Messa a Disposizione

Emergenza scolastica: convocazione immediata da Messa a Disposizione

messa-a-disposizione

Oggi sono 11 le regioni in cui gli studenti delle secondarie tornano finalmente in classe, anche se in presenza solo per il 50% o il 75%. Una bella notizia per il mondo della scuola, a cui però ne segue un’altra non altrettanto buona. Tornano in classe gli studenti, infatti, ma non gli insegnanti. Le scuole si trovano ancora nel pieno di un’emergenza supplenti. Sono ancora molti i docenti che mancano all’appello e, come ogni anno, si dovrà ricorrere alle convocazioni da Messa a Disposizione MAD per garantire il corretto svolgimento del servizio scolastico!

L’emergenza supplenti in Italia e nel Nord

Il periodo dopo le festività di Natale è uno dei momenti più difficili per la scuola. Da sempre, in questo periodo, si registra una grande astensione dal servizio. Molti insegnanti chiedono permessi o vanno in congedo parentale, o ancora in malattia o in aspettativa.

Il numero degli insegnanti da sostituire è maggiore quest’anno a causa del SARS-CoV-2. Infatti, molti docenti si vedono costretti a ricorrere alla malattia. Altri ancora non hanno rinnovato i contratti in scadenza al 31/12, andando purtroppo a peggiorare il problema delle cattedre vacanti. Stiamo vivendo quindi una nuova emergenza supplenti, dopo quella di inizio anno scolastico. Un problema che affligge in generale tutti gli istituti scolastici, ma soprattutto quelli nel Nord Italia.

Gli uffici scolastici si ritrovano in enorme difficoltà: mancano all’appello migliaia di docenti, e risolvere il gap delle cattedre vacanti e delle aule scoperte sta diventando un vero rebus, anche a causa della lacune della graduatorie docenti, che da sole non bastano a reperire insegnanti. Per questo i Dirigenti Scolastici hanno pochissimo tempo per trovare supplenti. E siccome le convocazioni da graduatorie sono risultate insufficienti, resterà una sola strada possibile per sistemare i posti vacanti nelle scuole: arruolare i docenti che avranno presentato le candidature con Messa a Disposizione.

mad

La MAD: lo strumento giusto per gli aspiranti supplenti

Al momento, l’unico strumento in grado di risolvere il problema dell’emergenza supplenti è la MAD

La Messa a Disposizione è un’autocandidatura che un aspirante docente invia ai Dirigenti Scolastici di varie scuole: tramite questa domanda, rende nota la sua disponibilità a ricoprire incarichi di supplenza, come docente o come collaboratore scolastico. La domanda di Messa a Disposizione è infatti uno strumento utile tanto per i docenti quanto per il personale ATA. In più, è legalmente riconosciuta dal MIUR!

Inviare la propria Messa a Disposizione MAD in questo momento è senza dubbio un’ottima opportunità per un aspirante docente. Infatti, è il modo più semplice e veloce per ottenere una supplenza. Inoltre, è già ampiamente dimostrato che sia le graduatorie dei docenti sia quelle del personale ATA non bastano a coprire il fabbisogno scolastico. In questi giorni gli uffici scolastici, specie quelli del Nord Italia, hanno già finito di scorrere le graduatorie, senza trovare supplenti. 

Ecco, quindi, che in questo momento di forte crisi di personale scolastico, i Dirigenti Scolastici faranno ricorso a tutte le candidature spontanee che avranno ricevuto tramite MAD. Anzi: poiché molti istituti hanno già esaurito lo scorrimento delle graduatorie, sono già iniziate le prime convocazioni da Messa a Disposizione!

La Messa a Disposizione con Docenti.it

Il team di Docenti.it é specializzato nell’invio delle domande di messa a disposizione (MAD).

Siamo gli unici che garantiamo l’invio della tua Messa a Disposizione alle scuole entro 24 ore e il suo inserimento gratuito su Elenco Nazionale Supplenti e sulle piattaforme private delle scuole.

Poiché questo è il momento migliore per l’invio della MAD, non c’ tempo da perdere: il tempismo perfetto può permetterti di assicurarti una convocazione!

Grazie al servizio MAD online di Docenti.it, sono necessari soltanto pochi minuti per far arrivare la tua candidatura a centinaia di scuole italiane. Dovrai solo scegliere il tipo di MAD da inviare, a scelta tra MAD classica docenti, MAD sostegno e MAD ATA. Dopo aver inserito i dati richiesti, potrai scegliere una o più province in cui inviare la tua candidatura, insieme ai gradi di istruzione in cui desideri coprire una supplenza.

Dopo aver effettuato il pagamento, sarai chiamato da uno dei nostri consulenti per correggere e finalizzare la domanda di Messa a Disposizione. A quel punto, basterà un click per inviare in poco tempo la tua candidatura a centinaia di istituti!

Se vuoi lavorare nella scuola e aspiri a una convocazione da Messa a Disposizione, il momento giusto è ora: scegli il servizio MAD di Docenti.it!


Invia subito la tua MAD
author-avatar

Scritto da Simona Fornace

Essere di supporto agli aspiranti docenti di tutta Italia è una delle soddisfazioni più grandi della mia attività con Docenti.it. Aiutare un insegnante ad inviare la sua MAD significa aumentare la sua possibilità di esaudire il proprio sogno di insegnare. Precisione, puntualità e affidabilità sono alla base di ogni messa a disposizione.

Altri articoli che possono interessarti