Riapertura graduatorie scuola: non puoi migliorare la tua posizione da solo

Riapertura graduatorie scuola: non puoi migliorare la tua posizione da solo
Condividi l'articolo

Riapertura graduatorie scuola: spesso pensiamo che non possiamo cambiare il sistema ma il sistema siamo noi.

E se vuoi cambiare le situazioni esterne, devi partire da te stesso.

Inizia a fare qualcosa per migliorare la tua posizione in GPS a prescindere da quando ci sarà la riapertura graduatorie scuola.

Riapertura graduatorie scuola: quando sarà?

Ne abbiamo già parlato molte volte.
Lo sai.

Talmente tante che sarai stufo di sentirlo, ormai.

Noi non possiamo ancora dirti con esattezza quando ci sarà
la riapertura graduatorie scuola.

E come possiamo saperlo noi…
… Se nemmeno il Ministero lo sa?

Ecco, appunto.

Però, ci teniamo a metterti al corrente delle ultime “voci di corridoio”:

Si vocifera che sarà possibile presentare domanda per la riapertura delle graduatorie entro maggio.

Ovviamente, si tratta di “voci”, quindi non c’è ancora nulla di certo.

Se sei un docente esperto, oramai ti sarai abituato:
a vivere nell’incertezza, a non sapere mai quale sarà il tuo futuro e…

… A ricevere le notizie sull’imminente riapertura delle graduatorie
con solo due settimane di anticipo dalla data effettiva.

Sono cose già accadute in passato, se ben ricordi.
Quindi… cosa ti fa pensare che questa volta sarà diverso?

Si, adesso il Miur sembra deciso a rinviare le GPS, ma cosa ti fa credere che non cambierà nuovamente idea a giugno?
Annunciando la data di riapertura poco prima e ufficializzando le procedure online (che, se sono come negli anni passati, nella migliore delle ipotesi hai davanti a te un bel guaio da affrontare).

Per questo, vogliamo dirti con sincerità che è bene che tu sia preparato
a qualunque colpo di scena ti si presenterà davanti.

È molto probabile che nel mese di giugno in soli venti giorni di tempo
il Miur cercherà di aggiornare le graduatorie,
con tutte le conseguenze caotiche che questo fatto comporterà per te

e per tutti gli aspiranti docenti come te.

Per questo motivo, devi assolutamente avvantaggiarti rispetto ai tempi, anche perché, francamente dobbiamo anticiparti che…

… Il tempo per prepararti al meglio per il prossimo aggiornamento graduatorie è poco.

Sarai perfettamente in grado anche tu di contare sulle dita di una mano, come noi, tanto da capire che da qui a giugno i tempi sono veramente molto molto stretti.

Ma a prescindere da quanto avverrà veramente la riapertura, tu ora devi concentrarti su quello che davvero conta per te, ovvero: prepararti al meglio.

Non importa se la realtà esterna non ti sta dando le certezze che vorresti.
A volte il più grande sbaglio che facciamo tutti noi è quello di pretendere e chiedere che l’esterno cambi, quando, in realtà, dobbiamo essere noi i primi a farlo.

Vedendo la situazione di estrema incertezza attuale, se tu decidi di accomodarti sulla poltrona e non fare più nulla e svegliarti solo a giugno per scoprire che il Ministero ha deciso di riaprire le graduatorie a sorpresa, a quel punto, tu sarai l’unico da biasimare.

Perché sono mesi che ti diciamo che devi avere un piano B, che devi muoverti in anticipo perché nel mondo scuola non si sa mai cosa può succedere…

Per questo, a prescindere da quando verrà fatto l’aggiornamento, tu devi iniziare fin da ora a prepararti.

Ma vediamo in che modo puoi farlo.

Hai una Laurea magistrale?

Allora clicca qui e incomincia a…

Scoprire InCattedra

riapertura graduatorie scuola

Hai bisogno di una strategia: ma quale?

Quello che è chiaro (almeno, a noi) è che non puoi andare all’arrembaggio.

Non puoi pensare di riuscire a fare tutto quello che devi per aumentare il tuo posizionamento in graduatoria (se sei già inserito) o iscriverti al meglio in cosi pochi mesi.

