Docenti neoassunti: come funziona l’anno di prova 2022/23?
Condividi l'articolo

Il CSPI sta lavorando per definire le disposizioni in merito all’anno di prova per i docenti neoassunti nell’a.s. 2022/23.

Quanti giorni di servizio sono previsti dalla nuova legge?

Docenti neoassunti: l’anno di prova

Il CSPI sta mettendo a punto una nuova legge che prevede misure specifiche per gli insegnanti neoassunti.

Le disposizioni, che riguardano l’anno di prova, entreranno in vigore a decorrere dall’a.s. 2022/23.

Che cosa dovranno affrontare questi docenti?

L’anno di prova consisterà nello svolgimento di un servizio di almeno 180 giorni, dei quali almeno 120 per le attività didattiche.

Durante questo periodo il docente neoassunto sarà affiancato da un tutor.

Successivamente, l’insegnante sarà sottoposto ad un test finale, il quale sarà utile per accertare le competenze didattiche e le conoscenze disciplinari.

Infine, la valutazione verrà prestata dal Dirigente Scolastico insieme al Comitato per la valutazione dei docenti e tenuto conto del parere del tutor.

In caso di esito negativo della prova finale, il docente neoassunto è sottoposto ad un nuovo periodo annuale di prova che però non potrà più essere rinnovato.

Qui è possibile scaricare la bozza di legge.

Cresce intanto l’attesa per la pubblicazione del Decreto sulla Riforma Bianchi, il quale cambierà le modalità con cui si potrà diventare insegnante.

Quali sono le ultime news?

Riforma Bianchi: le ultime notizie

Il mondo scuola attendeva il Decreto sulla Riforma Bianchi per il 31 luglio 2022. Sono trascorsi alcuni giorni e tale termine, non perentorio, è ormai passato.

Le ultime notizie però avvertono che il Decreto potrebbe essere pubblicato questa settimana.

Ecco che cosa definirà:

  • i contenuti e la strutturazione dell’offerta formativa relativa al percorso dei 60 CFU/CFA
  • il numero di crediti universitari o accademici riservati alla formazione inclusiva delle persone con disabilità
  • la percentuale necessaria di partecipazione in presenza alle attività formative per l’accesso alla prova finale
  • le modalità di svolgimento della prova finale del percorso universitario e accademico, comprendente la prova scritta e orale

Come già confermato, l’offerta formativa di 60 CFU/CFA sarà così composta:

  • almeno 10 CFU/CFA in area pedagogica
  • attività di tirocinio diretto e indiretto non inferiore a 20 CFU/CFA
  • ogni credito di tirocinio deve corrispondere ad un impegno in presenza di almeno 12 ore

Seguiranno aggiornamenti.

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pexels.com

author-avatar

Veronica Conti

Classe 1998, è studentessa e insegnante di musica. Ha conseguito il Diploma di Violoncello nel 2018 e, due anni dopo, il Diploma Accademico di II Livello in Violoncello presso il Conservatorio di Cesena. Frequenta il terzo anno all'università di Urbino, Lingue e Culture Straniere profilo linguistico-aziendale, ed è tirocinante presso Docenti.it.