News

Scorrimento graduatorie GaE, GPS e GI: che cosa succede se rinunci all’incarico

Scorrimento graduatorie GaE, GPS, GI: i docenti che rinunciano all’incarico possono essere richiamati?

Che cosa comporta questa procedura?

Vediamo quali sono le conseguenze, per quanto riguarda la rinuncia alle convocazioni delle varie graduatorie.

Scorrimento graduatorie: e se non vengo convocato entro settembre?

Sono in molti i docenti ad avere questo dubbio.

Gli uffici scolastici stanno ancora convocando docenti dalle graduatorie, e molti docenti nutrono il sospetto che, se non verranno convocati adesso, non potranno avere l’incarico per il restante anno scolastico.

In realtà, le convocazioni possono essere più di una per tutto l’anno.

E anche le successive convocazioni si svolgeranno utilizzando l’algoritmo, tenendo sempre conto delle preferenze già inserite nella presentazione della domanda.

Prima convocazione: in che ordine le scuole chiamano i docenti da graduatorie

Questa fase si chiama procedura di “prima convocazione” e riguarda le supplenze da graduatorie GaE (Graduatorie ad Esaurimento) e GPS (Graduatorie Provinciali).

In riferimento alle GPS, si procede nell’ordine con la prima fascia, gli elenchi aggiuntivi alla prima fascia e poi la seconda fascia.

Per i posti di sostegno, le convocazioni procedono così: prima gli specializzati inseriti in graduatoria I fascia, poi quelli inseriti negli elenchi aggiuntivi.

Solo in seguito, le scuole convocano i non specializzati inseriti in II fascia per avere tre anni di servizio su sostegno.
In ultimo, le scuole convocano dalle graduatorie incrociate GPI.

Che cosa succede se un docente rinuncia all’incarico?

I docenti che rinunciano all’incarico da GPS non potranno più partecipare alle convocazioni successive.

In questo modo, la cattedra tornerà a far parte delle disponibilità delle seconde convocazioni.

Se un docente ha un contratto breve da GI (Graduatorie d’Istituto) può rinunciare all’incarico per assumerne un altro da GaE o GPS.

Ma ci sono anche altri casi di rinunce al contratto di supplenza da GaE e GPS che comportano determinate conseguenze.

Vediamo quali:

  • Se un candidato non si presenta in sede di convocazione o rinuncia alla proposta di assunzione, questo comporta la perdita della possibilità di conseguire supplenze sulla base delle GAE e GPS per il medesimo insegnamento;
  • Se un candidato accetta il ruolo, ma non prende servizio, questo comporta la perdita della possibilità di conseguire supplenze, sia sulla base delle GAE, GPS e GI, che per il medesimo insegnamento;
  • Se un candidato abbandona il servizio, così facendo perde la possibilità di conseguire supplenze, sia dalle GAE, dalle GPS, dalle GI.
    Questo vale per tutte le graduatorie di tutti i posti o classi di concorso ove l’aspirante è inserito.

Scorrimento graduatorie: la rinuncia all’incarico da GI

Se un docente rinuncia o abbandona un incarico ricevuto da una GI, questo comporta:

  • Un docente, in quel momento, inoccupato, viene collocato in coda alla graduatoria di terza fascia relativa al medesimo insegnamento. Inoltre, se non arriva una risposta, nei termini previsti, ad una qualsiasi proposta di contratto, questo equivale ad un’esplicita rinuncia;
  • Se un docente accetta la cattedra ma non si presenta, non può più conseguire supplenze per il medesimo insegnamento in tutte le istituzioni scolastiche in cui si è inclusi nelle relative graduatorie;
  • Se un docente abbandona il servizio, non può più ottenere supplenze sulla base delle graduatorie di istituto, per tutte le graduatorie di inserimento.

Leggi anche:

Photo credit: Pexels.

Altri articoli che possono interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *