Messa a Disposizione: quale sarà il ruolo della MAD in futuro?

Messa a Disposizione: quale sarà il ruolo della MAD in futuro?
Condividi l'articolo

Le cattedre vacanti sono ancora molto numerose.

Eppure, la Messa a Disposizione potrebbe non avere più un ruolo in primo piano per l’assunzione dei docenti, nel futuro.

Vediamo che cosa potrebbe cambiare per le assunzioni da domanda di Messa a Disposizione.

Messa a Disposizione: la situazione attuale

Non è un momento facile per gli istituti scolastici.

Tra i numerosi docenti in quarantena e quelli sospesi, perché contrari all’obbligo vaccinale, sono sempre di più le cattedre vacanti da coprire.

Questa è la situazione che perdura da inizio anno e non sembra avere fine.

Gli istituti stanno cercando urgentemente di reperire il personale docente
e lo stanno facendo convocando da Messa a Disposizione
.

Ma i supplenti mancano.

A tal punto che le scuole, in più occasioni, sono state costrette a convocare anche i laureandi, non ancora in possesso dei titoli di studio idonei.

È il caso di Lorenzo, laureando 22enne, che ha ottenuto un incarico dopo aver inviato la Messa a Disposizione con la nostra piattaforma (puoi leggere la sua storia qui).

Ma, nonostante la piena disponibilità (e professionalità) degli aspiranti docenti ancora studenti, sappiamo benissimo che questa situazione rappresenta una “soluzione tampone” che non può perdurare nel tempo.

Il sistema scolastico deve conferire una maggiore stabilità nell’assunzione del personale: stabilità che deve correre di pari passo con una maggiore chiarezza esecutiva.

Attualmente, infatti, ci sono istituti dove le assunzioni da MAD sono moltissime.

In alcuni, invece, le domande non vengono nemmeno prese in considerazione:
e parliamo di istituti dove la richiesta di supplenti è molto alta ma, per chissà quale motivo,
le numerose MAD che arrivano non vengono nemmeno guardate.

Ma perché sta accadendo questo?
È possibile che il ruolo della domanda di Messa a Disposizione sia cambiato nel tempo o stia per farlo?

Dubbi, dubbi e… ancora dubbi.

Ma, nel frattempo, una certezza puoi dire di averla.

… Non ti dimenticare, infatti, che gli istituti in questo momento hanno bisogno
urgente di supplenti.

E noi possiamo aiutarti in questo.

Docenti.it invia la tua MAD direttamente agli istituti della provincia da te scelta, senza che tu debba fare nulla, se non compilare la tua domanda direttamente sulla nostra piattaforma.

Da oltre 6 anni aiutiamo docenti e neolaureati ad entrare nel mondo scuola e possiamo consigliarti nel concreto quale sia la cosa migliore da fare per la tua situazione specifica.

Nel mentre, possiamo darti un consiglio che dovresti sempre tenere in considerazione, ogni volta che decidi di compilare la tua Messa a Disposizione:

Gli istituti hanno sempre bisogno di insegnanti di sostegno.
Ruolo nel quale è sempre molto difficile trovare sia i docenti in possesso del titolo specifico,
sia i supplenti da convocare.

Per questo motivo, anche se non hai ancora i requisiti necessari a ricoprire questo ruolo, è bene che tu tenga in considerazione questa opzione.

Sei un laureando non ancora in possesso del titolo?
Oppure, hai una laurea triennale e vorresti insegnare?

In questo momento, le scuole hanno urgenza di molti supplenti.

Cogli il momento ora!

Invia la tua MAD online

Quale ruolo avrà la MAD?

Non possiamo ancora esserne sicuri, ma gli esempi che abbiamo fatto nel precedente paragrafo ci fanno ben capire quanto il ruolo della MAD stia evolvendo.
In quale direzione, ancora è presto per dirlo.

Sappiamo solo che, in queste settimane, Miur e sindacati stanno discutendo di un nuovo regolamento che riguarderà le graduatorie provinciali per le supplenze (GPS).

Questo regolamento limiterebbe il ruolo della MAD ad una posizione molto più marginale
di quella che occupa attualmente.

Stiamo parlando di ipotesi, che non sono ancora state approvate e trasformate in realtà concrete.

Ma mentre aspetti di sapere qualcosa di più certo, che cosa puoi fare tu adesso?

Se sei un aspirante docente, un neolaureato oppure un laureando e vuoi metterti in gioco nel mondo della scuola, sai che gli istituti in questo momento hanno veramente necessità di docenti.

Sai che esiste questa concreta possibilità di essere convocato da MAD,
anche se non possiedi ancora tutti i requisiti idonei.

Molti aspiranti docenti sono stati assunti con la Messa a Disposizione in questo periodo storico.

Tu non vorresti essere uno di loro?

Invia ORA la tua MAD

Articoli che potrebbero interessarti:

Photo credit: Unsplash.

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it