Riforma Bianchi: per i precari con 3 anni di servizio è prevista la selettiva?
Condividi l'articolo

La Riforma Bianchi è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale. Molte novità, anche sui concorsi scuola.

Come funziona per i precari? Ci sarà una prova preselettiva?

Riforma Bianchi: come saranno i concorsi scuola

Le modalità per diventare insegnante stanno per cambiare.

Ma i precari della scuola come saranno trattati?

Uno dei temi più dibattuti è sicuramente quello dei concorsi scuola.

Secondo la riforma, saranno annuali e composti da una prova scritta ed una orale.

Nello scritto scompariranno prima di tutto le domande a risposta chiusa, con le crocette, a favore invece di domande a risposta aperta.

In merito alla prova orale verranno valutate le conoscenze disciplinari, le competenze didattiche e l’attitudine all’insegnamento attraverso l’utilizzo di un test specifico.

Ma i precari della scuola potranno seguire un percorso facilitato?

Precari con 3 anni di servizio: il percorso

Per precari con 3 anni di servizio si intendono i docenti che:

  • hanno svolto 3 anni di servizio negli ultimi 5 anni nella scuola statale e con servizio di almeno 180 giorni
  • hanno svolto almeno una delle tre annualità sulla specifica Classe di Concorso

Non ci sono differenze per la partecipazione al concorso: tutti i candidati, quindi anche i precari, dovranno svolgere una prova preselettiva.

Superato il concorso, anche i precari affronteranno il percorso al fine di ottenere l’abilitazione.

Quindi, prima saranno assunti a tempo determinato e conseguiranno i 30 CFU necessari.

Poi, superato l’esame abilitante, otterranno un contratto a tempo indeterminato. Durante questo periodo affronteranno l’anno di prova e formazione.

Purtroppo, quindi, non ci sarà nessun percorso facilitato, nonostante gli anni di servizio posseduti.

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pixabay.com

author-avatar

Veronica Conti

Classe 1998, è studentessa e insegnante di musica. Ha conseguito il Diploma di Violoncello nel 2018 e, due anni dopo, il Diploma Accademico di II Livello in Violoncello presso il Conservatorio di Cesena. Frequenta il terzo anno all'università di Urbino, Lingue e Culture Straniere profilo linguistico-aziendale, ed è tirocinante presso Docenti.it.