Leggi tutto “Concorso ordinario scuola: tutto quello che dovete sapere”

" />

docenti.it

Concorso ordinario scuola: tutto quello che dovete sapere

concorso_ordinario_scuola

Il concorso ordinario scuola è uno degli eventi più attesi, da chi vuole intraprendere la strada dell’insegnamento.

Sul sito del Miur si legge che entro la fine del 2020 dovrebbe essere pubblicato il bando per il concorso insegnanti, in modo da poter dare il via all’assunzione di nuovi docenti per la scuola secondaria di I e II grado. Sono circa 24.000 i nuovi insegnanti che potranno salire in cattedra a partire dal prossimo anno scolastico grazie al concorso scuola.
Il bando del concorso scuola secondaria, dovrà essere pubblicato entro il 30 aprile 2020, come sancisce il decreto Milleproroghe approvato anche in Senato. Ad oggi però, secondo le ultime notizie che circolano sul concorso scuola, la data sembra essere in forse, a causa dell’emergenza Covid-19.
In attesa del bando ufficiale, già da tempo si parla del concorso ordinario per posti comuni e di sostegno, di quali siano i requisiti per l’accesso, in cosa consistano le prove d’esame, il calcolo del punteggio e le date di svolgimento. Sono questi i temi centrali che interessano gli aspiranti docenti. Oggi, vogliamo fornirvi tutte le informazioni utili sul concorso insegnanti. 

Chi può accedere al concorso ordinario scuola

Ogni candidato può concorrere per una sola classe di concorso per la scuola secondaria di I grado e per una sola classe per la secondaria di II grado. Chi ha il titolo può concorrere anche per i posti di sostegno. Il concorso scuola è aperto a tutti gli aspiranti docenti, in possesso di un titolo abilitante. Possono accedere i candidati in possesso di una laurea magistrale o a ciclo unico, un diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equivalente o equiparato, coerente con le classi di concorso valide alla data di indizione del concorso. A questo titolo di studio vanno aggiunti i 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche.
Se volete candidarvi ad un posto di sostegno, dovrete possedere gli stessi requisiti, più il titolo di specializzazione su sostegno.
Infine, per i posti di insegnante tecnico-pratico (ITP) il requisito richiesto per accedere è il diploma di accesso alla classe della scuola secondaria superiore (tabella B del DPR 19/2016 modificato dal Decreto n. 259/2017).

concorso_scuola

Quali sono le prove da sostenere

Il concorso insegnanti per la scuola secondaria prevede due prove scritte e un colloquio orale, per i posti comuni, e una prova scritta e un colloquio orale, per i posti di sostegno.
La prima prova scritta per i posti comuni prevede da uno a tre quesiti a risposta aperta per la valutazione del grado di conoscenze e competenze del candidato sulle discipline della classe di concorso. Nel caso in cui abbiate scelto di candidarvi per una classe di concorso riguardante le lingue e le culture straniere, la prova dovrà essere eseguita nella lingua prescelta. Questa prova ha una durata di 120 minuti.
Invece, la seconda parte della prova scritta prevede due quesiti a risposta aperta sulle discipline antropo-psico-pedagogiche e sulle metodologie e tecnologie didattiche, che vi hanno permesso di ottenere i 24 CFU. Questa prova ha una durata di 60 minuti.
La prova orale invece prevede un colloquio per la valutazione della preparazione del candidato nelle discipline della sua classe di concorso. In questa occasione verranno verificate anche la conoscenza di una lingua straniera europea, almeno al livello B2 del quadro comune europeo, e il possesso di adeguate competenze didattiche nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.
La prova scritta per i posti di sostegno durerà 120 minuti e sarà distinta per scuola secondaria di primo e di secondo grado, con due quesiti a risposta aperta sulle metodologie didattiche da applicare alle diverse tipologie di disabilità.
La prova orale consisterà invece in un colloquio di valutazione del grado di conoscenze e competenze del candidato, nelle attività di sostegno all’alunno con disabilità. La prova orale ha una durata massima di 45 minuti, durante i quali il candidato illustrerà la progettazione di una attività didattica, comprensiva di scelte contenutistiche, didattiche e metodologiche compiute e di esempi di utilizzo pratico delle TIC. Inoltre il colloquio orale verrà utilizzato anche per accertare la capacità di comprensione e conversazione in lingua inglese dell’aspirate insegnante.

Prova preselettiva: di cosa si tratta 

Qualora, a livello regionale e per ciascuna distinta procedura, il numero dei candidati sia superiore a quattro volte il numero dei posti messi a concorso e non inferiore a 250, potrebbe essere previsto lo svolgimento di un test di preselezione che precede le prove. In questo test di preselezione svolto al computer verranno verificate le capacità logiche, di comprensione del testo, di conoscenza della normativa scolastica e la conoscenza dell’inglese. La valutazione di questa prova verrà effettuata assegnando un punto a ogni risposta esatta e zero punti alle risposte non date o sbagliate.
Alla prova scritta infatti saranno ammessi solo un numero di candidati pari a quello tre volte superiore del numero dei posti messi a concorso, nella singola regione e per ciascuna procedura. Inoltre, saranno ammessi allo scritto tutti coloro che, all’esito della prova preselettiva, siano riusciti a conseguire lo stesso punteggio dell’ultimo degli ammessi, nonché i soggetti di cui all’articolo 20, comma 2-bis, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, che si avvalgono della facoltà di essere esonerati dalla prova.
Non superare la prova selettiva comporta l’esclusione dal concorso. Il punteggio della prova preselettiva non concorre però alla formazione del punteggio finale nella graduatoria di merito.

percorsi_formativi

Criteri di valutazione delle prove

Per passare le varie prove sarà necessario totalizzare un punteggio minimo di 7/10 per quanto riguarda la prima prova scritta, incentrata sulla conoscenza degli argomenti specifici della classe di concorso scelta; un punteggio minimo di 7/10 per la seconda prova scritta dedicata alle discipline antropo-psico-pedagogiche e alle metodologie e tecnologie didattiche e infine occorrerà dimostrare durante la prova orale la propria preparazione nelle materie specifiche della propria classe di concorso, nella lingua straniera e nelle competenze didattiche delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Prepararsi al concorso scuola con Docenti.it

Potrete prepararvi al concorso scuola anche seguendo i corsi di Docenti.it, diversificati per classi di concorso. Tutte le lezioni saranno erogate online, così da essere sempre fruibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7. In questo modo potrete scaricarle quando volete e consultarle. Il materiale didattico verrà affiancato da esercitazioni e test finali, per garantirvi la migliore preparazione possibile e permettervi di arrivare al Concorso Scuola consapevoli e certi della vostra preparazione.

Chiedeteci informazioni sui nostri corsi online e iscrivetevi. Il concorso per insegnanti non sarà più un problema per voi!


Scopri i percorsi formativi