Devi procedere per step, o meglio:
devi avere di fronte a te una guida che ti indichi i passi giusti da compiere.

Anche perché, la faccenda che riguarda la riapertura graduatorie scuola è complicata: le voci che circolano sono tante ma, soprattutto, sono tantissimi i docenti già inseriti.
E solo 700mila sono quelli che si devono ancora inserire.

Per cui, capisci bene che se attualmente tu godi di un punteggio nella media, beh…
Ci duole dirti che non basta, in questo caso.
Faresti meglio a puntare sull’eccellenza.

Se poi, hai un punteggio veramente basso, che comprende solo il voto di laurea, allora la faccenda qui diventa drammatica.

Anche perché, dobbiamo dirti che…

… Se rimani con il tuo punteggio attuale, tu non otterrai MAI convocazioni!

È molto importante che tu lo sappia,
dal momento che il punteggio con il quale sei posizionato nelle graduatorie provinciali
è molto determinante per la tua situazione lavorativa futura.

Ma ormai l’avrai capito.

Ma ecco un’altra cosa che dovresti capire…

… Per poter aumentare il tuo punteggio in graduatoria non ti serve soltanto frequentare corsi o conseguire Master: questo è il percorso che TUTTI ti consigliano di fare, senza in realtà dirti veramente come stanno le cose.

Perché la verità è TUTTI gli aspiranti docenti si concentrano su questo aspetto…
… Tralasciando però una cosa molto importante.

Se ci focalizziamo sul compiere le stesse azioni, il risultato non sarà uguale per ognuno di noi: ci sarà una piccola porzione di persone che arriverà prima, mentre il resto del mondo…
… Resterà indietro.
Ad assistere ai successi degli altri.

La verità, che nessuno ti dice, è questa: quando tutti seguono la stessa identica strada,
tu devi crearti un percorso alternativo se vuoi veramente AVVANTAGGIARTI rispetto agli altri.

Infatti, vista la quantità infinita di docenti già iscritta nelle graduatorie GPS, la tua unica chance di ottenere incarichi deve incentrarsi su un unico obiettivo:

avere una strategia.

Una strategia che ti permetta di pensare fuori dagli schemi e di guardare dove nessun altro guarda.

E per poterlo fare non puoi continuare a fare quello che fanno tutti: conseguire Master, Corsi di Perfezionamento e certificazioni informatiche e linguistiche.

Questo sistema ormai è superato, non basta più!

Per poter superare gli altri candidati devi ampliare i tuoi orizzonti.

In che modo?

Scoprendo su quale provincia potresti ottenere un posizionamento migliore
per la tua situazione specifica.

Scopri InCattedra

Chi ti indica la provincia migliore in cui inserirti?

Se tutti sentono che su Perugia vi è richiesta di docenti con Classe di Concorso A22 (Italiano, storia, geografia, nella scuola secondaria di I grado), tutti si inseriranno lì.

Allo stesso modo: ci sono Classi di Concorso e città dove è assolutamente sconsigliabile inserirsi.

Un esempio?
Su Milano, ci sono già 15mila persone inserite con la A46.

La A46 (scienze giuridico-economiche) è una CdC molto satura e Milano è una provincia enorme: di conseguenza, l’unico modo in cui potresti ottenere convocazioni a queste condizioni è avere un punteggio altissimo.
Se non è cosi, ti consigliamo già fin da ora di lasciare perdere.

Ci sono sicuramente persone che non possono viverla così semplice.
Forse tu non puoi spostarti. Magari non puoi lasciare la tua famiglia.

Eppure, se vuoi davvero insegnare certi sacrifici devi essere disposto a farli.

Ti ricordi di Michela?
Ne avevamo parlato qualche mese fa in un articolo (puoi leggere qui la sua storia): anche Michela era in questa situazione. Viveva su Rimini ma lì non c’erano possibilità per lei.

E così cos’ha fatto?

Ha richiesto una consulenza e uno dei nostri consulenti le ha indicato qual era la via più corretta per lei: qualche tempo dopo, Michela si è inserita su Bergamo e, dopo pochissimo tempo, ha ricevuto una convocazione per insegnare lì.

