Immissioni in ruolo 2022: che cos’è la compensazione?
Condividi l'articolo

Si sta parlando molto delle immissioni in ruolo 2022.

A questo proposito, vediamo che cos’è la compensazione e in quali casi si attua.

Immissioni in ruolo 2022: la procedura

Le operazioni di immissioni in ruolo ordinarie a.s. 2022/23 sono state avviate.
Il MEF ha dato l’ok per l’avvio del relativo contingente, assieme agli avvisi di convocazione da parte degli USR.

Per l’a.s. 2022/23, il MEF ha autorizzato un numero di assunzioni  pari a 94.130 per tutti i gradi di istruzione.

Abbiamo già parlato in numerosi articoli della procedura di immissioni in ruolo 2022 e di come funzioni, ma…

… In questo articolo vogliamo parlare del frangente che riguarda le compensazioni: una procedura che serve per assorbire esubero, ovvero per coprire la totalità dei posti assegnati.

La compensazione: le tipologie

Prima di tutto, è bene dire che vi sono due tipologie di compensazione: una volta ad assorbire l’eventuale esubero, un’altra necessaria per coprire la totalità dei posti assegnati ai singoli USR e alle singole province.

Compensazione per assorbire l’esubero

La prima tipologia di compensazione riguarda l’assorbimento di un eventuale esubero.

NOTA BENE: quando si parla di posizione di esubero, si intende la presenza di un numero maggiore di personale, rispetto ai posti in organico a livello provinciale.

Quando, a livello regionale, per ogni Classe di Concorso e tipologia di posto, si riscontrano, su una o più province, delle posizioni di esubero, l’USR dovrà provvedere all’assorbimento dello stesso, mediante:

  • la compensazione di eventuali disponibilità presenti in provincia diversa, per la stessa Classe di Concorso o tipologia di posto
    Di conseguenza si riduce, per quella Classe di Concorso o tipologia di posto, nella provincia in cui vi è la disponibilità, il contingente da destinare alle nomine in ruolo;
  • in subordine: quando ulteriori posizioni di esubero nelle diverse province della regione per la stessa CdC o tipologia di posto. E, inoltre, in assenza di disponibilità per CdC o tipo di posto in esubero;
  • compensazione delle disponibilità presenti in altra Classe di Concorso o tipologia di posto della regione: si riduce, per quella altra CdC o tipologia di posto, il contingente da destinare alle nomine in ruolo, nella provincia in cui vi è la disponibilità.

Compensazione per coprire posti assegnati

Talvolta non è possibile nominare in ruolo su tutti i posti assegnati: sia per mancanza delle graduatorie da cui attingere, sia per esaurimento delle medesime (quando vengono meno in sede di adeguamento i posti previsti in organico di diritto).

Quando questo accade si procede a destinare i posti in più ad altre graduatorie.

In sintesi: i posti originariamente assegnati ad una Classe di Concorso o tipologia di posto vengono poi destinati ad altra Classe di Concorso o tipologia di posto (il che significa: ad altro grado di istruzione).

Nel procedimento di compensazione, i criteri da seguire sono questi:

  • non è possibile che vengano assunti più aspiranti rispetto al contingente assegnato;
  • la compensazione deve avvenire, prima di tutto, a favore del medesimo grado e tipologia di posto (esempio: se i posti non assegnabili riguardano la tale CdC della secondaria di primo grado, gli stessi vanno destinati con priorità ad altra CdC dello stesso grado);
  • la compensazione tra le varie CdC o tipologia di posti deve avvenire sugli insegnamenti per i quali sia stata accertata la disponibilità del posto.

Facciamo un breve riassunto: con la compensazione si incrementano i posti da destinare alle immissioni in ruolo per alcune CdC o per tipologia di posto.

In questo modo si evita che gli stessi posti vadano “persi” per mancanza di aspiranti docenti da convocare.

Leggi le ultime notizie:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: Pixabay

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it