Graduatorie scuola: come funziona la Graduatoria interna d’Istituto
Condividi l'articolo

Ogni anno il Dirigente Scolastico redige la Graduatoria interna d’Istituto.

Si tratta di una Graduatoria importante: può individuare i docenti soprannumerari e, di conseguenza, cambiare l’organico della scuola.

Vediamo il suo funzionamento.

Graduatorie scuola: cos’è la graduatoria interna d’Istituto

Mentre attendiamo i nuovi risvolti riguardo il prossimo aggiornamento graduatorie provinciale GPS, abbiamo deciso di rispolverare il concetto di Graduatoria d’istituto (GI), che spesso viene un po’ accantonato.

I docenti già esperti sapranno a cosa ci riferiamo: conosceranno bene le GI e il loro funzionamento.
Ma per gli aspiranti e i neolaureati, forse sarebbe utile fare un po’ di chiarezza sull’argomento.

Vediamo che cosa si intende con Graduatoria d’Istituto.

La Graduatoria interna d’Istituto è stilata ogni anno dal Dirigente Scolastico.

In questo documento vengono inseriti tutti i docenti con contratto a tempo indeterminato
della relativa istituzione scolastica.

Solitamente la Dirigenza Scolastica pubblica il documento nei 15 giorni successivi alla scadenza delle domande.

Ma quali sono i criteri di stipulazione della Graduatoria?

La struttura della Graduatoria

Esiste una Graduatoria interna per ogni Classe di Concorso
e per ogni tipologia di posto presente nell’organico della scuola.

Devono presentare domanda i docenti di ruolo con titolarità nella scuola o con incarico triennale.

Di conseguenza…

… i docenti che non hanno titolarità nella specifica istituzione scolastica
non devo presentare domanda:
saranno inseriti nella Graduatoria di Istituto della scuola in cui sono docenti titolari.

Ma vediamo nel dettaglio le categorie che devono entrare nella Graduatoria.

Chi deve presentare domanda?

Oltre ai docenti con ruolo titolare o incarico triennale, ci sono altre categorie che possono presentare la domanda:

  • candidati che vogliono presentare domanda di mobilità provinciale o interprovinciale;
  • docenti in servizio in altra scuola con assegnazione provvisoria;
  • docenti in aspettativa, assenti per malattia o in mandato politico.

Chi sono i docenti esclusi?

Queste sono le categorie di docenti esclusi dalle Graduatorie di Istituto:

  • docenti non vedenti o emodializzati;
  • docenti disabili;
  • oppure, docenti non disabili che necessitano di particolari cure con carattere continuativo, che possono essere svolte solo nel comune dove si trova la scuola;
  • docente che è referente unico per l’assistenza del proprio genitore;
  • docente che assiste il coniuge o il figlio.

Vediamo adesso quali sono le caratteristiche delle Graduatorie d’Istituto.
Che cosa ne regola il punteggio e i requisiti.

Requisiti e punteggio

La posizione in Graduatoria è determinata da tre voci principali:

  • anzianità di servizio;
  • esigenze di famiglia;
  • e titoli generali.

Il punteggio è assegnato in base alla tabella di valutazione del CCNI. È importante ricordare che devono essere presi in considerazione soltanto titoli ed esigenze di famiglia in possesso dei docenti entro il termine previsto per la presentazione della domanda di trasferimento.

Vediamo nel dettaglio.

Anzianità di servizio

Ecco le voci che costituiscono l’anzianità di servizio:

  • servizio nel ruolo di appartenenza;
  • inoltre, servizio in altro ruolo;
  • servizio pre-ruolo;
  • punteggio di continuità;
  • bonus di 10 punti.

Esigenze di famiglia

Vediamo le voci relative alle esigenze di famiglia:

  • il ricongiungimento al coniuge è valido nei casi in cui il familiare risiede nel comune in cui il docente è titolare;
  • i punteggi relativi ai figli valgono sempre, considerando il compimento dei 6 anni o dei 18 anni entro il 31 dicembre dell’anno in cui si effettua il trasferimento;
  • la cura e l’assistenza dei figli minorati vale quando il comune in cui si presta l’assistenza coincide con quello di titolarità del docente.

