Decreto Riforma Bianchi: ecco le ultime notizie
Condividi l'articolo

Il DPCM sulla Riforma Bianchi sarà presto pubblicato. Nel Decreto saranno definiti tutti i contenuti e la strutturazione del percorso formativo del nuovo reclutamento docenti.

Che cosa dobbiamo aspettarci?

Decreto Riforma Bianchi: quando sarà pubblicato?

Il mondo scuola attendeva il Decreto sulla Riforma Bianchi per il 31 luglio 2022. Sono trascorsi alcuni giorni e tale termine, non perentorio, è ormai passato.

Il ritardo nella pubblicazione è stato dovuto anche alla crisi di Governo dettata dalle dimissioni del Premier Draghi.

Quando sarà pubblicato, quindi?

Le ultime notizie avvertono che il Decreto sarà pubblicato questa settimana.

E c’è ovviamente tanto fermento: il nuovo reclutamento docenti cambierà le modalità per le quali si potrà diventare insegnanti.

Che cosa dobbiamo aspettarci?

Che cosa definirà il Decreto

Il Decreto sul nuovo reclutamento docenti metterà luce sulle nuove direttive, ormai discusse da molte settimane.

In particolare definirà:

  • i contenuti e la strutturazione dell’offerta formativa relativa al percorso dei 60 CFU/CFA
  • il numero di crediti universitari o accademici riservati alla formazione inclusiva delle persone con disabilità
  • la percentuale necessaria di partecipazione in presenza alle attività formative per l’accesso alla prova finale
  • le modalità di svolgimento della prova finale del percorso universitario e accademico, comprendente la prova scritta e orale

Come già confermato, l’offerta formativa di 60 CFU/CFA sarà così composta:

  • almeno 10 CFU/CFA in area pedagogica
  • attività di tirocinio diretto e indiretto non inferiore a 20 CFU/CFA
  • ogni credito di tirocinio deve corrispondere ad un impegno in presenza di almeno 12 ore

I 24 CFU sono riconosciuti

I 24 CFU, crediti universitari già acquisiti da numerosi aspiranti inseriti nelle graduatorie GPS, non andranno perduti, anzi.

Chi ha già acquisito i 24 CFU potrà, fino a dicembre 2024, partecipare ai concorsi senza necessità di altri percorsi formativi. 

Questo perché i 24 CFU rappresenteranno un requisito indispensabile per accedere ai concorsi fino a dicembre 2024. 

Nell’ambito dei 60 crediti formativi che compongono i percorsi abilitanti, i 24 CFU verranno riconosciuti come validi. 

La norma ha stabilito che la data ultima per acquisire i 24 CFU è il 31 ottobre 2022.

Se sei un docente (o aspirante) e non hai ancora conseguito i 24 CFU, affrettati!
Hai tempo solo fino a ottobre 2022 per acquisirli!

Dopodiché, per te… non ci sarà più tempo.

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pixabay.com

author-avatar

Veronica Conti

Classe 1998, è studentessa e insegnante di musica. Ha conseguito il Diploma di Violoncello nel 2018 e, due anni dopo, il Diploma Accademico di II Livello in Violoncello presso il Conservatorio di Cesena. Frequenta il terzo anno all'università di Urbino, Lingue e Culture Straniere profilo linguistico-aziendale, ed è tirocinante presso Docenti.it.