Assunzioni docenti: ecco i posti comuni e di sostegno. Le ultime novità
Condividi l'articolo

Quanti posti ci sono da destinare ancora alle assunzioni docenti? Quanti posti comuni e quanti di sostegno?

Ecco le ultime novità sul mondo scuola.

Assunzioni docenti: i posti per regione

La scuola è iniziata da pochi giorni e tantissimi nuovi docenti sono stati assunti.

I posti totali istituiti dal MIUR per l’a.s. 2022/23 sono 684.600 posti comuni e 186.205 posti di sostegno.

Il numero più alto di posti si trova nelle regioni del Nord Italia.

Riportiamo di seguito le regioni con più posti comuni (scuole statali):

  • Piemonte: 46.599
  • Lombardia: 99.784
  • Veneto: 50.863
  • Emilia Romagna: 45.230
  • Toscana: 41.328
  • Lazio: 62.026
  • Campania: 78.426
  • Sicilia: 63.494
  • Puglia: 49.624

Come si evince, spicca fra tutte la Regione Lombardia con quasi 100mila posti. Ultimi sono invece Molise e Basilicata (rispettivamente 3.971 e 8.174).

Queste, invece, le regioni con più posti di sostegno:

  • Lombardia: 17.043
  • Piemonte: 7.267
  • Veneto: 7.488
  • Emilia Romagna: 7.167
  • Lazio: 12.811
  • Campania: 14.917
  • Puglia: 9.795
  • Sicilia: 13.137

Assunzioni scuola: cosa sta succedendo

Sono quasi 200mila i supplenti assunti per far fronte alle cattedre vacanti.

E negli ultimi giorni sono state fatte delle seconde convocazioni dalle GPS.

Tuttavia, si pensa che gli aspiranti inseriti nelle ordinarie graduatorie per le supplenze non basteranno a ricoprire tutti i posti liberi.

In più, il nuovo sistema di convocazione tramite algoritmo sembrerebbe non essere del tutto chiaro.

Alcuni docenti sono stati convocati seppur non avendone diritto. Come, ad esempio, docenti inseriti in I fascia senza aver sciolto la riserva.

Altri aspiranti lamentano errori nei punteggi, nelle posizioni e di “sorpassi” da candidati con punteggi più bassi.

I sindacati si stanno muovendo in questi giorni contro il TAR per mettere chiarezza.

Ma che cosa fare adesso?

Come si fa a lavorare nelle scuole ora?

In questo clima di confusione e precarietà delle assunzioni scuola, il modo più efficace per ottenere una convocazione è la MAD.

La domanda di Messa a Disposizione può essere inviata da chiunque, purché sia in possesso almeno del Diploma o della Laurea Triennale.

Dati i numeri, la possibilità di convocazione da MAD è più alta nelle scuole del Nord e soprattutto nelle scuole delle piccole province.

Tuttavia, i posti di sostegno sono altrettanto numerosi al Sud.

E i supplenti più ricercati sono proprio quelli del sostegno. Infatti, sono sempre meno gli specializzati con TFA.

Se sei dubbioso e non sai con quale MAD candidarti, Docenti.it ha la soluzione per te.

Infatti, inviando la MAD con noi potrai abbinare una MAD sostegno e una MAD Classica ed inviarle entrambe, per poter aumentare le tue possibilità di ottenere una convocazione!

Così, ad esempio, potrai candidarti nelle scuole del Nord Italia e nel contempo anche sul Sostegno delle scuole del Sud.

Compilando la tua MAD online sulla piattaforma di Docenti.it, sarai contattato da un consulente specializzato entro 24 ore lavorative.

Poi, il consulente correggerà gli errori e ti guiderà passo per passo:

  • invierà per te la tua MAD alle scuole da te scelte
  • ti invierà un report contenente i dati delle scuole che hanno ricevuto la tua candidatura
  • sarai automaticamente iscritto nell’Elenco Nazionale Supplenti
  • godrai della garanzia Soddisfatto o Rimborsato

Invia la tua MAD adesso!
È questo il periodo migliore per candidarti nelle scuole!

Compila la tua MAD qui

Leggi anche:

Photo credit: unsplash.com

author-avatar

Veronica Conti

Classe 1998, è studentessa e insegnante di musica. Ha conseguito il Diploma di Violoncello nel 2018 e, due anni dopo, il Diploma Accademico di II Livello in Violoncello presso il Conservatorio di Cesena. Frequenta il terzo anno all'università di Urbino, Lingue e Culture Straniere profilo linguistico-aziendale, ed è tirocinante presso Docenti.it.