Aggiornamento GPS: come inserire il servizio svolto come organico Covid?
Condividi l'articolo

Fino al 31 maggio 2022 è possibile presentare domanda per l’aggiornamento GPS. Le istanze devono essere inviate attraverso la piattaforma “Istanze Online”.

Sai come inserire il servizio svolto in qualità di organico Covid?

Proponiamo qui una breve guida per compilare correttamente la domanda.

Aggiornamento GPS: guida ad Istanze Online

In questi giorni si è parlato tanto delle Graduatorie Provinciali per le Supplenze, un appuntamento atteso da mesi da parte di moltissimi aspiranti docenti.

Le domande si possono presentare fino alle ore 23.59 del 31 maggio 2022 esclusivamente attraverso la piattaforma Istanze Online del Ministero.

Per accedere al servizio, è necessario possedere delle credenziali SPID o CIE, unitamente all’abilitazione per Istanze Online POLIS.

Al seguente link riportiamo la guida del Ministero per ottenere l’abilitazione al servizio (il MIUR specifica che non ci sono limiti temporali per il conseguimento di tale abilitazione).

Per inserire la domanda è necessario prima di tutto accedere alla homepage del portale ministeriale.

Il primo passo da compiere è controllare i dati personali ed eventualmente aggiornarli. Fondamentale è l’inserimento di un recapito telefonico.

Per farlo, clicca su “Profilo“, poi “Gestione profilo“, infine su “Modifica dati personali“.

Successivamente, in Approfondimenti, bisogna selezionare la voce “Graduatorie Provinciali e di Istituto per le Supplenze“.

Infine, per compilare la domanda, basterà cliccare su “Accedi all’istanza in alto a destra.

A questo proposito, alcuni docenti non sono sicuri su come inserire correttamente il servizio svolto in qualità di organico Covid.

Ecco cosa c’è da sapere.

Domanda GPS: come inserire il servizio come organico Covid?

Il servizio svolto in qualità di organico Covid viene valutato come una supplenza temporanea. Per questo motivo, non vi è necessità di indicare esplicitamente la natura dell’incarico.

Basterà inserire quel servizio nella stessa modalità utilizzata per gli altri servizi svolti.

Ecco quindi cosa bisogna indicare:

  • la data di inizio e di fine
  • l’insegnamento per il quale è stato svolto il servizio
  • la CdC per la quale si vuole considerare il servizio stesso come specifico o aspecifico

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: unsplash.com

author-avatar

Veronica Conti

Classe 1998, è studentessa e insegnante di musica. Ha conseguito il Diploma di Violoncello nel 2018 e, due anni dopo, il Diploma Accademico di II Livello in Violoncello presso il Conservatorio di Cesena. Frequenta il terzo anno all'università di Urbino, Lingue e Culture Straniere profilo linguistico-aziendale, ed è tirocinante presso Docenti.it.