Il docente tutor verrà pagato di più: ecco perché
Condividi l'articolo

Il docente tutor sarà pagato di più.
È lo stesso Giuseppe Valditara a comunicarlo in un’intervista rilasciata a Radio24.

Vediamo perché.

Il docente tutor: perché verrà pagato di più?

Il docente tutor verrà pagato di più” è stato lo stesso Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara a comunicarlo, in un’intervista rilasciata a Radio24.

La figura del docente tutor sarà una indispensabile per il Nuovo Reclutamento Docenti.
Figura della quale noi abbiamo già parlato con un articolo introduttivo (clicca qui se vuoi leggerlo).
E che sarà attiva già a partire dalle scuole secondarie di I grado e verrà introdotta con lo scopo di guidare gli studenti verso scelte scolastiche più consapevoli.

Già qualche mese fa Giuseppe Valditara si era espresso in favore di questa figura, dicendo che: “Questo docente dovrà svolgere un ruolo di cooperazione con gli altri docenti della classe, si dovrà fare carico dei ragazzi. Sarà formato e magari pagato anche di più”. 

Oggi, noi sappiamo che il docente tutor sarà effettivamente una figura pagata di più.
Così è stato stabilito.

Ma perché?

Avranno dei compiti aggiuntivi e dovranno essere formati soprattutto nel campo psicologico e pedagogico – aggiunge – ne abbiamo parlato con i sindacati e stiamo ragionando con loro per capire come strutturare al meglio questo nuovo modello organizzativo“, queste le parole del Ministro.

Attualmente non sappiamo ancora di quanto sarà il suo compenso, in termini specifici.

Chi può fare il docente tutor: i requisiti

Ma il ruolo del docente tutor non è adatto a tutti.
Non tutti possono diventare un docente tutor.

Infatti, per poter ricoprire questo ruolo è necessario possedere determinati requisiti.
Vediamo quali.

I requisiti richiesti sono:

  • essere un docente di ruolo;
  • avere appartenenza alla stessa Classe di Concorso del docente in anno di prova o appartenere ad una classe di concorso similare;
  • possedere una buona empatia e avere un’ottima capacità di ascolto;
  • possedere adeguate competenze culturali per il ruolo,
  • essere in possesso di comprovate esperienze didattiche
  • avere attitudine a svolgere funzioni di tutoraggio, di counseling e di supervisione professionale.

Questi sono i requisiti per poter occupare questo ruolo.

Come sappiamo, sul Nuovo Reclutamento Docenti aleggia ancora l’ombra del futuro.

Sono molti i docenti che si chiedono….

Verrà mai attuato?
E se si… quando?

Per il momento, il nuovo Ministro dell’Istruzione e del Merito sembra essere sulla buona strada per apportare i miglioramenti necessari al mondo scuola.

E per quanto riguarda i 60 CFU e il percorso formativo… vedremo in seguito.

Seguiranno aggiornamenti.

Leggi gli approfondimenti:

Photo credit: pixabay.com

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it