Assunzione precari scuola: gli istituti cercano supplenti al nord Italia
Condividi l'articolo

Le ultime novità sulla situazione che riguarda l’assunzione precari scuola.

Numerose sono le richieste di docenti dal nord Italia.

Sei un docente?
Hai una laurea triennale?

Scopri come approfittare di questa occasione.

Assunzione precari scuola: dove si ricercano supplenti

Nonostante le scuole abbiano ripreso il loro naturale andamento, a distanza di due mesi dall’inizio ci sono ancora istituti che presentano posti vacanti.

Questo è avvenuto per diversi motivi:

  • Problemi di convocazioni da G.I. (Graduatorie di Istituto);
  • Rallentamenti nelle convocazioni da GPS (Graduatorie provinciali supplenti);
  • Aspettative e malattie dei docenti in ruolo;
  • La caotica situazione dei concorsi bloccati, che non ha fatto altro che rallentare l’assunzione dei precari.

Fortunatamente, questo groviglio di situazioni irrisolte sta ora trovando un momento di tregua.
Giusto in tempo per novembre: il mese più favorevole per l’invio della tua MAD!

Inoltre, sappiamo da fonti certe che numerosi istituti scolastici, proprio in questo periodo, hanno necessità di supplenti.

Dove?

Lo scopriamo nel prossimo paragrafo.

Invia la tua MAD online

Invia la Messa a Disposizione: candidati adesso per insegnare

Il nord Italia è la zona che presenta la maggiore richiesta di supplenti, in questo periodo.

Come lo sappiamo?

Perché abbiamo notizie di istituti italiani del nord dove mancano da mesi numerosi docenti su svariate cattedre.
Sono diverse le province in cui la necessità di insegnanti ha carattere di urgenza.

Inoltre, è consigliabile candidarsi al nord Italia per incarichi di supplenza in quanto, a differenza del sud, sono in minor numero i docenti che si propongono per insegnare.
Questo significa una sola cosa: più cattedre libere a disposizione.

Attenzione però: ricordiamo che è sempre bene proporre la propria candidatura nelle province minori e non nelle grandi città.

A questo proposito, leggi anche: Ecco le 20 migliori province dove conviene inviare MAD.

Ma se stai pensando di proporti come supplente, c’è un altro consiglio che devi considerare: inserire nella tua MAD la disponibilità per il sostegno.
Infatti, tutt’oggi, molti sono gli insegnanti di sostegno che mancano all’appello, in quanto ve ne sono veramente pochi in possesso dell’adeguata specializzazione.

Di conseguenza, rendersi disponibile anche per il sostegno ti porta ad avere un’asso nella manica in più, e ad assicurarti la possibilità di essere preso in considerazione per supplenze anche più durature.

Se hai già letto il nostro blog in passato, ormai saprai che Docenti.it aiuta da oltre 6 anni milioni di docenti e neolaureati ad entrare nel mondo scuola con il suo servizio di Invio Messa a Disposizione.

Il nostro servizio si avvale di un team di consulenti esperti, che si occuperà di correggere eventuali errori della tua domanda di Messa a Disposizione e di inviarla a tutti gli istituti della provincia da te scelta.

Inoltre, verrai inserito gratuitamente nell’Elenco Nazionale Supplenti, una piattaforma consultata da oltre 12mila istituti.

Tu dovrai semplicemente occuparti di compilare la tua MAD sul nostro sito: al resto, penseremo noi!

Al termine della procedura, riceverai un report dettagliato con indicati tutti gli istituti che hanno ricevuto la tua candidatura e con i loro contatti: in questo modo, sarai tu a poterli contattare per assicurarti della corretta ricezione della tua MAD.

Sei un docente?
Hai una laurea triennale?

In questo preciso momento alcuni istituti del nord Italia sono alla disperata ricerca di supplenti che vadano a coprire le numerose cattedre mancanti.

Candidati adesso: il fortunato supplente potresti essere tu!

Invia la tua MAD online

Articoli che potrebbero interessarti:

Photo credit: Pexels.

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it