Lavorare in carcere: quale MAD inviare?
Condividi l'articolo

Come si fa a lavorare in carcere? Esistono diverse figure professionali, fra cui quella dell’educatore e dell’insegnante.

Sapevi che è possibile inviare la MAD?

Ecco tutto ciò che devi sapere.

Quali figure lavorano in carcere?

Nelle carceri italiane operano diverse figure professionali:

  • agenti;
  • medici, infermieri e psicologi dell’Asl;
  • operatori del terzo settore;
  • volontari.

Un altro ruolo è quello dell’educatore, per il quale è necessario superare un apposito concorso.

Ma non finisce qui: all’interno delle carceri (sia per adulti, sia per minori) esiste anche la figura dell’insegnante.

La scuola viene infatti considerata un punto importante di socializzazione, integrazione e ovviamente di educazione dei carcerati.

In questo modo i detenuti possono intraprendere un percorso scolastico parallelo a quello che si incontra fuori dal carcere, fino al conseguimento del Diploma.

Come si fa ad insegnare in carcere?

La scuola è presente sia negli istituti penitenziari per adulti sia in quelli per minori.

Come si può diventare insegnanti di tali istituti?

Innanzitutto è necessario presentare l’apposita domanda ed essere inseriti nelle graduatorie permanenti e/o nelle graduatorie d’Istituto degli uffici scolastici regionali del Ministero della pubblica istruzione.

Le informazioni utili possono essere consultate sul sito ufficiale del Ministero della Giustizia: https://www.giustizia.it/.

Ma è possibile insegnare negli istituti penitenziari anche attraverso la MAD.

In questo caso è necessario selezionare la voce “Centri provinciali istruzione adulti” (CPIA) nella domanda.

Nel candidarsi con la MAD, però, si possono commettere degli errori.

Infatti, la domanda di Messa a Disposizione viene utilizzata principalmente nelle scuole tradizionali su tre tipologie: Classica, Sostegno e Personale ATA.

Il modo migliore per candidarsi nelle carceri come insegnante in maniera sicura e senza commettere sbagli è affidarsi alla piattaforma specializzata di Docenti.it

Ecco che cosa devi fare per inviare la tua MAD!

Lavorare in carcere: come inviare MAD nelle carceri

Docenti.it è specializzato nell’invio delle MAD e aiuta da oltre sette anni gli aspiranti docenti ad entrare nel mondo della scuola.

Docenti.it si occupa anche di aspiranti che vogliono candidarsi in qualità di docenti all’interno delle carceri.

Il servizio di invio MAD ti permette di compilare la tua candidatura direttamente ONLINE.

Inseriti i dati nel form, un consulente specializzato ti chiamerà entro 24 ore lavorative per il controllo delle informazioni e la loro correzione.

I consulenti di Docenti.it saranno capaci di rispondere ad ogni tua domanda e a guidarti passo per passo.

L’operatore invierà la MAD per te alle scuole o agli istituti penitenziari da te scelti. Dovrai quindi semplicemente aspettare un report che ti sarà inviato a fine giornata, contente i dati degli istituti che hanno ricevuto la tua candidatura.

Insegnare all’interno delle strutture carcerarie non sarà di certo facile, ma si tratterà di un esperienza estremamente formativa.

Molti aspiranti hanno trovato la loro vocazione in questo modo.

Affidati a Docenti.it ed entra nel mondo della scuola!

Compila qui la tua MAD

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pixabay.com