Assunzioni scuola: quanti posti disponibili per docenti e ATA

Assunzioni scuola: quanti posti disponibili per docenti e ATA
Condividi l'articolo

Nell’a.s. 2022/2023 si stimano moltissimi posti per le assunzioni scuola, grazie ai pensionamenti e alla mobilità.

Attualmente, le Regioni stanno pubblicando i dati relativi alle pensioni ed è possibile consultare anche le tabelle della Uil scuola.

Vediamo i numeri dei posti disponibili in base alle Regioni.

Assunzioni scuola: docenti e personale ATA

Si contano oltre 34 mila posti disponibili a scuola per l’a.s. 2022/2023.

Questi sono i numeri: circa 24.500 gli insegnanti che cessano il servizio e 9.500 pensionamenti di amministrativi e altro personale.

Il sindacato Uil ha recentemente pubblicato una stima specifica dei posti e le Regioni con più disponibilità di posto.

Ecco i dati: 24.531 pensionamenti per il personale docente e 9.559 per il personale amministrativo, tecnico e ausiliario.

Le Regioni che sembrerebbero avere più posti disponibili sono:
Campania, Lombardia, Lazio, Sicilia, Puglia, Veneto,
Piemonte, Calabria, Toscana ed Emilia Romagna.

Ma i numeri stimati sono però ancora da confermare. Sarà l’INSP ad accertare e convalidare i pensionamenti.

Nonostante questo, alcuni Uffici scolastici stanno pubblicando comunque i dati relativi ai pensionamenti di alcune scuole.

Stiamo parlando di dati importantissimi in vista delle domande di mobilità, e non solo.

I numeri per Regione

Ma ecco le tabelle pubblicate da Uil scuola con una distinzione dettagliata dei pensionamenti.

I numeri sono suddivisi in base alle differenti Regioni e distinti per grado di istruzione e profilo.

In particolare, questi sono i risultati dei posti disponibili per il personale docente:

  • Abruzzo – 550
  • Basilicata – 337
  • Calabria – 1348
  • Campania – 3355
  • Emilia Romagna – 1345
  • Friuli – 464
  • Lazio – 2283
  • Liguria – 594
  • Lombardia – 3437
  • Marche – 556
  • Molise – 131
  • Piemonte – 1532
  • Puglia – 1972
  • Sardegna – 782
  • Sicilia – 2383
  • Toscana – 1397
  • Umbria – 362
  • Veneto – 1703

Invece questi sono i numeri per il personale ATA:

  • Abruzzo – 267
  • Basilicata – 163
  • Calabria – 465
  • Campania – 1135
  • Emilia Romagna – 566
  • Friuli – 189
  • Lazio – 765
  • Liguria – 199
  • Lombardia – 1249
  • Marche – 308
  • Molise – 71
  • Piemonte – 659
  • Puglia – 729
  • Sardegna – 364
  • Sicilia – 1023
  • Toscana – 536
  • Umbria – 145
  • Veneto – 726

I dati degli USP sulle province

Riportiamo qui gli elenchi provvisori pubblicati dagli Uffici scolastici in base alle province.

assunzioni scuola

Messa a Disposizione: ecco perché dovresti inviarla

Quando parliamo di assunzioni scuola, sappiamo che le scuole, solitamente, si rivolgono a due principali canali di acquisizione supplenti.

Stiamo parlando di:
graduatorie provinciali GPS e domande di Messa a Disposizione.

Dell’imminente riapertura graduatorie provinciali GPS ne abbiamo già parlato in precedenti articoli (puoi leggerne uno qui).

Ma…

Quest’oggi, vogliamo soffermarci su uno dei più usati strumenti di assunzione supplenti (docenti e ATA):
la domanda di Messa a Disposizione.

Come già saprai, la Messa a Disposizione rappresenta un utilissimo strumento, che ti consentirà di ottenere incarichi di supplenza presso gli istituti scolastici.

Questo, ovviamente, se sarai in grado di utilizzarlo a dovere.

Ma che cosa intendiamo quando diciamo che devi essere in grado di usare bene questo strumento?

Significa che, come in ogni ambito della tua vita, se vuoi davvero perseguire un obiettivo e raggiungerlo,
devi assolutamente munirti di una strategia,
che ti consenta di usare questo strumento con un metodo.

Ma in che cosa consiste questa strategia?

Eccoci arrivati al punto.

Dal momento che la scuola ha continua esigenza di insegnanti e personale ATA, le assunzioni dei supplenti sono sempre molto alte, soprattutto in determinati periodi dell’anno.

Per questo motivo, vogliamo darti informazioni di valore che possano esserti utili
per massimizzare le tue possibilità di ottenere convocazioni
con la domanda di Messa a Disposizione.

Continua a leggere.
Troverai queste informazioni nel prossimo paragrafo.

Invia la tua MAD: in che modo?