I docenti sono inseriti in base ai punteggi ottenuti.

Quando si ha una parità di punteggio,
precede il docente che ha maggiore età anagrafica.

In coda sono posizionati i docenti con il punteggio più basso.

Inoltre, si posizionano in questa fascia anche i docenti entrati a far parte dell’organico dell’autonomia dell’istituzione scolastica, con decorrenza dal precedente primo settembre per mobilità a domanda volontaria, o in seguito a immissione in ruolo.

graduatorie scuola

Graduatorie GPS: la situazione attuale

Oltre alle Graduatorie d’Istituto, ci sono altre graduatorie che regolano le assunzioni di docenti per l’intero anno scolastico.

Stiamo parlando, ovviamente, delle Graduatorie GPS.

Il prossimo aggiornamento avrebbe dovuto verificarsi nell’estate 2022, secondo le promesse del Ministero.

Ma…

Nei giorni scorsi il Miur e i sindacati si sono riuniti
per decidere il da farsi sul futuro aggiornamento delle graduatorie scuola.

Mentre i sindacati erano assolutamente contrari ad un ipotetico rinvio, il Ministero sembra voler proseguire su questa linea di pensiero e posticipare la riapertura graduatorie all’anno scolastico 2023/24.

Dal momento che immaginiamo quale danno enorme potrebbe essere per te (docente o neolaureato magistrale che aspirava ad inserirsi in graduatoria quest’anno), dobbiamo metterti in guardia.

Il Ministero è spesso incline a cambi d’idea e colpi di scena all’ultimo minuto.
Per questo ci teniamo a dirti che…

… È molto probabile che il prossimo aggiornamento graduatorie si terrà quest’estate,
esattamente come si era previsto nei mesi scorsi.

Per questo motivo, è bene che tu sia preparato e pronto all’azione, in qualunque momento.

Aggiornamento graduatorie: la tua guida strategica

Per questo ti parliamo di InCattedra.
Un protocollo innovativo che abbiamo creato per aiutarti ad ottenere incarichi di supplenza nel breve tempo.

Attivando InCattedra tu riuscirai a:

  • verificare la tua posizione attuale in graduatoria e quella che avrai, se seguirai i nostri consigli;
  • scoprire in quali 6 province potresti posizionarti al meglio;
  • ottenere una consulenza telefonica di un’ora con uno dei nostri consulenti esperti, che ti indicherà la migliore strategia da attuare per scalare le graduatorie;
  • ottenere un report personalizzato che diventerà la tua Bibbia per riuscire a muovere i passi nella giusta direzione… e ottenere incarichi di supplenza, una volta che le graduatorie saranno aperte!

Attivando InCattedra tu otterrai una guida strategica,
in grado di consegnarti direttamente le armi vincenti
per sapere come muoverti da qui fino a quando le graduatorie riapriranno.

Potrai scoprire esattamente quello che dovrai fare, ottenendo un Piano Carriera cucito su misura in base alla tua situazione specifica.

Quello che devi fare è semplicemente agire adesso.

Devi muoverti ora che hai ancora tempo.
Se le graduatorie verranno riaperte a giugno, hai ancora pochi mesi che ti separano da questo evento.

E il tempo per seguire il percorso indicato a te non ti basterà, se aspetti che sia il Ministero ad indicarti cosa devi fare.

Il mondo scuola è molto complicato: non puoi pensare di avere certezze perché nessuno te le darà.

Devi muoverti in anticipo e giocare d’astuzia.
Anche perché…

Se è vero che il tempo non gioca esattamente a tuo favore, in questo oceano di incertezze…

… È anche vero che sei tu al timone della nave!

Scopri InCattedra

Leggi anche:

Photo credit: unsplash.com

author-avatar

Veronica Conti

Classe 1998, è studentessa e insegnante di musica. Ha conseguito il Diploma di Violoncello nel 2018 e, due anni dopo, il Diploma Accademico di II Livello in Violoncello presso il Conservatorio di Cesena. Frequenta il terzo anno all'università di Urbino, Lingue e Culture Straniere profilo linguistico-aziendale, ed è tirocinante presso Docenti.it.