Insegnare con la MAD: quali opportunità ci sono? 3 info utili per te
Condividi l'articolo

Se intendi insegnare con la MAD devi sapere che le possibilità di ricevere una convocazione dipendono da molti fattori.

Quali sono?

Insegnare con la MAD: come essere convocato?

Il Ministero dell’Istruzione ha divulgato recentemente una tabella dove indica il numero dei posti disponibili su posto comune e sostegno.

I posti disponibili per il personale docente sono rispettivamente 684.600 su posto comune
e 186.205 per i posti sul sostegno.

A breve faremo un articolo di approfondimento relativo a questo.

Per il momento, ti basta sapere quanto segue: dei numeri indicati nella tabella, si evince come i posti maggiormente disponibili risiedano principalmente al nord Italia.

Infatti, la regione che ha più necessità è la Lombardia (con oltre 99mila posti): segue il Piemonte (oltre 46mila) e il Veneto (50mila).

Un picco lo troviamo anche nel Lazio, con più di 60mila posti disponibili.

Per il sostegno, invece, le richieste sono elevatissime ovunque, in Italia.

Vuoi alcuni numeri?

  • Lombardia: oltre 17mila posti;
  • Campania: più di 14mila;
  • Sicilia (oltre 13mila);
  • Lazio (più di 12mila);
  • Piemonte (oltre 7mila);
  • e Veneto (circa 7.500).

In conclusione: i posti disponibili sono tanti.
Molti.

Sappiamo da fonti certe che in questi giorni c’è stato un altro giro di convocazioni da graduatorie GPS.

Ma vista l’elevata esigenza di docenti negli istituti, le supplenze da GPS non basteranno a coprire i posti.
E si passerà, come sempre, alle domande di Messa a Disposizione.

Ma ricevere convocazioni da MAD, lo sai, non è semplice come si pensa.
Per riuscire nell’intento, hai bisogno di alcuni consigli pratici.

E noi siamo qui per darteli.

N. 1) La Classe di Concorso

Il primo consiglio che sentiamo di darti è:

Fai attenzione alla Classe di Concorso per la quale ti candidi.

(Se non sai a quale CdC accedi con il tuo titolo di studi, usa il nostro tool gratuito per scoprirlo!)

Come saprai, per accedere ad una Classe di Concorso devi essere in possesso di un titolo di Laurea Magistrale.
Di conseguenza, se possiedi solo un titolo di Laurea triennale hai due opzioni:

  • o ti candidi direttamente sul sostegno (come hai visto, il numero di posti disponibili è altissimo);
  • oppure: se stai conseguendo la Laurea Magistrale, puoi già candidarti con una MAD Classica per la Classe di Concorso che avrai una volta ottenuto la Laurea Magistrale (mi raccomando: nella compilazione della MAD, devi dichiarare il titolo di studi che possiedi attualmente e sottolineare nelle note che stai conseguendo la Magistrale).

Ma andiamo oltre.

Perché ti diciamo di prestare attenzione alla Classe di Concorso alla quale accedi con il tuo titolo?

Perché ci sono CdC più richieste (quelle più rare) e altre completamente sature, per le quali è assolutamente sconsigliato candidarsi!

Quali sono le Classi di Concorso più richieste?

Eccole:

  • A12 – Discipline letterarie negli istituti di istruzione secondaria di II grado;
  • La A20 – Fisica;
  • A22 – Italiano, storia, geografia, nella scuola secondaria di I grado;
  • La A26 – Matematica.
  • E la A28 – Matematica e Scienze.

E le Classi di Concorso più sature?

  • A-18 – Filosofia e Scienze umane;
  • A-46 – Scienze giuridico-economiche;
  • A-47 – Scienze matematiche applicate;
  • A-45 – Scienze economico-aziendali.

Se il tuo titolo di studi ti conferisce accesso a più Classi di Concorso, presta molto attenzione a quale scegli.

Se, invece, possiedi un titolo di studi Magistrale che ti conferisce accesso ad una CdC molto satura (ma possiedi un Diploma ITP), sappi che puoi candidarti tranquillamente con una MAD Classica per la Classe di Concorso ITP.

Infatti, non tutti sanno che talvolta un Diploma ITP è più favorevole per ottenere una convocazione, rispetto ad un titolo di studi superiore.

Non sempre: ma, talvolta, sì.

Insegnare con la MAD

N. 2) La scelta della provincia

Il secondo consiglio riguarda la provincia.

