Stipendio insegnanti: quando avviene il pagamento supplenze temporanee
Condividi l'articolo

Come funziona il pagamento dello stipendio insegnanti per chi ricopre una supplenza temporanea?

Quando viene effettuato?

Ecco cosa c’è da sapere.

Stipendio insegnanti: come funziona il pagamento supplenti

Ogni mese i docenti precari della scuola italiana affrontano le problematiche relative al pagamento dello stipendio.

Nei mesi scorsi ci sono stati numerosi ritardi: accadrà ancora?

Parliamo, innanzitutto, dei docenti che ricoprono supplenze temporanee (fino al massimo l’ultimo giorno di lezioni).

Per tali insegnanti, il pagamento dello stipendio funziona in questo modo:

  • formalizzazione della presa in servizio
  • la segreteria scolastica inserisce i dati sul SIDI
  • i dati vengono inviati a NoiPA
  • NoiPA gestisce il pagamento stipendiale

Ma non finisce qui: è la scuola ad autorizzare il pagamento.

Infatti, la segreteria controllerà gli elaborati di NoiPA. Se ci sono variazioni (assenze, ferie…), l’elaborato verrà rimandato a NoiPA per la correzione.

Se non ci sono cambiamenti, il pagamento viene autorizzato.

I dati vengono allora inviati alla Ragioneria Generale dello Stato, la quale controllerà i fondi e la possibilità di effettuare il pagamento.

Quando si viene pagati per le supplenze?

In linea generale, NoiPA effettua due emissioni speciali ogni mese:

  • una il 18 del mese
  • l’altra, alla fine del mese in concomitanza alle emissioni ordinarie

Bisogna però aspettare qualche giorno prima di vedere l’accredito: generalmente passano 10 giorni dall’emissione speciale.

Quindi, per esempio, le supplenze stipulate a fine settembre verranno pagate nel mese di novembre.

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: unsplash.com