24 CFU, Formazione, News, Normativa

Tabella nuove classi di concorso: denominazione, titoli di accesso e insegnamenti

tabella_nuove_classi_di_concorso

La classe di concorso è necessaria per poter partecipare al concorso scuola 2020 e costituisce uno dei requisiti di accesso all’insegnamento nella scuola italiana, insieme ai 24 CFU.

Infatti, non è consentito insegnare con la sola laurea di primo livello, ma è necessario conseguirne una di secondo livello: specialistica o magistrale. Ogni titolo di studio, ogni laurea (ad eccezione delle triennali), determina l’accesso ad una classe di concorso, in funzione del percorso di studi, degli esami sostenuti e dei crediti formativi maturati, e quindi permette l’insegnamento di una materia scolastica. Oggi andremo a fare un po’ di chiarezza su quali sono le nuove classi di concorso e perché sono così importanti.

Cosa sono le classi di concorso

Per prima cosa occorre dire che cosa non sono: non sono titoli di studio. Infatti, le classi di concorso sono dei codici utilizzati dal Miur per avere una classificazione uniforme di materie e titoli di studio, necessari per ottenere una determinata cattedra. Le classi di concorso possono variare anche in base al grado di istituto in cui è possibile insegnare. Infatti non sempre una classe di concorso corrisponde ad un titolo di studio. Nella maggior parte dei casi è necessario controllare anche la presenza, nel proprio piano di studi, di determinati crediti formativi, in specifiche materie.
Le classi di concorso servono ad accedere alla cattedra per l’insegnamento di una determinata materia, tramite i concorsi indetti dal MIUR, come il concorso scuola 2020.

nuove_classi_di_concorso

Quali sono le nuove classi di concorso

Nel 2017 il Ministero dell’Istruzione ha riformato e riorganizzato le classi di soggiorno, con il DM 259/2017. Sono state modificate le denominazioni delle varie classi e cambiati, in alcuni casi, alcuni requisiti di accesso.
L’aggiornamento della tabella delle classi di concorso ha contribuito a semplificare le procedure di accesso all’insegnamento. Infatti, rispetto al passato, sono state accorpate classi di concorso assimilabili, per collocare i docenti in modo più semplice, riducendo il numero delle classi da 168 a 114.
Le nuove classi di concorso inserite nella tabella riguardano soprattutto le discipline musicali e gli indirizzi di moda e comunicazione. Sono undici e si tratta di A-53 – Storia della musica, A-55 – Strumento musicale negli istituti di istruzione secondaria di II grado, A-57 – Tecnica della danza classica, A-58 – Tecnica della danza contemporanea, A-59 – Tecniche di accompagnamento alla danza, A-63 – Tecnologie musicali, A-64 – Teoria, analisi e composizione, A-23 – Lingua italiana per discenti di lingua straniera (alloglotti), A-35 – Scienze e tecnologie della calzatura e della moda, A-36 – Scienze e tecnologia della logistica e A-65 – Teoria e tecnica della comunicazione.
Tra i nuovi inserimenti c’è anche la classe A-23 “Lingua italiana per discenti di lingua straniera”, resasi necessaria per via della presenza sempre maggiore di studenti stranieri all’interno delle classi.
Per eventuali dubbi vi consigliamo di consultare la tabella delle nuove classe di soggiorno del MIUR. In questa tabella è necessario verificare la corrispondenza della vostra laurea e il conseguimento, durante il vostro percorso di studi, di un determinato numero di CFU in specifici Settori Scientifico Disciplinari (SSD). In questo modo potrete individuare la vostra classe di concorso.
Altrimenti avrete la possibilità di individuare la vostra classe di concorso anche su Docenti.it.

Trovare la propria classe di concorso su Docenti.it

Consultare la tabella delle nuove classi di concorso presente sul sito del MIUR potrebbe non essere così semplice. Per questo motivo vogliamo suggerirvi una soluzione più veloce e immediata: trovare la vostra classe di concorso sul sito Docenti.it.
Sarà sufficiente andare nell’apposita pagina, selezionare il vostro livello di istruzione e il vostro titolo di studio e il motore di ricerca vi presenterà subito le classi di concorso corrispondenti.
La sola Laurea non è titolo sufficiente ad accedere alle classi di concorso. Ogni classe di concorso richiede un certo numero di Crediti Formativi Universitari (CFU) in specifici settori disciplinari e la mancanza di anche un solo CFU vi precluderà l’accesso alla classe di concorso e necessiterà un’integrazione del vostro piano degli studi. Se volete essere sicuri di avere tutti i CFU necessari potete avvalervi della nostra consulenza, durante la quale valuteremo il vostro piano di studi. Il servizio viene svolto in 48 ore da un consulente specializzato che verificherà che il vostro piano di studi sia in linea con le nuove direttive ministeriali. Dopo la valutazione avrete la certezza che tutto sia in regola, in caso contrario vi verranno indicati gli eventuali settori scientifico-disciplinari da integrare.

classi_di_concorso_2020

E se mancano dei CFU?

Può succedere che per essere inseriti all’interno di una determinata classe di concorso occorrano alcuni CFU mancanti al proprio piano di studi. Infatti, a causa di una serie di riforme universitarie, è accaduto che alcuni corsi di laurea abbiano perso per strada alcuni corsi. Questa richiesta di determinati crediti formativi per accedere ad una classe di concorso permette di uniformare alcuni percorsi di studio tra vecchio e nuovo ordinamento, oltre a dare maggiore libertà agli atenei a variare la propria offerta formativa. 

Per capire se vi mancano alcuni crediti occorre consultare la tabella ministeriale e verificare i vari requisiti. C’è tutto scritto nella tabella ministeriale e i requisiti sono specificati in modo da distinguere tra laureati del vecchio e del nuovo ordinamento. Per il vecchio ordinamento vengono indicate le annualità di esame specificatamente richieste, per il nuovo ordinamento si parla in termini di CFU in determinati settori scientifico disciplinari (SSD). Nel caso in cui ci si rende conto di dover integrare il piano di studi, occorre frequentare i singoli corsi universitari e conseguire i CFU mancanti. Solo in questo modo potrete accedere alla classe di concorso. 

Quali sono le Classi di Concorso a cui potete accedere con la vostra Laurea? Scopritelo su Docenti.it.


ottieni la certificazione dei 24CFU per partecipare al Concorso Scuola 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *