GPS graduatorie: verso il rinnovo?

GPS graduatorie: verso il rinnovo?
Condividi l'articolo

700mila docenti attendono il rinnovo delle GPS graduatorie.

Ma la riapertura sarà quest’anno?

Ecco le ultime notizie.

GPS graduatorie: cosa sta succedendo?

Gran polverone quello che riguarda la prossima riapertura delle graduatorie GPS.

Che poi, di “prossimo” non sembra avere molto, dal momento che Miur e sindacati si stanno dibattendo da giorni sulla questione:

riapertura graduatorie quest’anno o nel 2023?

Vorremmo potervi dare una data certa.
Vorremo poterti consegnare chiarezza, almeno noi, dal momento che le istituzioni non mancano mai di consegnare insicurezza e incertezza a te, e a tutti gli aspiranti docenti.

Ma, come potrai ben immaginare, non abbiamo questo potere.
Il nostro compito si deve fermare nel riportare quanto segue:

nei giorni scorsi, Miur e sindacati hanno dibattuto a lungo
su un possibile rinvio delle graduatorie GPS.

Il primo voleva rinviarle al 2023: i sindacati, invece,
vorrebbero una riapertura graduatorie imminente.

In tutto questo, c’è chi sostiene l’opinione dei sindacati.

Il sottosegretario all’Istruzione, Rossano Sasso della Lega e il responsabile scuola del Carroccio, Mario Pittoni chiedono che non ci sia alcun rinvio delle graduatorie.

Secondo Pittoni, l’imminente riapertura delle graduatorie consentirebbe questo:

“Migliaia di giovani laureatisi negli ultimi due anni avranno la possibilità di accedere all’insegnamento senza ricorrere alla Messa a disposizione (MAD)

Fonte: Orizzonte Scuola

Per il momento, però, nonostante le varie pressioni, ancora non si da nulla di certo riguardo la data di riapertura delle graduatorie.

E sono quasi 700mila i docenti che attendono una risposta.

Su Facebook, il sottosegretario della Lega ha scritto:

“Ritengo che le GPS degli insegnanti vadano aggiornate quest’anno senza ritardi o slittamenti. Questo, sia per consentire nuovi inserimenti, sia per dare la possibilità a chi ha acquisito titoli di poter aggiornare la propria posizione in graduatoria.”

Fonte: Orizzonte Scuola

Aggiornamento graduatorie: e se non venissero rinviate?

Il sottosegretario della Lega dice bene, ovviamente.

La riapertura imminente delle graduatorie darebbe la possibilità di inserire nuove reclute e permetterebbe a chi ha già acquisito dei titoli di aggiornare il proprio posizionamento.

E questo lo sanno ormai tutti i docenti e gli aspiranti che si sono già messi in moto per aggiornare il proprio punteggio, al fine di migliorare il proprio posizionamento in graduatoria.

Rinviare le graduatorie sarebbe un peccato per te,
che ti sei già impegnato così tanto nell’acquisire titoli, certificazioni,
Corsi di Perfezionamento, Master…

Se dovessero davvero rinviare le GPS, che cosa succederebbe?
Tutto rimarrebbe uguale anche per l’anno prossimo?

Nessuno può saperlo.
Non sappiamo nemmeno quali decisioni il Ministero prenderà da qui a giugno, periodo nel quale la riapertura delle graduatorie era ormai prevista.

Ormai lo sai come funziona: i decreti cambiano quando vogliono, le decisioni vengono prese all’ultimo e tu rimani… appeso.
Senza certezze, senza una strada precisa da seguire.

Se hai già conseguito i titoli che ti mancavano, non ti resta che aspettare e sperare che le graduatorie non vengano rinviate…

O forse no.

Forse c’è un’altra strada da seguire.

Invece di metterti seduto e attendere il tuo destino,
c’è un’altra cosa che puoi fare.

Puoi fare tutto ciò che puoi per migliorare
la tua posizione in graduatoria.

Se in questi mesi riesci a portarti avanti e a migliorare la tua situazione attuale, allora hai una speranza di arrivare preparato per la prossima riapertura graduatorie, in qualunque momento essa si verificherà.

Dal momento che non puoi prevedere quando avverrà questo evento, l’unica cosa che puoi fare è essere a posto con la tua coscienza.
Sapere di aver fatto tutto ciò che potevi per migliorarti sarà quello che ti darà la possibilità di stare tranquillo, comunque vadano le cose: sia che le graduatorie riaprano quest’anno sia che vengano rinviate.

E in che modo puoi migliorare la tua situazione?

Affidandoti al protocollo InCattedra.

Scopri InCattedra

Migliora la tua posizione in graduatoria e…

… Otterrai un incarico di supplenza.

Questo è l’unico modo.
Non puoi fare diversamente.
Ma devi farlo subito.
Non puoi aspettare.

Ecco perché ti parliamo di InCattedra.

Questo protocollo ti consentirà di aumentare il tuo posizionamento in graduatoria valutando la tua posizione attuale con quella futura che potresti avere su 6 diverse province.

Questo servizio ti consente di visualizzare le 6 migliori province
dove potrai posizionarti al meglio.

Inoltre, avrai un Piano Carriera delineato sulla tua situazione specifica.
Sarai accompagnato da un consulente che ti dedicherà un’ora di consulenza (telefonica) personalizzata, durante la quale individuerà il percorso migliore da seguire sulla base dell’esperienza che tu hai accumulato fino ad ora nel mondo scuola.
Il consulente valuterà le tue precedenti esperienze (in termini di supplenze svolte), i tuoi titoli di studio conseguiti, tutto in funzione di capire quale punteggio hai ottenuto e quale potresti ottenere in futuro, se seguirai i consigli che ti darà.

Al termine del servizio, ti verrà inviato un report dettagliato, dove potrai visualizzare la proiezione del tuo posizionamento futuro in graduatoria.

In poche parole, con InCattedra ti daremo una certezza: quella di ottenere un percorso, una linea guida da seguire, in un mondo (quello scolastico) dove nessuno sa indicarti qual è la strada migliore per te.

Se ti sembra poco, sei libero di lasciar perdere, ovviamente.
Ma se pensi che questo percorso guidato possa fare al caso tuo, allora, abbiamo ancora due domande da farti…

Hai una Laurea magistrale?
Non ti sei ancora mosso per migliorare il tuo posizionamento in graduatoria?

Lo sai che ti converrebbe farlo
… E farlo subito?

Scopri InCattedra

Leggi anche:

Photo credit: Unsplash.

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it