Formazione

Cosa serve per insegnare? Titoli di accesso e piano studi

piano-studi

Sogni di diventare insegnante ma non sai se hai tutti i requisiti per farlo? Se hai provato ad informarti, avrai senza dubbio sentito parlare dei titoli di accesso all’insegnamento, di valutazione del piano di studi e CFU. I requisiti per fare il docente non sono pochi, in effetti. Per fortuna, noi di Docenti.it abbiamo acquisito una certa esperienza nell’aiutare centinaia di aspiranti insegnanti a realizzare il loro desiderio di lavorare nel mondo scuola. Ecco perché abbiamo pensato di mettere a disposizione il nostro sapere in questa semplice guida che risponde definitivamente alla domanda “cosa serve per insegnare”?

Per insegnare serve un titolo di accesso a una classe di concorso

Se sei fra quelli che si stanno chiedendo cosa serva per insegnare, ecco da dove puoi iniziare iniziare. Per prima cosa, devi sapere che l’accesso all’insegnamento è strettamente vincolato alle classi di concorso

Le classi di concorso sono la porta di ingresso per la carriera di docente. Queste classi sono stabilite dal MIUR e corrispondono a una classificazione delle discipline a cui un docente può accedere in base al titolo di studio di cui è in possesso. 

Ogni classe di concorso stabilisce i criteri per accedere all’insegnamento di una disciplina. Quindi, a seconda del tipo di laurea o diploma che possiedi, puoi avere accesso alla possibilità di insegnare determinate materie scolastiche, secondo modalità e requisiti indicati dalle classi di concorso

Ovviamente non tutti i titoli di studio permettono di accedere automaticamente a una classe di concorso. Una laurea triennale, ad esempio, non permette l’accesso a nessuna classe di concorso, mentre un diploma professionale consente di accedere alle classi relative al ruolo di ITP, ovvero gli insegnanti tecnico pratici che lavorano nei laboratori scolastici degli istituti secondari.

Va da sé che sono richiesti titoli di studio diversi anche a seconda del grado di istituto in cui si può insegnare. Sono infatti necessari specifici titoli di accesso per le classi di concorso scuola dell’infanzia e primaria e quelle della scuola secondaria di primo e secondo grado.

Per la scuola dell’infanzia e primaria è indispensabile:

  •  la Laurea in Scienze della formazione primaria, il Diploma Magistrale o il Diploma di Liceo Socio-Psico-Pedagogico, o ancora il Diploma sperimentale a indirizzo linguistico (purché conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002).

Per la scuola secondario, di primo o secondo grado, bisogna possedere:

  •  una Laurea di Vecchio Ordinamento, una Laurea Specialistica o Magistrale di Nuovo Ordinamento, un Diploma accademico di II livello, Diploma di Conservatorio o di Accademia di Belle Arti Vecchio Ordinamento. 
  • Peri soli ITP (insegnanti tecnico pratici) è sufficiente il Diploma di scuola superiore.

Verifica a quali classi di concorso hai accesso con il tuo titolo di studio: utilizza ora il tool gratuito di Docenti.it per i titoli di accesso all’insegnamento!

cosa-serve-per-insegnare

La valutazione del piano di studi per fare l’insegnante 

Se possiedi uno dei titoli di accesso all’insegnamento sei a buon punto… ma solo a metà dell’opera! Perché, ti starai chiedendo, cos’altro serve per insegnare?

Possedere un titolo di studio che dia accesso a una classe di insegnamento in realtà non basta. Come abbiamo visto, ogni classe di concorso stabilisce dei criteri precisi a cui devi rispondere per poter ricoprire effettivamente il ruolo di insegnante della materia scolastica che hai individuato. 

Qui entra in gioco il secondo aspetto fondamentale che riguarda i titoli di accesso all’insegnamento, ovvero la valutazione del piano di studi.

Se te lo stai chiedendo, sappi che il piano di studi è l’insieme degli esami che hai sostenuto durante il tuo percorso di laurea, o ancora master e corsi che hai frequentato. Ogni esame superato durante il tuo periodo di formazione ti ha sicuramente fatto conseguire un numero consistente di CFU in diversi Settori Scientifici Disciplinari (SSD). Questi SSD non sono altro che i codici che contraddistinguono ogni esame.  

Eccoci arrivati al punto: una classe di concorso, oltre a stabilire quale titolo di studio ti permette di insegnare una data materia, indica anche quanti CFU devi aver maturato in specifici settori scientifici disciplinari per insegnare quella materia

Per questo è fondamentale analizzare bene il proprio piano studi

Potrebbe infatti capitare di credere di poter ricoprire a “pieno titolo” la docenza di una specifica disciplina, senza avere in realtà maturato i crediti richiesti dalla classe di concorso individuata. La sola laurea non basta, ed è importante che tu ne sia consapevole per non ostacolare la tua carriera scolastica!

Per verificare i requisiti delle singole cattedre di insegnamento, tra titoli e crediti, il MIUR ha messo a disposizione la tabella A e B delle classi di concorso. La prima si riferisce a tutti i titoli di laurea, mentre la seconda fa riferimento ai titoli di diploma, quindi ai diplomati ITP.

Tuttavia, non è così immediato trovare la corrispondenza tra titoli di studio, classi di concorso ed esami sostenuti. Ma non temere!

Docenti.it ha deciso di semplificare la verifica delle classi di concorso e del piano di studi. Con un pratico tool online, non dovrai più perdere tempo a consultare le varie tabelle rilasciate dal MIUR. 

Ti basterà inserire il titolo di studio che possiedi per ottenere in meno di 20 secondi l’elenco completo delle classi in insegnamento in cui puoi concorrere. Per un’analisi ancora più dettagliata, potrai anche verificare per ogni classe di concorso i requisiti richiesti, in modo da procedere con la valutazione del tuo piano di studi e la verifica dei tuoi CFU. E se anche questo ti sembra troppo complicato, sappi che i nostri consulenti forniscono anche un servizio di valutazione del piano di studi professionale!

Utilizza i tool di Docenti.it per scoprire se hai tutto quel che ti serve per insegnare!

Cosa succede se non hai i giusti CFU per insegnare?

Sappiamo cosa ti stai domandando a questo punto. Cosa succede se, dopo la valutazione del piano di studi, verifiche che non possiedi tutti i crediti formativi richiesti da una classe di concorso? Significa forse che non puoi insegnare?

La risposta è no, per fortuna.

Infatti, puoi sempre decidere di saldare il debito dei CFU mancanti per accedere a una classe di concorso. Esistono diversi modi per farlo: potresti infatti frequentare dei corsi universitari e ottenere i crediti nel settore scientifico disciplinare in cui hai una lacuna. 

Persino noi di Docenti.it offriamo diversi percorsi formativi per integrare i crediti mancanti e permettere agli aspiranti docenti come te di accedere definitivamente all’insegnamento. In più, se deciderai di affidarti alla valutazione professionale del piano studi, saranno i nostri stessi consulenti a indicarti il modo giusto per saldare i tuoi debiti formativi e realizzare finalmente il tuo sogno di diventare insegnante!

Affidati a Docenti.it per la valutazione del piano di studio e per ottenere tutti i requisiti che servono per insegnare!


Valuta il tuo Piano di Studi
author-avatar

Scritto da Gaetano Esposito

Entrare a far parte del team di Docenti.it mi permette di ascoltare e “toccare con mano” l’esperienza di migliaia di insegnanti. Il futuro corpo docente ha l’onore di costruire la società del domani. Fare parte di questo processo per me è un privilegio.

Altri articoli che possono interessarti