Ma in che modo puoi sfruttare la tua Messa a Disposizione al meglio, per ottenere incarichi di supplenza?

Ecco che vogliamo darti 3 utili consigli, affinché tu possa usare questa domanda al meglio.

Ma prima…

Vorremmo specificare quanto segue: la domanda di Messa a Disposizione è un’istanza informale
che può essere compilata e inviata autonomamente a tutti gli istituti scolastici,
in maniera del tutto gratuita.


Questo te lo vogliamo dire per correttezza, perché vogliamo essere sinceri con te.

Ma, con altrettanta sincerità, vogliamo anche sconsigliarti di utilizzare questa via per inviare la tua domanda.

Infatti, inviare la tua MAD in maniera autonoma è sconsigliabile, per diversi motivi:

  • devi essere tu a ricercare tutti i siti delle singole scuole in cui vuoi candidarti e compilare il loro form singolarmente (pensa se volessi candidarti in una provincia grande come Milano: in pratica, impiegheresti solo un mese a fare la domanda in pochissime scuole!);
  • correresti il rischio di non sapere se i dati che hai inserito riguardo i tuoi percorsi di studi siano effettivamente corretti: in questo modo, corresti anche il rischio di non essere proprio considerato;
  • inoltre: sprecheresti tempo ed energie inutilmente, inviando la tua domanda in periodi sbagliati, senza avere la minima idea di quando le scuole cercheranno supplenti.

Per questo motivo, è preferibile invece compilare e inviare la tua domanda mediante una piattaforma specifica, che possa consentirti un supporto da parte di un team di esperti, in grado di:

  • contattarti entro 24h lavorative dalla sua compilazione sulla piattaforma;
  • riepilogare e correggere la tua MAD, ripulendola da qualsivoglia errore di compilazione;
  • inviare automaticamente la tua domanda a tutti gli istituti della provincia da te selezionata.

Ovviamente, se deciderai di affidarti ad una piattaforma per l’invio della tua MAD,
è chiaro che usufruirai di un servizio che ti darà dei vantaggi che,
inviando la tua domanda in maniera autonoma, non otterresti.

Per questo motivo, trattandosi di un servizio, l’invio della tua domanda avrà un costo (alquanto irrisorio, però).
Con la nostra piattaforma il costo base di Invio MAD online è di 19 euro.

Una volta fatta questa dovuta distinzione, ora vogliamo arrivare al nocciolo del discorso: qual è la strategia che ti consentirà di massimizzare le tue possibilità di ottenere incarichi?

Lo vediamo subito.

assunzioni scuola

La strategia per ottenere incarichi di supplenza

Come ti abbiamo già anticipato, per poter aumentare le tue possibilità di ottenere supplenze devi munirti di una strategia.

E in che cosa consiste?

Ecco qui i 3 consigli per massimizzare le tue possibilità di ottenere incarichi con la domanda di Messa a Disposizione:

  1. usufruisci di un servizio che ti consenta un corretto riepilogo della tua MAD, in modo tale da renderla priva di qualsiasi errore di compilazione;
  2. scegli di inviarla nei periodi più favorevoli dell’anno, con l’utilizzo di MAD Plus e su più province: in questo modo, massimizzerai le possibilità di ottenere una supplenza;
  3. tieni aperta la possibilità di candidarti anche per il sostegno: è molto frequente, infatti, la ricerca di insegnanti sul sostegno da parte degli istituti. In questo modo, avresti maggiori possibilità di ottenere convocazioni.
invia ora la tua MAD

Nel parlarti dei periodi più favorevoli dell’anno nei quali inviare la tua domanda, dobbiamo dirti fin da subito questo: la MAD può essere inviata in ogni momento dell’anno scolastico, senza che vi sia una scadenza.

Esistono però, periodi maggiormente favorevoli, dove le scuole hanno maggiore necessità di docenti da inserire come supplenti: tra questi, uno dei periodi più favorevoli riguarda Pasqua.

A Pasqua gli istituti ricercano supplenti in maniera massiccia
per coprire le cattedre vacanti ancora presenti nell’arco dell’anno scolastico.

E, dal momento che la Pasqua si sta avvicinando…
Non ti sembra il momento giusto per inviare la tua MAD?

Ricordati che affidarti ad una piattaforma specializzata nel settore è molto importante.

Per questo ti parliamo di Docenti.it, una realtà che opera nel mondo scuola da oltre 6 anni.

In tutto questo tempo abbiamo accumulato l’esperienza necessaria per poterti dare le indicazioni migliori,
che ti consentano un’ingresso nel mondo scuola senza intoppi.

Infatti, in tutti questi anni Docenti.it ha aiutato migliaia di insegnanti ad ottenere incarichi di supplenza.

Questo è il motivo per il quale dovresti inviare la tua MAD ora.

E farlo con noi.

invia ora la tua MAD

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità del mondo scuola?
Allora, leggi anche:

Photo credit: unsplash.com