Il resto è storia. La sua storia.

E la tua?
Non vuoi che anche la tua sia così?

riapertura graduatorie scuola

Non vuoi avere anche tu assistenza, un consulente che sia disponibile a offrirti un’ora di consulenza telefonica personalizzata sulla base della tua situazione specifica?

E non vorresti ricevere indicazioni chiare e concise con un report che ti indichi in quali 6 province potresti posizionarti al meglio e ottenere subito una convocazione?

Se la risposta a tutte queste domande è “si”, allora…

Scopri InCattedra

Gratis o a pagamento: qual è la differenza?

Ovviamente, il servizio InCattedra non è gratuito.

Non l’abbiamo specificato fino ad ora, ma avresti dovuto immaginartelo.

InCattedra non è gratis.
E come avrebbe potuto?

In questi 6 anni abbiamo aiutato oltre migliaia di docenti e neolaureati
ad entrare nel mondo scuola.

Se lo avessimo fatto gratis, che razza di assistenza avremmo potuto darti?
E che razza di servizio avremmo potuto trasmetterti?

Certo, c’è chi lo fa gratis.
E dal momento che noi non abbiamo niente da nascondere, te lo diciamo chiaramente: il sindacato lo fa gratis.

Se vai da un sindacato, ti indica qual è la tua posizione attuale in graduatoria.

Peccato che…

… Per il sindacato tu non sia nessuno.
Sei solo un numero, l’ennesimo, che gonfia le infinite fila di persone che tutti i santi giorni si recano lì per avere risposte ai loro problemi.

Sei solo un peso, capisci?
Al sindacato tu convieni per via della tessera, certo… Ma poi?
Che assistenza pensi che siano in grado di darti?

Pensi che potrebbero mai dedicarti un’ora di consulenza?
Sul serio?
Pensi che avrebbero il tempo di farti una proiezione delle 6 migliori province in cui posizionarti al meglio?

No, no e ancora… no.

Il sindacato non sa nulla di che cosa sia necessario fare per poter accedere al mondo scuola.

Se non ci credi, puoi recarti ad un sindacato e verificare di persona.
Nel mentre, se non ti dispiace, ti riepiloghiamo i motivi per i quali dovresti affidarti ad InCattedra.

Questo protocollo ti consentirà di:

  1. ottenere una consulenza telefonica di un’ora con uno dei nostri consulenti esperti, che ti indicherà la migliore strategia da attuare per scalare le graduatorie;
  2. verificare la tua posizione attuale in graduatoria e quella che avrai, se seguirai i nostri consigli;
  3. vedere con i tuoi occhi quale posizionamento potrai ottenere su 6 diverse province!

Ma ricorda: puoi fare InCattedra… solo se hai una Laurea magistrale.
Altrimenti non ti è possibile.

Per inserirti in graduatoria hai bisogno di una Laurea magistrale completa e dei 24 CFU per l’insegnamento.

Ma non solo.
Questa rappresenta la parte finale del percorso, quella dell’inserimento in graduatoria.
Prima di arrivare a questo… c’è tutta una parte centrale, decisiva: quella che deriva dai passi che farai per poter arrivare alle graduatorie GPS preparato e al massimo del tuo potenziale!

Non devi pensare che sia impossibile riuscire ad ottenere il meglio dalla tua situazione.

Anche se la tua situazione appare “disperata”.
Anche hai perso fiducia nel sistema, nelle istituzioni che regolano il mondo scuola e lo rendono un groviglio caotico di decisioni comunicate all’ultimo.

Non pensare che sia impossibile.

Spesso, infatti, nutriamo la consapevolezza che non possiamo cambiare il sistema, ma il sistema siamo noi.

E per cambiare le cose dobbiamo partire da noi stessi.
Non esiste altro modo.

Per cui… fai qualcosa ORA per migliorare la tua posizione in graduatoria,
a prescindere da quando sarà la riapertura.

Puoi iniziare da qui.

Scopri InCattedra

Leggi anche:

Photo credit: Unsplash.

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it