Graduatorie GPS: perché il MIUR vuole rinviarle?

Graduatorie GPS: perché il MIUR vuole rinviarle?
Condividi l'articolo

Il MIUR vorrebbe rinviare la riapertura delle Graduatorie GPS al 2023/24.

Ma perché?

Lo scopriamo in questo articolo.

Quando riaprono le Graduatorie GPS?

Domanda da un milione di euro, alla quale…

… Non abbiamo ancora una risposta.

Forse non è questo il modo migliore per iniziare un articolo che dovrebbe dare delle conferme.

Ma…

Se hai già letto altri articoli del nostro blog, saprai che vogliamo sempre essere sinceri con i nostri lettori.

Per cui, ecco cosa possiamo dirti: attualmente non possiamo dare certezze su questo fatto.

La data di riapertura delle prossime Graduatorie GPS rappresenta un evento molto atteso e significativo
per tutti quei docenti e aspiranti, già inseriti o non ancora iscritti.

Se fino a qualche mese fa eravamo praticamente certi che l’aggiornamento graduatorie si sarebbe svolto nell’estate 2022, le ultime decisioni del Ministero sembrano voler stravolgere le poche certezze che ruotano attorno al mondo insegnanti.

A quanto pare, il MIUR avrebbe deciso di rinviare il prossimo aggiornamento
all’anno scolastico 2023/24.

Ma perché avrebbe preso questa decisione?

Lo scopriamo nel prossimo paragrafo.
Continua a leggere.

Perché il MIUR vuole rinviare le GPS?

Il Ministero propone di rinviare le Graduatorie GPS all’anno scolastico 2023/24,
mantenendo per buone le graduatorie già usate per il biennio 2019/20 e 2020/21.

Questa sarebbe la proposta del MIUR nell’ultima bozza presentata qualche giorno fa all’incontro con i sindacati.

Il Ministero vorrebbe lasciare negli elenchi aggiuntivi gli specializzati
e convocare molti docenti da MAD non regolamentate.

Ricordiamo che stiamo parlando di una bozza, non ancora approvata.
Di conseguenza, non vi è ancora nulla di certo.

Ma perché il MIUR sarebbe orientato verso questa decisione?

A causa dell’emergenza sanitaria.
Questa è stata la ragione, secondo recenti indiscrezioni.

Ma, nel frattempo, lo scontento che ruota attorno a questa decisione sta già dilagando.

Infatti, la mancata riapertura delle Graduatorie GPS taglierebbe fuori tutti gli insegnanti che hanno conseguito il titolo di accesso dopo il 6 agosto 2020 o che non si erano ancora inseriti.

E questo a chi gioverebbe?

Dal momento che il mondo scuola (e tutte le notizie che vi ruotano attorno) vede sempre numerosi colpi di scena, non possiamo permetterci di pensare che questa sia veramente la decisione definitiva.

Anche perché, i veterani tra i docenti si ricorderanno di episodi simili già accaduti in passato:
graduatorie prima annunciate, poi smentite e rinviate e poi, all’ultimo…
proclamate e riaperte.

In pratica, è già capitato che la riapertura delle graduatorie venisse annunciata ad un solo mese di distanza, dopo che erano già state date per rinviate.

È già accaduto in passato e potrebbe ricapitare anche quest’anno.

Per questo motivo, ci teniamo a dirti una cosa molto importante.

Continua a leggere.

Come prepararsi al meglio per la riapertura Graduatorie

Non farti trovare impreparato.

Approfitta di questo momento per aumentare il tuo punteggio
e scoprire in quali province potresti ottenere un posizionamento più alto.

Nessuna decisione definitiva è stata ancora presa.

E se veramente dovesse accadere come abbiamo detto noi?
Se le graduatorie dovessero davvero riaprire nell’estate 2022 e venissero annunciate un mese prima, tu che cosa farai?

Rimarrai appeso, fregato, deluso… Senza avere più alcuna possibilità di cambiare le tue sorti.

Per questo motivo, è importante che tu lo faccia adesso che hai ancora tempo!

Ecco che cosa devi fare, se vuoi arrivare preparato e in tempo per la riapertura delle graduatorie:

  • scoprire quali passi devi ancora compiere per aumentare il tuo punteggio;
  • capire in quale provincia puoi ottenere un posizionamento migliore;
  • e aumentare il tuo punteggio in vista della riapertura graduatorie!

Tutto questo lo puoi ottenere.
È possibile.

Ma solo con InCattedra.

InCattedra è il servizio che ti consente di vedere chiaramente
il tuo attuale posizionamento in graduatoria e quello futuro.

Potrai scoprire su quali delle 6 province (che sceglierai tu) ti potrai posizionare al meglio.
In tutto questo percorso non sarai solo: sarai affiancato da un consulente che ti dedicherà una consulenza personalizzata di un’ora, durante la quale costruirà un Piano Carriera sulla base della tua situazione specifica.

E ti saprà indicare la strada migliore per ottenere incarichi di supplenza in breve tempo…
… E avvantaggiarti rispetto a milioni di candidati già iscritti in graduatoria con il tuo stesso punteggio!

Certo, il tempo non è esattamente a tuo favore: ce n’è veramente poco e bisogna sfruttarlo al meglio!

Infatti, come ben saprai, per poter aumentare il tuo punteggio esistono due strade possibili:

  • Inviare domande di Messa a Disposizione, che possano consentirti di ottenere incarichi di supplenza e accumulare punteggio per le graduatorie;
  • e conseguire i Master, i Corsi di Perfezionamento e le Certificazioni che ti mancano al raggiungimento del tuo massimo punteggio.

Quando parliamo di Corsi di Perfezionamento e Master, stiamo parlando di percorsi universitari.
Ovvero: percorsi della durata minima di 5 mesi.

Questo è il motivo per il quale ti stiamo dicendo che il tempo è poco.

Ma tu puoi farcela: puoi arrivare alle graduatorie preparato e in tempo!
Devi solo affidarti ad InCattedra.

Ma c’è un’altra cosa che vogliamo dirti.
InCattedra non è un servizio gratuito: ha un costo di 97 euro.

Ti sembra troppo “alto”?
Allora chiediti questo:

se non sei disposto tu a spendere questa cifra minima per
vedere dei miglioramenti nel tuo futuro professionale:
chi dovrebbe farlo?

Scopri InCattedra

Convocazione supplenti: il ruolo della Messa a Disposizione

Veniamo ora all’ultima tematica dell’articolo.

Secondo i piani del MIUR, la domanda di Messa a Disposizione diverrebbe il pilastro portante della convocazione dei supplenti.

I problemi, in questo caso, sarebbero molteplici:

  • prima di tutto, la MAD ha una regolamentazione molto scarna;
  • secondo: il MIUR ritiene che possano candidarsi con la domanda di Messa a Disposizione solo coloro che non sono iscritti in GPS. A meno che non siano i Dirigenti Scolastici a richiedere una convocazione di supplenti maggiore del previsto.

Insomma, il piano del MIUR per le future convocazioni dei docenti prevede anche questo.

Dal momento che, per il momento non vi è ancora nulla di certo, noi continuiamo con la stessa linea di pensiero già adottata nel paragrafo precedente.

È importante che tu preveda qualunque mossa o colpo di scena.
Per questo motivo, devi assolutamente prepararti in tempo per il prossimo aggiornamento graduatorie.


Sai già cosa fare.

Scopri InCattedra

Articoli che potrebbero interessarti:

Photo credit: Pixabay

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it