Assegnazione provvisoria: ci sono conseguenze sul punteggio?

Assegnazione provvisoria: ci sono conseguenze sul punteggio?
Condividi l'articolo

In questi giorni si può presentare domanda per l’assegnazione provvisoria. Alcuni docenti si chiedono quali conseguenze comporterebbe sulla propria posizione in graduatoria e sulla titolarità.

Ecco che cosa c’è da sapere.

Assegnazione provvisoria: le date per inviare domanda

Si sono aperti da pochissimo i termini per presentare domanda di assegnazione provvisoria.

Ecco le date:

  • docenti: dal 20 giugno 2022 al 4 luglio 2022
  • personale educativo e IRC: dal 20 giugno 2022 al 4 luglio 2022
  • personale ATA: dal 27 giugno all’11 luglio 2022

I docenti devono presentare l’istanza attraverso la piattaforma Istanze On Line.

Invece personale educativo, ATA e IRC devono inviare domanda in modalità cartacea seguendo il modello pubblicato sul sito web del Ministero nella sezione “mobilità”.

Ma il conseguimento di questo movimento comporta delle conseguenze sulla graduatoria e sugli anni di continuità?

Quali conseguenze ci sono sul punteggio?

Conseguito il movimento richiesto, bisogna ricordare che non ci sono conseguenze sul punteggio di servizio.

Infatti, la valutazione dell’anno di servizio svolto in assegnazione provvisoria è uguale a quello prestato nel ruolo di titolarità.

Quindi tale servizio sarà valutato con un punteggio pari a 6 punti.

Ma che cosa accade invece per gli anni di continuità?

Le conseguenze sulla titolarità

Il conseguimento dell’assegnazione provvisoria comporta molti cambiamenti in merito alla titolarità.

Questo perché tale movimento interrompe gli anni di continuità e, perciò, comporta la perdita di tutti gli anni di continuità maturati.

Quindi, il docente che rientra nella scuola di titolarità dopo un anno in assegnazione provvisoria vedrà il suo punteggio di continuità azzerarsi.

Ricordiamo che, per il calcolo degli anni di continuità, si valutano 2 punti per ogni anno svolto entro il quinquennio. Sono invece 3 i punti che si conferiscono per ogni anno prestato successivo al quinto.

Consigliamo allora di valutare bene la scelta dell’assegnazione provvisoria: se un docente ha maturato 20 anni di continuità, perderà in totale 55 punti.

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pexels.com

author-avatar

Veronica Conti

Classe 1998, è studentessa e insegnante di musica. Ha conseguito il Diploma di Violoncello nel 2018 e, due anni dopo, il Diploma Accademico di II Livello in Violoncello presso il Conservatorio di Cesena. Frequenta il terzo anno all'università di Urbino, Lingue e Culture Straniere profilo linguistico-aziendale, ed è tirocinante presso Docenti.it.