Concorso Scuola 2020, Formazione

A quali classi di concorso hai accesso? Scoprilo con Docenti.it

classi-concorso

Sei un aspirante docente e non sai da dove partire per sapere a quali classi di concorso hai accesso? Non sei sicuro di avere tutti i requisiti per diventare docente della tua materia di insegnamento preferita? Allora sei nel posto giusto!

Grazie alla guida di Docenti.it, puoi ora scoprire step by step tutto quello che devi fare per verificare i tuoi titoli di accesso all’insegnamento e iniziare il tuo percorso professionale all’interno delle scuole italiane. 

Scopri i titoli di accesso all’insegnamento

Andiamo con ordine. La prima cosa che devi fare per capire a quali classi di concorso hai accesso è innanzitutto partire dal tuo titolo di studio. Avere una laurea non apre automaticamente alla possibilità di insegnare: infatti, i titoli di accesso all’insegnamento sono molto specifici e variano in base al tipo di istituto in cui si può insegnare.

Di seguito una semplice tabella per stabilire la connessione tra titolo di studio e grado di istituto per cui si può ricoprire un insegnamento:

Titoli richiesti per l’accesso alle classi di concorso in base al tipo di Istituto

Scuola Infanzia e
Primaria

Scuola Secondaria I e II grado

Laurea in Scienze della formazione primaria

x

 

Diploma Magistrale

x

 

Diploma di Liceo Socio-Psico-Pedagogico (conseguito entro il 2001)

x

 

Laurea Vecchio Ordinamento

 

x

Laurea Specialistica o Magistrale di Nuovo Ordinamento

 

x

Diploma accademico di II livello oppure Diploma di Conservatorio

 

x

Titolo di Accademia di Belle Arti Vecchio Ordinamento

 

x


Avrai notato subito una cosa: nessuna laurea triennale permette di accedere all’insegnamento. Per essa, infatti, non esiste nessuna classe di concorso. 

Diverso il discorso per diploma di scuola superiore, valido però solo per gli ITP, ovvero gli insegnanti tecnico-pratici della scuola secondaria.

Trova le classi di concorso in base al tuo titolo di studio

Ora che sai se il tuo titoli di studio ti permette di insegnare, si passa allo step successivo, ovvero: quali materie puoi insegnare con la tua laurea?

Per capirlo, devi fare riferimento alle classi di concorso. Le abbiamo già menzionate, è vero, ma non abbiamo spiegato di preciso cosa sono. Si tratta dei codici utilizzati per indicare la corrispondenza tra i vari titoli di studio e una o più materie di insegnamento.

Ogni titolo di studio permette l’accesso a una o più classi di concorso che, a loro volta, descrivono i requisiti che un aspirante docente deve possedere per insegnare una materia in uno specifico ordine e grado di istituto.

Per sapere a quali classi hai accesso, puoi fare riferimento alle tabelle messe a disposizione del MIUR. In totale ce ne sono di 3 tipi, diverse a seconda che tu possiede una laurea di vecchio o di nuovo ordinamento. Nel dettaglio sono:
Tabella A, specifica per i docenti con Laurea del nuovo ordinamento;
Tabella A1, riferita ai docenti con Laurea del vecchio ordinamento;
Tabella B, specifica per gli insegnanti ITP.

Prima di cercarle in rete e iniziare a sfogliarle, però, aspetta. Devi infatti sapere che queste tabelle non sono così semplici da consultare. Per questo, noi di Docenti.it ti forniamo un’alternativa molto più comoda e veloce: il nostro tool per trovare la corrispondenza tra classi di concorso e titoli di studio!

Come funziona?
Dovrai semplicemente inserire il tuo titolo e, in pochi secondi, avrai l’elenco dettagliato delle classi di concorso a cui puoi potenzialmente accedere. Scoprirai quindi che ogni classe di concorso è correlata a un codice, e che questo a sua volta fa riferimento a una materia di insegnamento specifica.

