poi approdare a tutte le sfumature di questa professione: dalla realizzazione di testi per depliant o brochure, all’ideazione di campagne pubblicitarie, ai testi di radiocomunicati e articoli redazionali. In particolare scopro che mi piace comunicare l’anima di un Brand ed usare le parole per farlo vibrare nelle persone!