Messa a Disposizione

Il momento giusto per inviare una MAD è ora!

mad

Ci si avvicina alle Feste e all’interruzione delle lezioni in vista del Natale. Eppure, nonostante stia ormai per terminare il primo quadrimestre, le scuole sono ben lontane dall’aver concluso la ricerca di insegnanti. Mancano infatti ancora tantissimi i docenti negli istituti italiani e, infatti, le segreterie scolastiche sono ancora intente ad affidare incarichi di supplenza tramite MAD

Del resto, il periodo tra dicembre e gennaio è da sempre uno dei più caldi per i supplenti. Ecco perché mai come ora conviene inviare subito una domanda di messa a disposizione nelle scuole!

Le opportunità di una MAD

Chiariamo subito una cosa: senza MAD, la scuola italiana sarebbe in grosse difficoltà. Le domande di messa a disposizione sono infatti lo strumento che, più di ogni altro, aiutano gli istituti a garantire una continuità didattica ai proprio studenti. 

Come sappiamo, ormai, le graduatorie non sono più sufficienti a reperire tutti i supplenti per coprire i posti vacanti nelle scuole. E nemmeno la novità delle GPS e GI sembra avere avuto effetto in questo anno scolastico, contraddistinto anche dall’emergenza sanitaria Covid. 

Così, ancora una volta, sono le MAD a fare la differenza. Queste domande informali, riconosciute dal MIUR, permettono infatti a qualsiasi aspirante supplente di inviare una candidatura spontanea negli istituti e farsi assumere direttamente dal dirigente scolastico per un incarico di supplenza, sia come docente sia come personale ATA. 

Senza dubbio, si tratta di uno strumento molto più immediato e veloce delle graduatorie.  Non essendoci un limite al numero di domande che possono essere presentate, il candidato può studiare dove, quando e come inviare la propria domanda. Nessun limite territoriale, quindi, come avviene invece con le graduatorie su base provinciale, e soprattutto nessuna imposizione temporale. Una domanda di messa a disposizione può essere inviata sempre, in qualsiasi momento dell’anno. Basta quindi possedere le giuste caratteristiche per preparare una domanda MAD e consegnarla nelle scuole, senza dover passare per portali come Istanze OnLine o simili altre procedure. 

Lavorare nella scuola senza essere iscritto in graduatoria è possibile con le MAD! Invia ora la tua domanda senza troppa burocrazia!

Quali sono le MAD più richieste

Inviare una MAD non vuol dire ottenere automaticamente un posto. Ci sono infatti classi di concorso e posizioni geografiche che danno più chance di ottenere una convocazione. 

Volendo fare una panoramica attuale, alla luce di questo anno scolastico tutto particolare per via dell’emergenza Coronavirus, scopriremo infatti che ci sono domande di messa a disposizione più richieste di altre.

Ad esempio, i territori italiani in cui sono ancora molte le classi scoperte e gli istituti in cerca di docenti sono soprattutto quelli del Nord Italia. Qui più che altrove gli insegnanti chiamati tramite graduatoria sono risultati insufficienti a occupare tutti i posti vacanti delle scuole del Nord Italia. Lombardia, Veneto, Toscana, Emilia-Romagna e Piemonte sono le regioni dove si è stata riscontrata la maggiore necessità di supplenti. Tant’è vero che in queste province i dirigenti scolastici sono alla disperata ricerca di docenti, anche quelli privi di abilitazione e appena laureati: i profili tipici degli aspiranti supplenti che si candidano tipicamente attraverso le MAD.

Molto richiesti sono poi gli insegnanti della scuola primaria e i docenti di sostegno. Anche questi ultimi si possono candidare nelle scuole attraverso un’apposita domanda di messa a disposizione, la cosiddetta MAD sostegno

Questa canditura richiederebbe la relativa abilitazione al sostegno. Tuttavia, poiché in Italia c’è una vera e propria penuria di insegnanti di sostegno specializzati, molti dirigenti scolastici prendono in considerazione sempre più frequentemente candidati che abbiano presentato una messa a disposizione su sostegno anche senza abilitazione.

Il tuo profilo rientra tra quelli più richiesti per un incarico di supplenza nelle scuole? Non perdere l’opportunità di inviare subito la tua domanda di messa a disposizione!

invio-mad

Perché inviare una MAD ora

Lo abbiamo già detto. L’anno scolastico 2020/21 è contraddistinto da diverse complicazioni che hanno minato il normale processo di assegnazione delle supplenze. Per questo, nonostante le lezioni siano iniziate ormai da più di 3 mesi, sono ancora tanti i posti scoperti negli istituti.

I trasferimenti e i pensionamenti di migliaia di docenti, l’emergenza sanitaria, il potenziamento del personale scolastico (organico Covid), il parziale flop dell’aggiornamento delle graduatorie: le ragioni di questo impasse sono tante ma. Per questo il MIUR, a novembre, ha dovuto anche ritrattare la circolare sulle supplenze resa nota il 5 settembre e che vietava l’invio delle domande di messa a disposizione a chi risultava già iscritto nelle graduatorie docenti. Limitazione poi ritirata, perché solo le MAD possono essere d’aiuto in questa situazione!

Non solo: con le vacanze natalizie, si avvicina anche uno dei momenti clou per l’invio della messa a disposizione. Da sempre, infatti, il ritorno in classe dopo le feste coincide con la richiesta di congedi parentali per trascorrere qualche settimana in più con i propri cari. 

Non solo: da fine gennaio, le scuole iniziano ad attivare corsi di recupero per gli studenti che hanno mostrato nel primo quadrimestre delle carenze in alcune materie. Per questo è opportuno iniziare a prepararsi per procedere con l’invio delle domande MAD nelle scuole!

Cogli l’opportunità del periodo tra dicembre e gennaio per avere più chance di insegnare: invia la tua messa a disposizione online in pochi click!

Invia la tua Messa a Disposizione con Docenti.it

Se sei arrivato a leggere fin qui, avrai capito che è importante non perdere altro tempo e preparare subito una MAD per candidarti nelle scuole in vista del rientro dopo le festività!

Un modo veloce, semplice ed efficace per farlo è il servizio di messa a disposizione online di Docenti.it. Il servizio offre diversi vantaggi:

  • il primo è la preparazione di una domanda MAD redatta alla perfezione, senza errori, grazie alla consulenza con uno dei nostri esperti;
  • Puoi inoltre scegliere tu sia la provincia sia il grado di istituto presso cui recapitare la tua MAD, a partire da soli 19€;
  • Tu non dovrai fare nient’altro: saremo infatti noi ad occuparci dell’invio attraverso il nostro sistema validato di consegna MAD

Tutto questo davvero in pochi semplici passaggi!

In più c’è un altro servizio incluso: la tua domanda di messa a disposizione, infatti, sarà caricata sulla piattaforma “Elenco Nazionale Supplenti“, dove resterà a disposizione di tutti gli istituti di ogni ordine e grado per tutto l’anno scolastico. 

Invia ora la tua MAD con Docenti.it: fai il tuo primo click!


Invia subito la tua MAD
author-avatar

Scritto da Simona Fornace

Essere di supporto agli aspiranti docenti di tutta Italia è una delle soddisfazioni più grandi della mia attività con Docenti.it. Aiutare un insegnante ad inviare la sua MAD significa aumentare la sua possibilità di esaudire il proprio sogno di insegnare. Precisione, puntualità e affidabilità sono alla base di ogni messa a disposizione.

Altri articoli che possono interessarti