Potresti quindi pensare che questo basti per capire a quali classi di concorso hai accesso. E invece ci spiace deluderti, ma le cose non stanno proprio così. Qui si passa infatti allo step successivo: l’analisi dei requisiti delle tue classi di concorso.

classe-concorso

Verifica i requisiti della tua classe di concorso

Grazie al tuo titolo di studio hai ora individuato le classi di concorso a cui puoi accedere. Tuttavia, non bastano i soli titoli accesso per aprirti la strada all’insegnamento. Conta infatti anche il percorso di studi che hai effettuato durante la tua formazione e, soprattutto, i CFU che hai conseguito nei specifici settori scientifico disciplinari (SSD) del tuo corso di laurea.

Ogni classe di concorso stabilisce infatti dei requisiti minimi per poter insegnare una specifica materia scolastica. Questi requisiti sono proprio il numero di CFU richiesti. Soltanto se avrai maturato sufficienti crediti durante il suo percorso universitario (inclusi master e corsi formativi) potrai quindi accedere alla classe di concorso che desideri! Se ti manca anche solo 1 dei crediti richiesti, non potrai farlo (a meno che tu non decida di saldare il debito e ottenere i CFU mancanti).

Ma dove si possono leggere questi requisiti?
Ancora una volta, Docenti.it ti viene in soccorso, con un tool che permette di ricercare le singole classi di concorso di tuo interesse e verificare i requisiti.

Scoprirai così che, per insegnare “Discipline letterarie e latino” (A-11), dovrai aver conseguito almeno 96 CFU nei settori scientifico disciplinari L-FIL-LET, L-LIN-M-GGR, L-ANT e M-STO, di cui 24 obbligatoriamente in L-FIL-LET/04, 12 in L-FIL-LET/10,12 in L-FIL-LET/12, 12 in L-LIN/01, 12 in M-GGR/01, 12 in L-ANT/02 o 03, 12 in M-STO/O1 o 02 o 04. 

Ovviamente, il tool di Docenti.it restituisce solo la lista dei requisiti, ma non ti dice se effettivamente tu hai diritto o meno ad accedere alla classe di concorso. Ecco perché è importante che tu la valutazione del proprio piano studi, ovvero una verifica sugli esami sostenuti e dei crediti formativi accumulati per individuare la compatibilità con la classe di concorso a cui aspiri.

Valuta il tuo piano studi in modo professionale

A questo punto sei arrivato alla fine del percorso. Sai a quali classi di concorso hai accesso, sai i requisiti di ognuna e come verificare che tu sia in regola con i CFU richiesti. Non resta quindi che procedere con la valutazione del tuo piano di studi!

In realtà, Docenti.it può aiutarti anche in questo. Anziché procedere con una valutazione autonoma, puoi infatti optare per una valutazione assistita grazie all’esclusivo servizio di Docenti.it!

Contattando i nostri consulenti, ti sarà possibile ottenere una valutazione professionale del tuo piano di studi, in poche mosse. Dovrai solo caricare il tuo piano di studi, effettuare il pagamento e cliccare su “procedi”. Dopo 48 ore ti verrà inviato l’esito della valutazione del tuo piano di studi.

In più, nel caso in cui il tuo piano non fosse compatibile con alcune classi di concorso, ti indicheremo anche il modo migliore per saldare il tuo debito e integrare così i CFU mancanti per accedere all’insegnamento che desideri. 

Valuta ora il tuo piano di studi con il supporto degli specialisti di Docenti.it e scopri a quali classi di concorso hai accesso!


Valuta il tuo Piano di Studi
author-avatar

Scritto da Andrea Russo

Mi occupo di formazione del corpo insegnante e credo che una didattica efficace sia di aiuto tanto ai docenti quanto agli studenti. Lavoro con Docenti.it per fornire un’adeguata preparazione a tutti gli insegnanti che vogliono cominciare la loro carriera nel mondo scolastico con consapevolezza e competenza.

Altri articoli che possono interessarti