Come viene valutata la domanda di Messa a Disposizione?
Condividi l'articolo

Come viene valutata la domanda di Messa a Disposizione, in vista del tuo futuro percorso come docente?

Se sei un diplomato, un neolaureato o un aspirante docente che vuole intraprendere seriamente questo percorso… perché dovresti iniziare con le supplenze da MAD?

Quale opportunità possono darti?

Le supplenze da MAD sono necessarie per entrare nel mondo scuola?

La domanda di Messa a Disposizione è un curriculum informale che un diplomato, aspirante docente o laureato può inviare alle scuole per ambire a convocazioni, brevi o per tutto l’anno scolastico.

E fin qui, tutto bene.

Ma è davvero necessario passare attraverso le convocazioni da MAD per poter diventare insegnanti?
O meglio: una supplenza da MAD può avvantaggiarti lungo il percorso che ti porterà ad insegnare?

Sì… e no.

La domanda di Messa a Disposizione è uno strumento utile e un mezzo molto potente, in grado di consentirti di ottenere convocazioni come supplente.

Ma non è strettamente necessario.

Ci sono anche aspiranti docenti che puntano direttamente ad iscriversi ad un concorso e a passarlo, ovviamente.
E da lì, si immettono nella via che conduce all’abilitazione e al raggiungimento della cattedra di ruolo.

Ma, ovviamente, sono ben pochi gli aspiranti che riescono a passare un concorso al primo colpo.

E i restanti… cosa fanno, per il resto del tempo?

D’altronde, come ben saprai, i concorsi non sono mai usciti con cadenza annuale.
Anzi.
Sono sempre stati banditi in maniera casuale o caotica, senza sapere quando sarebbero usciti e neppure perché.

Il Nuovo reclutamento docenti (riforma prevista dall’ex Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi) prevede che tali concorsi verranno banditi con cadenza annuale…

Ma tu sai se effettivamente questo avverrà?

La situazione che riguarda il mondo scuola è sempre stata molto caotica e confusionaria, questo lo sappiamo.

Ma tale situazione, all’interno della quale il mondo scuola ristagna, ha portato ormai ogni aspirante docente a muoversi in anticipo.

Questo che cosa significa?

Significa che ben prima di accedere a qualsivoglia tipo di concorso, molti aspiranti docenti scelgono consapevolmente di maturare prima un’esperienza diretta nel mondo scuola.
Anche per breve tempo: non ha importanza.

Quello che conta è che ogni aspirante cerchi, se possibile, di favorire l’occasione di maturare esperienza come supplente: che sia per la Classe di Concorso alla quale il proprio titolo di studi conferisce accesso, o che sia per il sostegno…

… È bene che ogni aspirante maturi anche una minima esperienza, per poter diventare, un giorno, docente di ruolo.

E per maturare esperienza hai un solo modo: candidarti con domande di Messa a Disposizione negli istituti e ambire ad ottenere convocazioni!

Una volta fatto questo, non ti resta che aspettare: se la chiamata arriva, tu avrai la possibilità di intraprendere la tua esperienza all’interno del mondo scuola.

Breve o lunga che sia, potrai intraprendere questo percorso o come Personale ATA o come supplente che insegnerà nelle classi per la sua materia, oppure come supplente di sostegno.

Questo, a seconda della tipologia di MAD che tu sceglierai di inviare.

La tua scelta ti condurrà ad accumulare un’esperienza diversa e anche a maturare un punteggio diverso…

Chi lavora con la MAD fa punteggio?

Ebbene si.
Chi ottiene convocazioni mediante domanda di Messa a Disposizione può accumulare punteggio utile, che gli servirà quando deciderà di iscriversi alle graduatorie scuola.

Ma…

Non tutti i ruoli ti conferiscono la possibilità di maturare punteggio.

Affinché ciò avvenga, devi avere determinati requisiti.

Secondo quanto comunicato dal MIUR attraverso la nota n. 1290 del 22 luglio 2020 (fonte: TiConsiglio), il servizio prestato anche senza requisiti (titoli di studi) di accesso è valutabile per l’inserimento in GPS. 

Per le supplenze docenti, il servizio viene valutato e conteggiato in determinati casi.

Ecco quali:

  1. se l’aspirante nel momento in cui presenta domanda di inserimento GPS è in possesso dei titoli di accesso;
  2. nei casi che riguardano le graduatorie GPS di II fascia di infanzia e primaria, se il servizio senza abilitazione è prestato dagli studenti della facoltà di Scienze della formazione primaria. In questo caso, secondo la tabella A/2 dell’OM 60/2020, tale servizio è valutabile come specifico e aspecifico per la relativa graduatoria di infanzia e primaria.

