Come diventare insegnante: dalle MAD all’inserimento in GPS. La storia di Michela
Condividi l'articolo

Come diventare insegnante?

Vi raccontiamo la storia di Michela, una delle tante aspiranti docenti che si è affidata a noi… e ce l’ha fatta!

Scopri in che modo Michela è riuscita ad ottenere incarichi di supplenza annuali dopo solo un anno dall’invio delle domande di Messa a Disposizione.

Continua a leggere.

Come diventare insegnante con la Messa a Disposizione

Laureata in Lettere Moderne con 110, Michela è una delle nostre docenti più brillanti e caparbie.

Dopo avere conseguito brillantemente la laurea, la nostra protagonista si rivolge a noi per capire in che modo muoversi nell’intricato mondo dell’insegnamento.

Michela vive a Rimini quando decide di inviare la sua prima
domanda di Messa a Disposizione con la nostra piattaforma.

Così, forti della nostra esperienza nel settore, aiutiamo Michela nella compilazione della sua MAD e le consigliamo di optare per una provincia diversa dalla sua, in quanto su Rimini, per la sua Classe di Concorso, sarebbe difficile per lei ottenere una convocazione.

Precisiamo che Michela poteva candidarsi come supplente nelle scuole per le seguenti Classi di Concorso:

  • A12 (Discipline letterarie negli istituti di istruzione secondaria di II grado),
  • A11 (Discipline letterarie e latino),
  • e A22 (Italiano, storia, geografia, nella scuola secondaria di I grado).

Ma, nonostante i nostri consigli, Michela decide ugualmente di inviare la sua Messa a Disposizione su Rimini.

Così, invia la MAD e aspetta.
E aspetta.

Aspetta per diverso tempo di ricevere una convocazione
ma questo non succede.
Su Rimini, per la sua Classe di Concorso nessuno la chiama.

Che fare?

Invia la tua MAD online

La procedura per diventare docente: conseguire i corsi

Michela è parecchio disperata.
Sono ormai passati dei mesi e lei non vede un’ombra di convocazione.

Propio come le avevamo predetto noi.

Eppure lei ha seguito alla lettera la procedura necessaria: ha inviato le MAD sulla provincia che le interessava.

Ha davvero sbagliato a rimanere su Rimini?

Questa domanda la assilla giorno e notte…
… finché non riceve una convocazione per insegnare all’asilo.

Si tratta di una supplenza di 10 giorni.
Non è esattamente quello in cui sperava Michela, però lei accetta.

Invia la tua MAD online

Una volta terminata la supplenza, Michela rimane a casa dal lavoro.

Ci ricontatta per sapere in che modo può muoversi adesso.

Noi le consigliamo di procedere con il secondo step:
conseguire i corsi che le daranno il punteggio per le graduatorie.

A quel tempo, le graduatorie provinciali (GPS) avevano durata triennale, non biennale.
Di conseguenza, sbagliare l’inserimento in graduatoria equivaleva a non ottenere incarichi per tutto quel lasso di tempo.

In pratica:
se Michela non avesse seguito alla lettera il nostro consiglio
di iniziare a conseguire dei corsi per aumentare il proprio punteggio,
sarebbe rimasta disoccupata per 3 anni di fila.

Così Michela decide di darci ascolto e intraprende questa strada.
Nel minor tempo possibile riesce a conseguire quattro corsi, riconosciuti dal MIUR, per lei molto importanti in termini di punteggio:

  • l’Eipass Teacher;
  • l’Eipass LIM;
  • la certificazione linguistica di inglese C1;
  • il Master “Il bullismo: interpretazione fenomenologica, prevenzione e didattica“.

Questi corsi le consentono di formarsi ancora di più per la professione che andrà a svolgere e accumulare maggiore punteggio…

… In vista della riapertura graduatorie!

Effettivamente, poco dopo aver conseguito questi corsi, le graduatorie provinciali riaprono.

Michela ora deve capire bene cosa fare:
rimanere su Rimini oppure cambiare provincia.

Ma come può sapere quale destino la aspetta su Rimini e quale sarà invece il suo percorso su una provincia diversa?
Dove avrà maggiori possibilità di ottenere una convocazione?

