Docenti no vax: quante ore lavoreranno? Ecco la nota del Miur

Docenti no vax: quante ore lavoreranno? Ecco la nota del Miur
Condividi l'articolo

Rientro docenti no vax a scuola: quante saranno le loro ore di lavoro?

Ecco le indicazioni del Ministero dell’Istruzione.

Docenti no vax: quando rientreranno a scuola?

L’obbligo vaccinale perdurerà fino a metà giugno, ma già dal 1 aprile i docenti no vax potranno rientrare a lavoro e rioccupare la propria cattedra.

Ma ad una condizione.

Se continueranno ad essere di opinione contraria alla somministrazione del vaccino, il loro rientro a scuola sarà possibile solo dopo aver eseguito un tampone.

Inoltre…

Non potranno in alcun modo avere contatto con gli studenti.
Una cosa a dir poco impossibile, come sottolineano molti presidi, dal momento che il lavoro stesso dell’insegnante presuppone un minimo di contatto con i propri studenti.

Eppure, questo è quanto stabilisce il decreto.
Infatti, è necessaria: “L’effettuazione della vaccinazione oppure l’attestazione relativa all’omissione o al differimento della stessa, ovvero la presentazione della richiesta di vaccinazione da eseguirsi in un termine non superiore a venti giorni dalla ricezione dell’invito, o comunque l’insussistenza dei presupposti per l’obbligo vaccinale.” (Fonte: Orizzonte Scuola).

In caso questa attestazione non pervenga, il personale docente non potrà entrare nelle classi a fare lezione.
Servirà solo come supporto alle attività scolastiche.

Ma quali saranno queste attività?

Le attività di supporto del personale non vaccinato

I docenti non vaccinati (e che non intendono sottoporsi al vaccino) non potranno rientrare in aula.

Costoro dovranno svolgere invece altre attività di supporto, come previsto dal decreto riaperture: “Il personale docente ed educativo inadempiente all’obbligo vaccinale potrà essere impiegato nello svolgimento di tutte le altre funzioni rientranti tra le proprie mansioni, quali, a titolo esemplificativo, le attività anche a carattere collegiale, di programmazione, progettazione, ricerca, valutazione, documentazione, aggiornamento e formazione.” (Fonte: Miur).

Il decreto definisce inoltre questi docenti come “temporaneamente inidonei all’insegnamento“.

Ore di lavoro: cosa dice la nota del Miur

A proposito delle ore lavorative che il personale no vax dovrà effettuare, il Ministero ha dato indicazioni precise e specifiche.

Su questo fronte, la situazione dei docenti vaccinati è uguale a quella del personale contrario al vaccino.

Infatti, entrambi avranno un orario di lavoro che consisterà nelle 36 ore settimanali.

Ecco la nota ufficiale del Miur: potete scaricarla QUI.

Vuoi rimanere aggiornato con le ultime notizie del mondo scuola?
Leggi anche:

Photo credit: Pixabay.

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it