Graduatorie ATA 24 mesi: ecco come calcolare il punteggio
Condividi l'articolo

C’è ancora tempo per presentare l’istanza relativa all’aggiornamento delle graduatorie ATA 24 mesi: fino al 18 maggio 2022, infatti, si può inviare domanda sulla piattaforma Polis Istanze Online.

Ma quanto vale il servizio svolto? Quale punteggio si può ottenere?

Graduatorie ATA 24 mesi: calcolo del punteggio

La finestra per presentare le domande di aggiornamento delle graduatorie ATA 24 mesi chiude il 18 maggio 2022.

C’è ancora tempo quindi per inviare l’istanza su Polis Istanze Online.

Nel frattempo, la UIL Scuola ha pubblicato alcuni materiali che possono essere d’aiuto per la corretta compilazione delle domande, tra cui dei fogli Excel utili per il calcolo automatico del punteggio.

Analizziamo nello specifico quale punteggio si può ottenere in relazione al servizio svolto:

  • 0,50 punti al mese o frazione superiore a 15 giorni per servizio prestato nelle scuole statali;
  • 0,25 punti per ogni mese (o 16 giorni) di servizio svolto in scuole non statali;
  • altro servizio prestato in scuola statale: 0,10 punti per ogni mese di servizio o frazione superiore a 15 giorni; metà punteggio per servizio prestato in scuole non statali;
  • altro servizio per i profili del Guardarobiere, Addetto alle aziende agrarie e del Collaboratore scolastico viene valutato con 0,15 punti al mese.

Bisogna però sempre ricordare che per partecipare all’aggiornamento delle graduatorie ATA 24 mesi sono necessari determinati requisiti.

Come si entra nelle graduatorie ATA 24 mesi?

Il requisito fondamentale per poter entrare in queste graduatorie è l’anzianità di servizio di almeno due anni, ovvero di 23 mesi e 16 giorni anche non continuativi.

Queste annualità devono essere prestate nel profilo professionale corrispondente al quale si chiede di accedere, oppure in posti corrispondenti della scuola immediatamente superiore a quella del profilo per cui si concorre.

Sono comunque necessari altri requisiti:

  • essere in servizio come personale ATA a tempo determinato nella scuola statale nella medesima provincia e nel medesimo profilo professionale per cui si concorre
  • il personale che non è in servizio in qualità di ATA non perde la qualifica di “personale ATA a tempo determinato della scuola statalese inserito nella GAE della medesima provincia e del medesimo profilo (per il profilo di CS) e negli elenchi provinciali per le supplenze (per i profili di AA – AT – CR – CO – GA – IF)
  • il personale che non si trova nelle precedenti condizioni, conserva la qualifica di “personale ATA a tempo determinato della scuola statalese inserito nella terza fascia delle Graduatorie di circolo o di Istituto per il conferimento delle supplenze temporanee della medesima provincia e del medesimo profilo per cui si concorre

Vediamo in fine i titoli di studio necessari per ogni profilo.

Titoli di studio necessari

Vediamo i titoli di studio necessari per ogni profilo professionale ATA:

  • Assistente Amministrativo: diploma di maturità
  • Assistente Tecnico: Diploma di maturità corrispondente alla specifica area professionale
  • Cuoco: Diploma di qualifica professionale di Operatore dei servizi di ristorazione, settore cucina
  • Infermiere: Laurea in scienze infermieristiche o altro titolo ritenuto valido dalla vigente normativa per l’esercizio della professione
  • Guardarobiere: Diploma di qualifica professionale di Operatore della moda
  • Addetto alle aziende agrarie: Diploma di qualifica professionale

Per il profilo del Collaboratore scolastico sono possibili più titoli di studio:

  • Diploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale;
  • Diploma di maestro d’arte;
  • oppure, Diploma di scuola magistrale per l’Infanzia;
  • qualsiasi diploma di maturità;
  • attestati e/o Diplomi di qualifica professionale, entrambi di durata triennale, rilasciati o riconosciuti dalle Regioni

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pexels.com

author-avatar

Veronica Conti

Classe 1998, è studentessa e insegnante di musica. Ha conseguito il Diploma di Violoncello nel 2018 e, due anni dopo, il Diploma Accademico di II Livello in Violoncello presso il Conservatorio di Cesena. Frequenta il terzo anno all'università di Urbino, Lingue e Culture Straniere profilo linguistico-aziendale, ed è tirocinante presso Docenti.it.