Inizio scuola: verranno erogati 1300 euro a famiglia?
Condividi l'articolo

A settembre si ritorna sui banchi. L’inizio scuola è da sempre un momento di spesa per le famiglie: libri, zaini, materiali vari…

Ma è possibile risparmiare sulle spese scolastiche? Sono previsti degli aiuti per le famiglie?

Inizio scuola: quanto spendono in media le famiglie?

Le famiglie si stanno preparando alle grandi spese per il ritorno sui banchi di scuola.

Ogni anno, infatti, i genitori degli alunni della scuola italiana devono affrontare molte spese per i materiali scolastici.

E quest’anno i prezzi sembrano ancora più alti.

Anzi, si parla di un aumento del 7% rispetto all’anno scorso, numero dettato dalla crescita dell’inflazione.

In media si spendono circa 60 euro per i materiali base, come matite, penne, gomme, astuccio ecc…

Ma come si sa, le generazioni stanno cambiando, e così anche le mode.

Uno zaino di marca o un diario sponsorizzato da un influencer possono raggiungere, rispettivamente, anche i 200 e i 30 euro.

Così, la stima delle spese scolastiche delle famiglie italiane si aggirerà sui 588 euro per l’a.s. 2022/23.

Ma mancano ancora all’appello i libri di testo...

A conti fatti, la spesa complessiva potrebbe raggiungere circa 1300 euro.

Tuttavia si stanno alzando diverse proposte da parte del Governo per la detrazione dei libri e delle spese di cancelleria.

Vediamo.

Rientro a scuola: detrazione libri e cancelleria?

Rossano Sasso, Sottosegretario dell’Istruzione, ha illustrato brevemente le ultime proposte della politica in merito alle spese scolastiche, con l’obiettivo di alleggerirle.

La proposta della Lega è quella della detrazione fiscale di tutte le spese sostenute dalle famiglie per l’istruzione fino alle Scuole Superiori.

Come sottolinea Sasso, attualmente la gratuità è prevista solo per la Scuola Primaria.

Un’altra proposta avanzata, sempre da parte della Lega, è “quella di un accordo con gli editori per agevolare il riutilizzo dei libri adottati negli anni scorsi“.

Continua Sasso: “spesso le nuove edizioni, che costringono i genitori a sobbarcarsi una spesa notevole, differiscono dalle vecchie solo per delle inezie, mentre argomenti e contenuti rimangono gli stessi. In questo modo si darebbe un’ulteriore mano alle famiglie ad affrontare un autunno che si preannuncia tutt’altro che semplice“.

In attesa di questi provvedimenti è però comunque possibile risparmiare sulla spesa scolastica.

Ecco quali strategie adottare.

Inizio scuola: i consigli per ridurre le spese scolastiche

Secondo il Codacons, è possibile risparmiare fino al 40% sulle spese scolastiche.

Ma come fare?

Prima di tutto, abbandonare le mode degli influencer: si possono trovare materiali di qualità anche se non pubblicizzati da personaggi famosi.

Un altro consiglio è quello di comprare materiale nei supermercati. In questo modo, sempre secondo i dati del Codacons, sarà possibile risparmiare fino al 30% sulla cartolibreria.

Infine, ecco altre strategie da adottare:

  • non è necessario fare scorte di quaderni: spesso aspettando si risparmia
  • è bene aspettare le indicazioni dei professori per i materiali più tecnici, evitando il rischio di comprare qualcosa per poi non utilizzarla

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pixabay.com

author-avatar

Veronica Conti

Classe 1998, è studentessa e insegnante di musica. Ha conseguito il Diploma di Violoncello nel 2018 e, due anni dopo, il Diploma Accademico di II Livello in Violoncello presso il Conservatorio di Cesena. Frequenta il terzo anno all'università di Urbino, Lingue e Culture Straniere profilo linguistico-aziendale, ed è tirocinante presso Docenti.it.