GPS Graduatorie provinciali supplenze: cosa sono le preferenze analitiche e sintetiche
Condividi l'articolo

Ultime news sul fronte GPS Graduatorie provinciali supplenze.

La scuola non va in vacanza, nemmeno ad agosto, anzi: è questo il periodo più caldo, sia per gli uffici scolastici sia per gli aspiranti docenti che aspettano con trepidazione di scegliere le sedi in cui fare domanda per le GPS.

Graduatorie GPS: quando compilare le disponibilità

La compilazione avverrà su Istanze Online.

Sono aperte le iscrizioni dalle 9.00 del 10 agosto fino all 23.59 del 21.

Le disponibilità saranno presenti online dal 10 al 13 agosto.
Per la scelta delle sedi è quindi preferibile aspettare fino a quando non sono disponibili online.

In questo articolo vediamo cosa sono le preferenze analitiche e sintetiche e come funziona per la scelta delle sedi in cui fare domanda.

GPS Graduatorie provinciali supplenze: la scelta delle 150 sedi

Nella domanda si possono inserire fino a 150 preferenze di sedi scolastiche provinciali.
Infatti, alle 100 sedi iniziali, recentemente ne sono state aggiunte altre 50.

Attenzione però: questo non significa che è necessario presentare tutte le 150 preferenze.
Esistono, infatti, anche province che includono solo 20 o 30 sedi.

All’interno delle 150 sedi si possono anche presentare più domande per più classi di concorso.
La regola ferrea è sempre questa: non si possono superare le 150 sedi.
Nemmeno se un candidato non rientra in nessuna di queste.

Se decidete di non inserire una sede, è come se a quella sede voi decideste di rinunciarvi.

Se una volta inviata la domanda vi siete accorti di aver commesso qualche errore, potete anche rifarla. Vi basterà annullarla e compilarla nuovamente.

Bisogna comunque stare molto attenti alla scelta delle sedi.
Infatti, in caso si decidesse di rinunciare alla chiamata ricevuta per insegnare in una suddetta sede scelta, il docente in questione non verrebbe più richiamato da GPS. 

Il candidato può indicare sia la preferenza sul comune sia sulla durata della supplenza (annuale se fino al 31 agosto, oppure fino al 30 giugno).

Quale preferenza vale di più?

Dipende dall’ordine in cui viene inserita.
Se il candidato indica prima la preferenza del comune, allora preferenza per la durata dell’incarico passa in secondo piano.

Preferenze sintetiche e analitiche: cosa sono e quale è preferibile indicare prima

Per le preferenze analitiche è possibile indicare fino a 150 scuole più la classe di concorso.

Invece, per le preferenze sintetiche, si può indicare il comune o il distretto (che sono presenti, solitamente, nelle grandi città) ma non la provincia.

Sarebbe meglio inserire prima le preferenze analitiche.
Successivamente, se in quel comune o distretto non si trova la preferenza analitica, il candidato può indicare quel distretto o comune dove vorrebbe insegnare.

Il motivo è questo: se il candidato inserisce il distretto, tutte le sedi vengono assegnati in ordine alfabetico, perché Il sistema considera i codici delle scuole in quell’ordine.

E le scuole inserite in un distretto o comune vengono contate come scelta singola?

Poniamo questo esempio: se il comune ha 5 scuole e il candidato le seleziona tutte, non c’è bisogno che inserisca anche il comune.
Se, invece, ne seleziona solo 3, deve inserire anche il comune.

Dove arriveranno le convocazioni e quando si prenderà servizio

Le convocazioni verranno consegnate sulla mail che il candidato ha indicato su Istanze Online.

Quando il candidato dovrà prendere servizio per l’anno scolastico?

Tutte le nomine dal mese di agosto dovranno prendere servizio dal 1 settembre.
I candidati devono presentarsi obbligatoriamente il 1 settembre per la presa di servizio.

GPS Graduatorie provinciali supplenze: risposte alle domande frequenti (VIDEO)

Per chi volesse approfondire l’argomento GPS Graduatorie provinciali supplenze, vi lasciamo alla diretta YouTube pubblicata da Orizzonte Scuola.

Photo credit: Unsplash.

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it