Per poter accumulare punteggio con le supplenze da MAD è quindi necessario conseguire il titolo di studio di accesso per la Classe di Concorso per la quale si è prestata la supplenza.
Se l’aspirante non possiede il titolo di accesso, non può far valere il servizio prestato tramite MAD.

Non è possibile, invece, far valere il punteggio per le supplenze MAD senza avere il titolo: in questo caso, chi presta “servizio” tramite MAD non potrà ottenere la relativa valutazione per le graduatorie.

Domanda di Messa a Disposizione: come calcolare il punteggio

Le supplenze tramite MAD ti consentono di ottenere fino a 12 punti in un anno.

Se la supplenza MAD supera i 15 giorni, vale 1 punto: il punteggio aumenta in base ai periodi all’interno dei quali viene prestato servizio.
Si possono ottenere fino ad un massimo di 12 punti per le supplenze superiori a 166 giorni.

Per calcolare il punteggio MAD si possono sommare tutti i giorni di servizio prestati nell’arco di un anno scolastico.
Non sono cumulabili giorni di supplenza svolti in anni differenti.

Ma vediamo, nel dettaglio, quanti punti vale la MAD in base alla durata prestata per la supplenza:

  • 1 punto vale 16 giorni continuativi;
  • 2 punti valgono da 16 a 45 giorni;
  • 4 punti valgono da 46 a 75 giorni;
  • 6 punti, da 76 a 105 giorni;
  • 8 punti da 106 a 135 giorni;
  • 10 punti da 136 a 165 giorni;
  • 12 punti valgono da 166 giorni in poi.

Quando si viene chiamati con le MAD?

La domanda di Messa a Disposizione può essere inviata in tutto l’arco dell’anno scolastico, senza che vi siano limitazioni temporali al suo invio.

Ci sono, però, periodi maggiormente favorevoli all’ottenimento di una convocazione da MAD.
Ed è ovvio che è consigliabile candidarsi in uno di questi periodi, per aumentare le proprie possibilità di ottenere una convocazione.

Stiamo parlando del periodo attuale, gennaio.
Un momento molto favorevole ad una convocazione da MAD.
Come ti abbiamo già detto in numerosi articoli, a gennaio molte cattedre rimangono scoperte in quanto molti docenti di ruolo tardano a rientrare dalle festività natalizie.

Gennaio è, inoltre, un momento in cui l’influenza si fa maggiormente sentire: e questo provoca malattie e disagi per il personale scolastico…

… E per i Dirigenti, anche, che devono subito correre ai rimedi: convocando i supplenti!

I supplenti del mese di gennaio vengono sempre convocati mediante le domande di Messa a Disposizione che pervengono agli istituti.

Ma ci sono zone maggiormente favorevoli dove ti puoi candidare…

Compila la tua MAD qui

Dove chiamano di più?

Le province minori del nord Italia sono, di solito, le più gettonate.
E sono anche quelle dove ci sono maggiori possibilità di ottenere una convocazione da MAD.

Questo perché al nord Italia, come è risaputo, le possibilità di lavoro sono più ampie: e parliamo di province minori in quanto nelle province più grandi vi è un numero altrettanto grande di docenti che si candidano per insegnare…

… E un numero enorme di istituti dove potersi candidare.
Ma il fatto che ci siano molti istituti non è garanzia di convocazione, soprattutto se vi è un altrettanto alto numero di docenti disposti a soffiarti il posto!

Di contro, le province minori presentano un minor numero di scuole dove potersi candidare e un altrettanto minor numero di supplenti.

Quindi, questo è il consiglio che ci sentiamo di darti: se vuoi avere qualche chance di ottenere una convocazione (e se puoi), candidati sulle province minori del centro-nord Italia!

Se poi vuoi massimizzare le tue possibilità di ricevere una convocazione, invece…

Abbiamo una serie di pacchetti province che includono le province migliori dove puoi candidarti, a seconda delle tue esigenze!

Invia una mail a [email protected] e richiedi informazioni sui nostri
pacchetti province!

Docenti.it invia la tua Messa a Disposizione in tutti gli istituti statali delle province da te scelte.

Grazie al nostro servizio tu riceverai entro 24h lavorative una chiamata da uno dei nostri consulenti esperti per il riepilogo della tua MAD: successivamente, la tua domanda verrà ripulita da qualsivoglia errore di compilazione e inviata automaticamente in tutti gli istituti della provincia da te selezionata.

Dopo il suo invio, tu riceverai un REPORT che ti confermerà l’avvenuta ricezione della tua MAD dalle scuole, con i loro recapiti: in modo tale che tu posso contattare tali scuole, se vorrai, ed essere certo del servizio che offriamo.

Il nostro servizio di Invio MAD online è tutelato dalla garanzia Soddisfatti e Rimborsati.

Leggi gli ultimi articoli:

Photo credit: Pexels

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it