Per saperlo, decide nuovamente di rivolgersi a noi.

E così incontra InCattedra,
un servizio innovativo che le consente di interfacciarsi
per un’ora di consulenza con uno dei nostri consulenti più esperti.

Michela conosce Simone, che può analizzare la sua situazione specifica (titoli di studio, corsi conseguiti e supplenze ricoperte nella scuola) e costruire un Piano Carriera personalizzato.

Ma c’è un’altra cosa che Simone fa per lei.
Un’altra informazione molto importante che riesce a darle.

Continua a leggere.

Scopri InCattedra

Iscriversi in graduatoria GPS: la scelta della provincia

Il nostro consulente le presenta un report, dove sono indicate le 6 migliori province nelle quali Michela potrebbe ottenere un posizionamento più alto per la sua situazione…

… Aumentando così le sue possibilità di ottenere una supplenza!

Michela vede, nero su bianco, la sua posizione attuale in graduatoria e quella futura, che potrebbe raggiungere se decidesse di inserirsi in una di quelle province consigliate dal consulente.

In questo modo Michela non può avere dubbi:
Bergamo è la provincia dove potrebbe ottenere un posizionamento migliore
e lì lei sceglie di inserirsi!

Dopo essersi inserita, Michela continua a vivere a Rimini… ma le convocazioni da Bergamo non tardano ad arrivare.

Michela viene chiamata per una supplenza. Poi per due. Infine, per tre.
Sono tutte supplenze brevi, che lei non può accettare.

Infatti, trasferirsi a Bergamo significa mettersi alla ricerca di una casa, lasciare famiglia e amici, e Michela non può fare un cambiamento simile per un mese di incarico.

come diventare insegnante

Arriva settembre e Michela riceve un’altra convocazione: si tratta di un’incarico alle medie fino a dicembre.
Non è esattamente quello che Michela vorrebbe, però lei accetta.

Ora Michela ha capito come diventare insegnante:
sa che non può avere tutto e subito ma che per ottenere l’incarico che vuole lei
deve avere pazienza.

Non può continuare a rifiutare supplenze: deve iniziare a fare esperienza, perché anche una supplenza breve può permetterle di conseguire punteggio.

Così, Michela si trasferisce a Bergamo e inizia ad insegnare.

Scopri InCattedra

Come diventare insegnante: accettare gli incarichi, anche se…

… Non sono quelli che vorresti.

Questo prova Michela, mentre è a Bergamo e insegna in un classe di scuola media.
Michela vorrebbe insegnare in una scuola superiore, in quanto questa esperienza non le sta piacendo molto.

E così a dicembre la scuola le propone di continuare con la supplenza alle medie, ma Michela rifiuta.

A questo punto, però, ha maturato punteggio:
per questo motivo, riesce ad ottenere un incarico in una scuola superiore,
fino alla fine dell’anno scolastico.

Con l’arrivo del nuovo aggiornamento graduatorie, Michela si affida nuovamente al nostro servizio InCattedra.
Questa volta è Gioia ad occuparsi del suo Piano Carriera.

Gioia vede chiaramente la sua situazione attuale: adesso Michela ha un punteggio molto più alto e su Bergamo potrebbe avere ancora più chance di una convocazione.

Quindi, la consulente Gioia le consiglia di rimanere su Bergamo.

Michela segue il suo consiglio:
le graduatorie GPS riaprono e lei si inserisce nuovamente su Bergamo.

A quel punto, Michela riesce ad ottenere quello che più sogna: un incarico annuale per la sua Classe di Concorso sulla quale voleva insegnare (la A12) in una scuola superiore.

L’anno seguente, Michela ottiene un altro incarico annuale. E poi un altro ancora.

Attualmente, Michela ha accumulato ben 65 punti in graduatoria.

Se non si fosse affidata ad InCattedra, Michela sarebbe sempre rimasta su Rimini, senza sapere che non avrebbe mai avuto una chance di convocazione per via dei numerosi docenti inseriti sulla stessa provincia per le sue stesse Classi di Concorso.

Se non si fosse affidata ad InCattedra…

… Michela non sarebbe MAI stata chiamata ad insegnare.

Scopri InCattedra

Leggi anche:

Photo credit: Pixabay.

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it