La scelta della provincia è di fondamentale importanza per te:
quindi… stai molto attento!

Come hai avuto modo di leggere nel primo paragrafo, il numero più alto di posti disponibili è sempre presente nelle regioni del nord Italia, specialmente nella Lombardia.

Ma non è tanto questo il punto: quanto prestare attenzione alle province più piccole.
Perché sono quelle con un numero meno elevato di istituti presenti… e anche un numero inferiore di docenti che si candidano per insegnare!

Quindi, il consiglio che sentiamo di darti è:

Se puoi, scegli di candidarti sulle province minori del nord Italia.

Se, invece, ti candidi sul sostegno, abbiamo visto che la richiesta è elevata in tutta Italia.

Dal momento che decidere di limitare l’invio della propria MAD ad una sola provincia può limitare di molto anche le tue possibilità di ricevere una convocazione, quello che puoi fare è decidere di candidarti su più province.

Per agevolare i nostri clienti all’invio della MAD su più province, noi di Docenti.it abbiamo deciso di attivare una PROMO:

se aggiungi 3 province alla tua MAD, paghi solo 47 euro!

Attenzione però: perché la PROMO è valida SOLO per 48h!

Invia la tua MAD su più province

N. 3) MAD Classica e MAD sostegno

Altro consiglio che vogliamo assolutamente darti:

se vuoi ottenere una convocazione da MAD,
devi lasciarti aperta la possibilità di candidarti sul sostegno.

Sappiamo che non si tratta di una scelta facile e non è nemmeno una responsabilità da prendere a cuor leggero.

Qui si parla di assumersi la responsabilità di un alunno che necessita di attenzioni in più e di una maggiore dose di empatia e pazienza.

Quindi… Se non ti senti adeguatamente preparato per questo incarico, noi siamo i primi a dirti: non candidarti sul sostegno!

Ma se, invece, senti di poter dare qualcosa di positivo in questa direzione, allora… perché devi precluderti questa possibilità?

Ci sono supplenti che hanno provato: sono rimasti molto contenti dell’esperienza e poi… hanno continuato!
Si sono specializzati, hanno intrapreso il percorso di abilitazione per questo ruolo.
In sostanza: si sono dimostrati molto adeguati all’incarico, ben oltre le loro aspettative!

Se non provi, non puoi sapere come andrà.
E, talvolta, succede che ti neghi anche la possibilità di fare qualcosa di bello.

Ma… non prendere questo incarico a cuor leggero!
Questo vogliamo che sia chiaro, per onestà nei tuoi confronti e nei confronti degli alunni con i quali ti interfaccerai.

Abbiamo visto, nel primo paragrafo, quanto sia alta la richiesta di supplenti sul sostegno.

Sappiamo che i motivi risiedono nel fatto che i docenti in possesso dell’abilitazione specifica per il sostegno non sono molti: di conseguenza, questo è un ruolo sempre molto richiesto.

A questo punto, il consiglio che ti diamo è: se hai una Laurea triennale che non ti dà la possibilità di accedere ad una Classe di Concorso…
… Oppure, hai un titolo Magistrale che ti porta ad avere accesso ad una CdC molto satura, allora…

… Abbina alla tua MAD Classica anche una MAD Sostegno!

In questo modo, potrai aumentare le tue possibilità di una convocazione!

Proprio per questo, noi abbiamo deciso di attivare un’altra PROMO:

se abbini ad una MAD Classica una MAD Sostegno,
la seconda la paghi 12 euro anziché 19, per provincia e grado di istruzione
.

Attiva subito la PROMO MAD SOSTEGNO

Docenti.it invia la tua MAD direttamente a tutti gli istituti pubblici della provincia da te selezionata.

Compilando la MAD sul nostro portale, entro 24h lavorative verrai ricontattato da uno dei nostri consulenti esperti
che si occuperà di riepilogare i tuoi dati e inviare la tua MAD a tutti gli istituti della provincia da te selezionata.

Successivamente, la tua MAD verrà inviata agli istituti di riferimento e tu riceverai un REPORT con indicate tutte le scuole che hanno ricevuto la tua candidatura.

Il servizio è tutelato dalla garanzia Soddisfatti o Rimborsati!

Contatta la redazione!

Vuoi avere maggiori informazioni su come fare per inviare la MAD con Docenti.it?

Scrivi alla nostra redazione: [email protected]
Riceverai risposta nel breve tempo.

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pexels.com

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it